BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Corioni: “A fine anno me ne vado”

Il presidente dei cugini nerazzurri si far?? da parte al termine della stagione: "Spero che i bresciani abbiano l'orgoglio di portare avanti la squadra".

Più informazioni su

Fine di un’era? Gino Corioni sarebbe pronto a farsi da parte. Il presidente del Brescia, intervenuto sulle tv locali e su Sky, ha manifestato l’intenzione di lasciare. "La mia avventura a Brescia è giunta al capolinea, sia che la squadra si salvi sia che retroceda in B. Ho sempre voluto farmi da parte, adesso è diverso: devo farlo. Brescia è diventata troppo grande per un presidente così piccolo. Ed è il momento che i bresciani e le istituzioni si facciano avanti. Ciò che comunque conta – ha aggiunto – è credere fino alla fine alla salvezza, ce la possiamo ancora fare".
Il numero uno del club si è lamentato: "Sono più di 40 anni che faccio il presidente e ho il diritto a essere un po’ stanco – spiega -. Brescia è una città impegnativa, che ha bisogno di una squadra più stabile. Io mi sono stancato e spero che i bresciani abbiano l’orgoglio di portare avanti la squadra, io tirerò i remi in barca". Il patron bresciano non nasconde la sua amarezza. "Quando ho lasciato il Bologna per il Brescia ero venuto per fare grandi cose, ma i colleghi più grandi che mi avevano spinto a questo passo mi hanno lasciato solo, e non ieri ma 22 anni fa. Volevo costruire una società importante, perché Brescia merita una squadra che rischia di andare nelle coppe europee, non che rischia di retrocedere. E invece ho fatto 5-6 promozioni in vent’anni, ho fatto metà anni in A e l’altra metà in B". Tante altre volte in passato Corioni aveva detto di voler passare la mano, ma adesso sembra tutto diverso: "Non ho detto che darò le chiavi della società al sindaco, dico solo che non posso più andare avanti".
Intanto Gino Corioni ha deciso di andare avanti con Beppe Iachini. Nel colloquio avuto in mattinata con l’allenatore, il presidente del Brescia ha nuovamente manifestato il suo desiderio per le ultime 5 giornate di campionato: una squadra più d’attacco per tentare una rimonta-salvezza ai confini dell’impossibile. Possibile il ritorno al tridente fin dalla sfida di sabato con il Milan. Corioni vuole un Brescia che rischi un po’ di più, visto che ormai il baratro è dietro l’angolo.
 
(da gazzetta.it)

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bresa suni'

    meriterebbe la c quindi in b è tutto di guadagnato

  2. Scritto da Ol Claudì

    Veramente gli anni di B sono molti di più di quelli di A !

  3. Scritto da blok

    In base a che cosa stabilisce che Brescia DEVE giocare nelle coppe?
    Allora Bergamo è ANCORA più importante e l’Atalanta merita di vincere gli scudetti!
    Ma che razza di ragionamento è???

  4. Scritto da Guido

    …a fine anni me ne vado in B!!!