BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Programma sulla chirurgia plastica scatena polemiche vere: che ne pensi?

Moige all'attacco: il direttore di Italia 1, il bergamasco Luca Tiraboschi, difende la trasmissione "Plastik-Ultrabellezza" che propone stasera il caso di una bimba nata deforme sottoposta a chirurgia plasica

Più informazioni su

Parlerà di chirurgia plastica, ma intanto è sommerso da polemiche: queste purtroppo vere. “Plastik-Ultrabellezza” è il programma che debutta martedì sera su Italia 1 alle 21.10. Condotto da Elena Santarelli, nelle sette puntate punta ad analizzare i diversi punti di vista della chirurgia plastica: da quello clinico al chirurgico, senza evitare quegli aspetti legati alla moda, al costume o alla cronaca. Nella prima puntata verrà presentato il caso di una bambina indiana nata deforme (con quattro gambe e quattro braccia) che viene sottoposta ad un intervento di plastica ricostruttiva.
Il Moige (Movimento italiano genitori) ha denunciato il caso in questione, lo ha definito di “pessimo gusto, pornografia”.
Il direttore di Italia 1, il bergamasco Luca Tiraboschi, difende la trasmissione e precisa che "il filmato sulla bambina è un servizio internazionale acquistato dopo che è andato in onda in tutto il mondo. Quella bambina è nata con malformazioni gravissime. Ci serviva per spiegare che la chirurgia estetica non è solo vanità: in questo caso alla bambina è stata salvata la vita".
E se si fa osservare a Tiraboschi che forse il contenuto di quel filmato non adatto alla prima serata, il direttore di Italia 1 risponde: "Il servizio è assolutamente adatto. Anche se non sappiamo ancora quando collocarlo in scaletta, riteniamo che il servizio sia interessante, infatti nel resto del mondo ha ricevuto applausi per quanto è edificante e si sono complimentati con l’équipe che ha operato la bimba".
Ad affiancare Elena Santarelli ci saranno quattro chirurghi: Marco Klinger, Franz W. Baruffaldi Preis, Giulio Basoccu e Fiorella Donati.
Tiraboschi non accetta le polemiche gratuite piovute sul suo programma e chi lo accusa di istigare alla chirurgia estetica risponde: "Nel programma affronteremo anche la fase post-operatoria che potrebbe far desistere in molti. Parleremo dei rischi e della troppa leggerezza con la quale si affrontano gli interventi".
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da paolino

    ha ragione Harlok@7 ..basta non guardarlo, se starlette, ecc guadagnano è perchè “noi” li guardiamo. Sono TV private facciano quel che vogliono chi decide è il pubblico, noi.. non sono ne invidioso ne altro.. EVITO e vivo meglio

  2. Scritto da BG

    Italia 1 è una tv commerciale libera, finanziata dagli spot.
    Molto peggio la RAI se si considera il canone corrisposto annualmente!!!

  3. Scritto da Fabio Belotti Futuro e Liberta Bergamo - FLI BG

    Canale 5, Rete 4 e Italia1 hanno ormai da anni sdoganato personaggi che senza certe trasmissioni non sarebbe riusciti ad avere un lavoro così redditizio (che invece oggi possiedono), visto le loro capacità intellettive e professionali. Oggi starlette veline tronisti ragazzi e regazze di reality guadagnano cifre spropositate senza nessun tipo di merito e/o di capacità. E poi tagliamo i fondi alle scuole, università, alla ricerca ecc.

  4. Scritto da anna solari

    Sarà una notizia da sparare con tanto clamore? Avete perso il senso della misura, mi sembra ci siano cose ben più importanti della chirurgia plastica. Se scrivo “echissenefr….” me lo censurate?

  5. Scritto da dino

    Moige e’ un ‘ associazione ultra-cattolica che rappresenta lo 0.2% dei genitori italiani. Abbiamo gia’ la Chiesa in Italia abbastanza presente (eufemismo), non se ne sentiva la necessita’ della sua presenza

  6. Scritto da Vittorio

    Che tristezza ! alla sera usciamo a fare un giro al parco con i nostri figli,come faccio io….altro che plastk-ultrabellezza !!
    Berlusconi dimettiti !queste trasmissioni becere le hai create tu !

  7. Scritto da revolution

    ciarpame mediatico

  8. Scritto da Harlock

    SPEGNERE LA TV ACCENDE IL CERVELLO !!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!! Usciamo a fare due passi, leggiamoci un bel libro, faccciamo all’AMMMOREEEE……..che è meglio và!!!!
    Pasolini disse : “la televisione è autoritaria e repressiva come mai nessun mezzo di informazione al mondo.”

  9. Scritto da Vederlo prima di parlare?

    Non è ancora andato in onda un solo fotogramma di questo programma, e già sono state emesse decine di sentenze di condanna. Nell’articolo leggo “parleremo anche del post-operatorio che potrebbe far desistere molte”. Non sarebbe il caso, prima di esprimersi, di aspettare almeno la prima puntata, e verificare quale tipo di immagini saranno effettivamente mostrate, quali discorsi si faranno… insomma, sapere di che cosa stiamo parlando.

  10. Scritto da ex elettore

    Ma chi se ne frega, in Italia ci sono ben altri problemi.