BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Su piazza Vecchia scivola la maggioranza Scoppia la bagarre, guarda il video

Incredibile caos in Consiglio comunale alla votazione di un emendamento presentato dall???opposizione che chiedeva lo stralcio della possibile vendita della sede dell???universit?? in piazza Vecchia.

Più informazioni su

Incredibile caos in Consiglio comunale alla votazione di un emendamento presentato dall’opposizione che chiedeva lo stralcio della possibile vendita della sede dell’università in piazza Vecchia. La maggioranza scivola non garantendo il numero legale e scoppia il caos. Pochi secondi prima dell’ufficializzazione del parere, l’opposizione nota che nei banchi di Pdl, lista Tentorio e Lega Nord non sono presenti consiglieri sufficienti a validare il voto. Un segnale, nemmeno troppo velato, della contrarietà al piano delle alienazioni da parte di alcuni esponenti di centrodestra. A quel punto la minoranza toglie in blocco la tessera per far mancare il numero legale. Sullo schermo compare il numero dei presenti al voto: 19. 18 contrari e un astenuto. Il parere del Consiglio non è valido.
Il presidente Guglielmo Redondi però attende un paio di minuti prima di dichiarare chiusa la votazione, nella speranza che qualche consigliere torni in fretta e furia in aula. E’ a questo punto che dai banchi dell’opposizione iniziano le veementi proteste, in primis di Simone Paganoni che si scaglia contro la presidenza. Il consigliere della Lista Bruni trova l’appoggio di tutti i colleghi. Toni molto accesi che maggioranza e molti assessori non tollerano rispondendo alle accuse. Seguono attimi di alta tensione quando l’assessore all’Urbanistica Andrea Pezzotta prova a ristabilire la calma. Il suo intervento informale, come si può vedere dal video, sortisce il risultato esattamente opposto.
A scatenare il caos è il piano delle alienazioni previste nel bilancio 2011, cioè la vendita di alcuni immobili o aree comunali con l’obbiettivo di ricavare soldi necessari ad investimenti previsti dal piano delle opere pubbliche. Nonostante la dichiarazione di intenti della delibera, il primo cittadino sceglie la via della cautela: niente decisioni affrettate o atti di vendita, relazione caso per caso in Consiglio comunale nei prossimi mesi. Una postilla che non tranquillizza l’opposizione.
A preoccupare è soprattutto la vendita della sede dell’università in Città Alta, in piazza Vecchia. “Il piano delle alienazioni ha un contenuto rilevante – spiega ad inizio seduta il primo cittadino -. Indica i beni che devono essere oggetto di una valutazione analitica, indicano tutto ciò che a livello teorico è vendibile, sempre che il Consiglio comunale si esprima favorevolmente. Non significa l’approvazione di un atto di vendita. E’ una delibera importante, è richiesta dal capitolo investimenti che quest’anno è limitato perché vessato dalle normative nazionali”. I conti sono obbligati, non ci si scappa. “Per quanto riguarda gli investimenti si può attingere dai mutui per dieci milioni di euro e dalle opere di urbanizzazione, di cui il 75% deve essere destinato alle spese correnti e il 25% agli investimenti. In sostanza per le manutenzioni verranno destinati 12 milioni di euro, ne servono altri 13 di investimenti. Questi ultimi dovranno essere ricavati dalle alienazioni”. La scelta più delicata è senza dubbio la sede dell’università in piazza Vecchia. “E’ un gioiello che fino ad oggi l’amministrazione comunale non usa perché aveva dato in locazione all’università – continua il sindaco -. Si tratta di un’unità immobiliare di grande prestigio. Non possiamo nasconderlo, è un gioiello. Secondo noi però è giusto vendere un anello di brillanti per realizzare una casa o uno stabilimento per gli operai. Posso permettermi il lusso di non vendere? La scelta è sui servizi. Quali servizi può dare questo immobile prestigioso?”
Ulteriori verifiche invece, su indicazione del sindaco, verranno effettuate per la vendita del palazzo in piazzale Marconi (il McDonald) e le volumetrie ipogee a piazzale Alpini (un parcheggio interrato).
Stralciati dal piano l’ex centrale Enel di via Daste e Spalenga e quattro negozi in città alta. In entrambi i casi il sindaco recepisce emendamenti dell’opposizione e, per quanto riguarda i negozi, si impegna a verificare che ci sia la possibilità di vendere direttamente agli attuali proprietari.
“Esprimo delusione e disappunto – commenta l’ex sindaco Roberto Bruni -: è assolutamente pacifico che entro il 2011 la sede dell’università in piazza Vecchia non verrà venduta. E’ scontato, prevedere questa alienazione è del tutto inutile. Invito i consiglieri a pensare bene prima si approvare il piano”. “Stiamo vendendo molto più di un diamante – gli fa eco il capogruppo del Pd Elena Carnevali -. Dal punto di vista urbanistico ha poco senso: si vende un bene prezioso che in futuro non potrà essere più utilizzato per fini istituzionali”. Il piano viene poi approvato con i voti favorevoli della maggioranza e quelli contrari dell’opposizione.

