BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Immigrati, Lega: “Un fondo per agevolare i rimpatri”

Una distribuzione delle risorse agli stranieri direttamente proporzionale alla loro presenza in citt?? e l???istituzione di un fondo per agevolare i rimpatri.

Più informazioni su

Una distribuzione delle risorse agli stranieri direttamente proporzionale alla loro presenza in città e l’istituzione di un fondo per agevolare i rimpatri. Lo propone la Lega Nord per distribuire maggiori risorse ai bergamaschi bisognosi.
Parametrare le spese sociali per gli extracomunitari alla loro presenza sul territorio. E’ la proposta avanzata dal gruppo della Lega Nord a Palazzo Frizzoni, per una ridistribuzione delle risorse nel settore del sociale. Un provvedimento che, se venisse adottato, consentirebbe di poter effettuare una distribuzione delle risorse agli stranieri direttamente proporzionale alla loro presenza in città, a Bergamo pari circa al 13 per cento della popolazione complessiva. “Questo permetterebbe di ripartire la quota secondo un metodo a nostro giudizio più corretto ed equo – dichiara il capogruppo della Lega Nord Alberto Ribolla -, che porterebbe ad avere maggiori risorse a disposizione dei cittadini bergamaschi. Nel bilancio di previsione 2011 i tagli nel sociale ( pari al 5% su una spesa complessiva di 23 milioni di euro) sono stati maggiormente contenuti rispetto ad altri settori. Considerando il momento di difficoltà economica che stiamo vivendo sarebbe utile poter indirizzare questi aiuti alle tante famiglie bergamasche che stanno pagando gli effetti della crisi. La riparametrazione della spesa sociale degli immigrati, in proporzione alla loro presenza sul territorio ci consentirebbe di attuare questa ridistribuzione”. Il provvedimento sta per essere adottato a Verona ed è stato proposto anche in Comuni come Milano e Brescia, dove la presenza degli immigrati è in continua crescita, così come la spesa sociale a loro destinata.
Una situazione aggravata dalla crisi, che ha lasciato molti stranieri senza un posto di lavoro. “Molti di loro vorrebbero fare rientro nel loro Paese d’origine” – dichiara il segretario provinciale della Lega Nord e assessore alla Sicurezza Cristian Invernizzi, dal quale arriva la proposta di istituire un fondo per agevolare i rimpatri. “L’istituzione di un fondo di questo tipo – spiega Invernizzi – permetterebbe di far rientrare a casa tutti coloro che sono rimasti senza un impiego ma che per questioni economiche non riescono a ritornare nel loro Paese. Agevolare i rimpatri ci darebbe la possibilità di recuperare risorse da utilizzare per aiutare i tanti cittadini bergamaschi in difficoltà”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Mohamed

    @lara, Anzitutto buona pasqua. Credo che Lei abbia ragione, perché chi se la passa male firmerebbe qualsiasi cosa pur di ottenenre qualche soldo. Finiti quelle somme cercherà di tornare oviamente da clandestino. Cosa diversa se la cosa e’ pensata con dei progetti sensati di rimpatrio studiati insieme anche alle autorita dei rispettivi paesi di provenienza. Ma perché non un piano Marshall: risolverebbe il problema dei migranti ma anche quello delle piccole imprese italiane che troverebbero la vi

  2. Scritto da zio americano

    @21 mohamed.. eh si, un piano Marshall, tanto di soldi da spendere e spandere ce ne sono una montagna….tutto va benissimo, siamo tutti ricchi!!

  3. Scritto da Nicola

    “L’Italia è stata interessata al fenomeno dell’emigrazione. Il fenomeno ha riguardato in primis il Settentrione (Piemonte, Veneto, Lombardia e Friuli in particolare).

    Tra il 1861 e il 1985 sono state registrate più di 29 milioni di partenze dall’Italia.”

    Chissà perchè questo non viene scritto sui quotidiani della propaganda leghista, così diffusa nelle regioni Settentrionali..
    Bisognerebbe ricordarlo ogni volta.

  4. Scritto da alfredo

    x costituzionale. Non esageriamo, gli immigrati regolari pagano tasse ma ricevono anche moltissimo, spesso piu’ degli italiani. Nella mia azienda metalmeccanica ho un 25 enne marocchino, bravissimo sul lavoro. Il padre, pero’, da un anno non lavora, la madre chiaramente sta a casa, la sorella di 22 anni (incinta) non lavora, e suo marito (muratore) fa lavoretti saltuari. .. ergo 5 persone, 1 lavora gli altri… ???

  5. Scritto da Giacomo Angeloni

    se avessero il coraggio di farlo con un documento in consiglio comunale….. è solo un modo per inquinare il dibattito con concetti razzisti e privi di fondamento! e per sopstare l’attenzione sui tagli scriteriati di questa giunta!

  6. Scritto da lara

    .. il 38% di PIL in nero (tradotto esentasse) evidentemente prodotto con forza lavoro su cui non si pagano contributi ..
    Bergamonews ha già avuto modo di segnalare quanto segue:
    ..in evidenza un elevato, elevatissimo numero di interventi che hanno portato a scoprire che su ben 2.590 milioni di euro non sono state pagate le tasse in Bergamasca..
    https://www.bergamonews.it/economia/articolo.php?id=37496
    Prima di parlare, e scrivere, i leghisti contino fino al 1000..

