BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Promotori nei guai, tre i casi L’ultimo: sto sistemando tutto

Emerge il caso di un altro promotore finanziario, residente in in centro a Bergamo, finito nei guai per movimenti di denaro e investimenti che coinvolgono poche famiglie.

"Non mettete nulla sul giornale, va, si sta sistemando tutto": a parlare è un ex promotore finanziario di banca Mediolanum residente in centro a Bergamo, finito nei guai da dicembre del 2010 per una serie di irregolarità nei confronti dei suoi clienti che investivano i loro risparmi. La vicenda è emersa negli ultimi giorni, in particolare venerdì sera, quando i clienti dell’altro promotore finanziario scomparso Luigi Fontanella, di Brembate Sopra, hanno incontrato alcune personec he avevano avuto a che fare con il promotore di Bergamo. Uno scambio di esperienze, a quanto pare, poco piacevoli. Il promotore di città avrebbe sottratto una cifra di alcune decine di migliaia di euro, avendo avuto contatti di carattere economico con non più di una decina di famiglie. Cinquantasettenne, preferisce non scendere troppo nel merito. Per telefono: "A poco a poco si sta sistemando tutto". Non suggerisce il nome di un legale e non aggiunge altro. I casi dubbi degli ultimi mesi salgono quindi a tre. Quello di Gianluigi Spada, dileguatosi l’estate scorsa dalla sua casa di Luzzana. L’Adusbef parla di un danno di un milione di euro. E quello di Luigi Fontanella, di Brembate Sopra, con un giro di 500 clienti e la mancanza di stime precise sul reale danno che avrebbe provocato.
A tal proposito Banca Mediolanum ha comunicato che "la situazione creata da Luigi Fontanella nei confronti dei clienti sarebbe meno invasiva e pesante di quella prospettata all’inizio". La banca parla anche di clienti che hanno avanzato pretese su risparmi scomparsi, "ma poi si è scoperto che erano soldi prelevati dai componenti della stessa famiglia cointestatari del conto corrente". Mentre il caso dell’ex promotore residente a Bergamo si tratterebbe di "una vicenda circoscritta ad un limitato numero di famiglie".
"Quel che ci preme sottolineare – conclude Banca Mediolanum – è che noi rispondiamo direttamente dei guai che provocano questi personaggi, ma di questo se ne parla poco. In realtà, tutte queste notizie non fanno altro che danneggiarci, perchè a fronte di poche mele marce ci sono decine e decine di promotori finanziari onesti e capaci che, con il loro lavoro, concorrono a salvaguardare e a rafforzare i risparmi dei propri clienti".

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.