Guarda il video

 

IL GIORNO DOPO

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da deluso

    la sinistra sa solo urlare

  2. Scritto da Consigliere comunale

    Nel 2012 entrerà in vigore il federalismo fiscale, già bella cosa. Ma i leghisti hann visto le proiezioni per i vari bilanci comunali? Sarà un’ecatombe, lo dicono tutti dai sindaci all’ANCI, e anche i leghisti onesti
    Padano Doc chi vuol prendere in giro.
    E poi nuove tasse con l’aumento dell’adizionale IRPEF che pagheranno i soliti a reddito fisso e pensionati, mi sa che faceva meglio a tacere.

    PS: E non tiri fuori la Cedolare Secca un altro regalo ai ricchi che pagheranno i più poveri.

  3. Scritto da pm

    @22: direi che il commento di “Padano Doc” è ironico….

  4. Scritto da bergamo

    d’accordo con non col vento. Non si finanzia la spesa corrente con la vendita di beni, perchè questa è una tantum e la spesa corrente no. Una volta spesi i soldi ricavati da questa vendita, cosa si fa?
    Ci meritiamo di meglio

  5. Scritto da cittadino

    la lega ancora una volta ha fatto una pessima figura! Belotti che si alza per dire non è vero che è apparso il voto quando era PALESE e pure fotografato/filmato. senza parole!!! tutto perchè è palese che molti della maggioranza non vogliono quella vendita di città alta. altro che maggioranza coesa, sono spaccati! e non da ieri ma da molto tempo.

  6. Scritto da Chi ha detto che meritiamo di meglio??

    Questa giunta, come molte giunte leghiste in giro x la provincia, ha vinto le elezioni solo perchè c’è gente facile da abbindolare con due manifesti a tre giorni dalle elezioni… vi ricordate “abbiamo fermato l’invasione” !? (si è visto…………….). Finchè c’è gente miope che vota con la pancia anzichè con la testa……è giusto che siano questi a governarvi! Li avete voluti?

  7. Scritto da s.car.

    Nel filmato si vede il solito Paganoni fare caciara come nelle peggiori bettole. Un comportamento riprovevole, che non si giustifica nemmeno con i pasticci del presidente Redondi. Ben altro stile quello di Bruni. Non è mai troppo tardi per imparare l’educazione.

  8. Scritto da cap

    il rispetto di paganoni per le istituzioni: magliettina sgargiante, mano in tasca sul di dietro, urla e gesticola(con l’altra mano) con veemenza contro colleghi e presidenza…

  9. Scritto da Carla Pozzi

    Nel merito della vendita di una parte del palazzo di Piazza Vecchia già sede della biblioteca dell’Università si possono avere opinioni diverse: personalmente la vedrei dedicata a una sezione della Biblioteca A. Mai che è sempre in Piazza Vecchia. Il dato più grave anzi gravissimo che già circoli il nome dell’acquirente. Trattandosi di un bene pubblico va venduto con un’asta pubblica e che si faccia ora il nome del futuro proprietario fa sorgere più di qualche sospetto.

  10. Scritto da cittadino

    concordo con Carla pozzi! il nome dell’acquirente gira gia prima di capire se si vende o meno! scandaloso! vogliamo un’asta pubblica!!! cittadini di bergamo vigilate sul vostro patrimonio!!!

  11. Scritto da 035

    @ 10: come al solito, quando il dito indica la luna, lo stolto guarda il dito… Paganoni farà caciara, ma i guai li combina questa maggioranza!