  7. Scritto da bungabunga

    Per il fondo rimpatrio credo ci siano le possibilità di farlo accettare, basterebbe che sia per scelta dello stesso straniero. Conoscendo il contesto credo che troverebbe tanti stranieri d’accordo. Mentre per il limte di spesa per gli stranieri non sarebbe accettata perché inconstituzionale, inquanto sancisce di fatto l’Apartheid.

  8. Scritto da lara

    In Francia quando hanno deciso di sovvenzionare i rimpatri hanno ottenuto che gli immigrati trascorressoro qualche giorno dai parenti, poi son ri-immigrati.

  9. Scritto da bergamo LIBERA

    Direi di agevolare il rimpatrio ad arcene dell’assessore,quelli si che sarebbero soldi spesi bene.

  10. Scritto da COSTITUZIONALE

    @ il solito
    Con 150 miliardi di evasione fiscale c’è poco da vantarsi di aver pagato. C’è solo da ringraziare chi viene tassato alla fonte, immigrati in primis.

  11. Scritto da Cicce Fraina

    In Italia facciamo il 38% di PIL in nero (tradotto esentasse) evidentemente prodotto con forza lavoro su cui non si pagano contributi posso immaginare per la maggior parte costituita da immigrati clandestini. Il (Vostro) ministro delle finanze ieri ha detto che si devono ridurre i controlli fiscali alle aziende perché fanno perdere tempo, ciò va assieme allo scudo fiscale, ai condoni e alla depenalizzazione del falso in bilancio. Basta bugie, la lega è al governo e condivide tutte quste cose.

  12. Scritto da Marco Brembilla

    Pura demagogia alla ricerca del consenso elettorale. Perchè con una maratona di tre giorni non è stato presentato un emendamento per spostare le risorse? Semplicemente perchè non si può.
    Mi sono anche un po’ stancato di questo populismo di bassa lega!

  13. Scritto da bgdoc

    Questa uscita il giorno dopo l’approvazione del bilancio dimostra tutta l’incapacità di governare da parte di una forza politica al potere ( perché’ non e’ al governo) da anni senza alcun risultato. E non si parli del federalismo che e’ una sola. (semplice trasferimento parziale futuro in cambio di tagli certi ed immediati)

  14. Scritto da Bg DOC

    Ma Brembilla sa leggere? Chiedere di rivedere le graduatorie e la distribuzione dei fondi sociali non mi sembra, da estraneo ai lavori, sia da proporre come emendamento al bilancio per spostare fondi: si tratta solo di cambiare il metodo!

  15. Scritto da Frecc

    Prima li fanno arrivare con i loro Pgt ,abitazioni e capannoni come se piovesse nei paesi ad amministrazione leghista, e adesso li pagano per andare via ?

  16. Scritto da Gaetano Bresci

    togliere ai poveri per dare ad altri poveri (però LOCALI), ecco un’altra grande proposta leghista che tace (e approva) a riguardo della rapina continua a danno di tutti operata da evasori, operatori finanziari e faccendieri vari

  17. Scritto da polaroid

    il giovane leghista Ribolla ha imparato bene a muoversi nel teatrino della politica: tanto fumo sui giornali per acchiappare l’attenzione, poco arrosto negli atti concreti, in comune. La lega ha ormai imparato e mette in pratica in pieno modi della politica da prima repubblica, et voilà un cirino pomicino sotto le spoglie di un ribolla nostrano…

  18. Scritto da ureidacan

    E’ incredibile! Ieri sera c’è stato l’ultimo consiglio comunale di Bergamo sul bilancio, nel quale si poteva decidere di spostare risorse da un settore all’altro, e la Lega non ha presentato nessun emendamento in proposito ed oggi lo fa sui giornali!

  19. Scritto da COSTITUZIONALE

    I tanti cittadini bergamaschi in difficoltà spesso sono pensionati.
    Senza pensione questi cittadini bergamaschi peggiorerebbero le loro condizioni.
    Il sistema previdenziale che garantisce a questi cittadini bergamaschi pensionati il minimo di sussistenza si regge cospicuamente sui versamenti erariali degli immigrati. Ergo: senza immigrati sempre meno previdenza.
    La lega nord finisca di disinformare producendo danno anche alla propria base elettorale.

  20. Scritto da COSTITUZIONALE

    Alcune note storiche alla memoria di Invernizzi..:
    L’Italia è stata interessata al fenomeno dell’emigrazione. Il fenomeno ha riguardato in primis il Settentrione (Piemonte, Veneto, Lombardia e Friuli in particolare).

    Tra il 1861 e il 1985 sono state registrate più di 29 milioni di partenze dall’Italia.

  21. Scritto da Per costituzionale

    Certo, ora dobbiam dire grazie agli extracomunitari x i servizi che abbiamo sudato e x le tasse che abbiamo pagato… Ma mi faccia il piacere!

  22. Scritto da COSTITUZIONALE

    Mentre alcuni sistemi democratici ambiscono ad attrarre forza lavoro per potenziare le proprie leve finanziarie, altri, in controtendenza, si chiudono in asfittiche politiche socio-economiche.

    Quali saranno i sistemi democratici in grado di scongiurare i pericoli di dafault?