BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Io giovane Pd in Treviglio democratica, non sono un dissidente

Ci scrive il giovane candidato di Treviglio Democratica Paolo Bresciani, iscritto al Pd. "Non mi sento un fuoriuscito". "Avanti con i giovani".

Più informazioni su

Egregio Direttore,

ritengo utile fare alcune riflessioni prima che questa campagna elettorale  entri nel suo vivo, e i contenuti delle  dichiarazioni siano sempre più tecnici e politici, oscurando alcuni valori trasversali ai colori dei vari partiti. Mi chiamo Paolo Bresciani e sono un iscritto del Partito Democratico  candidato per il consiglio comunale con la lista Treviglio Democratica a  sostegno del progetto che vede il dott. Merisi  candidato Sindaco ,non mi sento né fuoriuscito né  dissidente del Pd ma un giovane che vuole portare il proprio contributo nuovo per la  nostra Città.
Apprendo con molta felicità che nella composizione di quasi tutte le liste ci sono ragazze e ragazzi giovani, una scelta coraggiosa  che ha bisogno del  sostegno di tutti perché ritengo necessario che il futuro si debba costruire soprattutto con chi  dovrà vivere le scelte. Questa compagine giovanile porterà entusiasmo e  competenze per le quali scommettere è sicuramente una puntata vincente. Quanti nonni ci incitano col “io alla tua età…” con quella voglia ancora di  divertirsi,passione naturale che contraddistingue le giovani generazioni alla ricerca di spazi sereni dove poter trascorrere il proprio tempo libero;parchi, attrezzature sportive, luoghi di aggregazione e verde pubblico,  sono il vero  doping di cui abbiamo bisogno.
La gioventù  non è un contenitore vuoto e trasparente ma, una vera e propria fucina di idee, siamo sognatori con progetti concreti,abbiamo bisogno solo di spazi e tempi per realizzarli. Sorrido quando sento descrivere i giovani come persone senza valori, senza idee, senza obiettivi, perché ritengo si tratta solo di persone che non voglio fermarsi ad ascoltare, in quanto le cose dette sono troppo lontane dai loro pensieri e per cui da non considerare. I giovani sono il futuro, questo pensiero è inevitabile, ce lo dimostra il Nord Africa, ce lo dimostrano le nostre liste, ce lo dimostra Vittorio Arrigoni in una scelta più che coraggiosa di un giovane che, come i nostri nonni, ha dato la vita per un ideale. Auguro a tutti i giovani candidati nelle liste,  un grande in bocca al lupo, perché nessuno è avversario, ma portatore di valori e idee più o meno lontani dai miei ma, pur sempre con l’obiettivo comune di un governo della Città, che risponda ai bisogni e alle esigenze dei cittadini soprattutto quelli più deboli e indifesi. . Auguro a tutti i candidati Sindaci e a tutti i cittadini di pensare COLORATO perché di colore e sorrisi, e non certo di grigio e tristezza, che abbiamo bisogno. Auguro a tutti che sia una compagna elettorale seria e divertente. Io nella lista Treviglio Democratica farò la mia parte.

Cordialmente
Paolo Bresciani 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da ilriformista

    Le parole hanno un senso, ma la realtà la si può vedere da molti punti di vista, e non esiste la verità assoluta e nessuno la detiene. Si possono non condividere le scelte di un partito, ma se di fondo i valori sono gli stessi, rimane solo il dissenso,e si va avanti. Mi piacerebbe che Treviglio cominciasse a ragionare da città veramente, più dinamica, flessibile, e con maggiore intraprendenza, siamo il centro della bassa, non penso che Treviglio sia ancora un villaggio.

  2. Scritto da ezio

    Bresciani, e se io mi iscrivessi al PDL e poi sostenessi la candidatura della Borghi, non sarei un dissidente?
    Se non condividi la ricandidatura della Borghi, espressa dal PD trevigliese, allora sei per forza un dissidente.
    Le parole hanno ancora un senso.
    Non è mica un peccato pensarla diversamente e aderire ad un altro partito.