  12. Scritto da Padano Doc

    Quelli citati sono falsi problemi… nel 2012 non ci saranno criticità nelle liquidità del Comune, entrerà in vigore il federalismo fiscale. Consideriamo anche la catena di comando monopartisan “Comune – Provincia – Regione – Stato”, che permetterà sicuramente una rapida soluzione dei problemi di finanziamento dei servizi. Inoltre ieri ho visto un asino volare.

  13. Scritto da Incredulo

    Questi non stanno vendendo l’argenteria di famiglia , questi è come se alla città di bergamo vendessero i figli .

  14. Scritto da Di Tutto, Di PIU'

    E’ come vendersi l’anima. Se siete senza soldi fatevi dare il 5 per mille come Brignano (!!!???)

    http://www.comune.brignano.bg.it/pagina.php?ID=3467

  15. Scritto da democrazia in consiglio

    Premesso che sono di centro destra, ma se Berlusconi dice di rispettare i voti dei suoi elettori, dobiamo rispettare anche Paganoni perchè attraverso lui rispettiamo i suoi elettori. Per quanto riguarda la seduta, ancora una volta si dimostra che presidenti non ci si improvvisa.

  16. Scritto da Stranezze

    @19 – I dont capiss , lo aveva messo nel programma elettorale ? Nessun elettore dà carta bianca a nessuno . Loro stanno rispettando gli elettori ?

  17. Scritto da Marco

    Sbaglio o Fusi dice a Pezzotta: Fighetto del …?

  18. Scritto da giorgo57

    Ma come, ci hanno sempre detto che l’Università non voleva andare nell’area dei Riuniti perchè la sede era “poco prestigiosa” rispetto a Città Alta e adesso vendono la sede di Città Alta ?
    Questi stanno svendendo e REGALANDO AI PRIVATI tutto il patrimonio pubblico di pregio. Bergamaschi come al solito vi svegliate quando è troppo tardi

  19. Scritto da Ratataplam

    E finalmente gli anticementificatori lasciano cadere la maschera, la vendita dell’immobile di Piazza Vecchia è un ulteriore riprova di quali poteri forti stanno dietro Tentorio e company, e ieri hanno tentato l’incasso con il nuovo stadio e il piano delle alienazioni di pregio.
    Un edificio che da 500 anni è in proprietà del comune di Bergamo, cioè da quando esiste piazza.Vecchia, svenduto per un piatto di lenticchie.

  20. Scritto da ureidacan

    Tentorio, se veramente fosse un grande Sindaco, dovrebbe dire: quest’anno facciamo solo 5 milioni di opere pubbliche con i soldi che abbiamo in cassa. Poi aspettiamo il federalismo fiscale (se ci crede) Tra l’altro si tratta solo di manutenzioni.

  21. Scritto da "Non col vento"

    Anche Tentorio non trova di meglio che finanziare la spesa corrente con gli oneri di urbanizzazione, complimenti, una destra alla Quintino Sella! Poi c’è la Cisl che si lamenta per le poca edilizia sociale nel PGT (basterebbe gestirlo diversamente!), oppure altri che denunciano di ritardi sulle infrastrutture, altri ancora di parchi! Quanta demagogia!

  22. Scritto da emilio minetti

    IL PARTITO DELL’AMORE
    Ma non erano quelli uniti, quelli che condividevano gli stessi valori, quelli delle maggioranze forti e compatte?
    Ultimamente stanno crollando alcune certezze.
    Ad esempio: ieri la Minetti ha scaricato le colpe su Fede e Mora. Fede le ha risposto che lei e il suo avvocato hanno bisogno di uno psichiatra.

  23. Scritto da ureidacan

    Beh, questo bilancio è negativo, non sarà colpa di Tentorio, non sarà colpa di Facoetti, sarà colpa del governo che non manda i soldi!
    7 milioni di disavanzo nelle spese correnti, tagli del 10% su tutti i servizi, compresi quelli sociali, non ci sono i soldi per le opere pubbliche. E questa doveva essere l’aministrazione del fare! Debiti!

  24. Scritto da Sconfortato

    Cittadini di Bergamo Palazzo Suardi è uno dei vostri principali simboli , cosa state facendo ?