BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Listino Formigoni, due bergamasche indagate

Compaiono i nomi di due bergamasche nell???elenco degli indagati in merito alle 770 firme false raccolte per la presentazione del listino di Formigoni alle Regionali.

Compaiono i nomi di due bergamasche nell’elenco degli indagati dalla procura di Milano sulle 770 firme false raccolte per la presentazione del listino di Formigoni alle Regionali 2010. Si tratta di Donatella Agliardi, assessore ai Servizi sociali del Comune di Morengo, e Nicoletta Castellani, assessore ai Servizi sociali del Comune di Lovere. Le due, riferisce Il Giornale, sono formalmente iscritte nel registro degli indagati insieme a tanti altri esponenti del Popolo della Libertà in tutte le province lombarde: Franco Binaghi, consigliere della Provincia di Varese, Maurizio Borghetti, consigliere della Provincia di Cremona, Nicola Buonsante, consigliere della provincia di Lodi, il sindaco di Magenta Luca Del Gobbo, Fabrizio Figini, consigliere della Provincia di Monza e Brianza, Emanuel Piona, consigliere della provincia di Brescia, Gianluigi Secchi, consigliere della Provincia di Pavia, e Massimo Vergani, consigliere della Provincia di Monza e Brianza.
Le accuse sono molto precise: falso ideologico, per aver contraffatto parte delle firme per la presentazione del listino “Per la Lombardia”. Nella lista personale di Formigoni erano candidati anche due bergamaschi: il vice coordinatore Pietro Macconi e Marco Pagnoncelli. Il coordinatore regionale del Pdl, Mario Mantovani, sabato mattina a Bergamo per l’inaugurazione della sede del partito, ha parlato di “una mossa ad orologeria, messa a punto proprio nel giorno della presentazione delle liste per le Comunali”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da alex

    Assurdo gente qui cè un 4° mandato alla Regione che è irregolare, firme false, e lui è ancora lì giulivo…e la magistratura sarebbe si sinistra?

  2. Scritto da Fiducia de che ?

    @16 – Del popolo guidato dalle Televisioni e dai Soldi del Suo capo ? Al giudizio dei previti, dell’utri, brambilla, capezzone, cicchitto, verdini , cosentino, bondi , minetti ,fede, minzolini ecc ecc. ? Comunque si ripassi i fondamentali di uno stato di diritto , sa, tipo democrazie occiìdentali . Escluda per un attimo gli amici Putin o Gheddafi.

  3. Scritto da realtadistorta

    x Fiducia: Purtroppo tutti quelli che si abbeverano solo dal “buon” pastore di harcore ignorano il principio fondamentale che i giudici sono degli “arbitri” ed in quanto tali non devono (tranne casi eccezionali) esser chiamati a rispondere di eventuali sbagli in quanto questo leverebbe loro l’indipendenza e la serenità indispensabili per svolgere questo delicatissimo compito. Se un arbitro di calcio fischia un rigore sbagliando in buona fede deve pagare i danni…?!? Assurdo!

  4. Scritto da emilio minetti

    @16 Fiducia
    Seguendo il suo ragionamento ogni politico, anche solo indagato, potrebbe dire: “credo di più nel giudizio elettorale del popolo che in quello di un magistrato”. Nessun politico si farà più processare.
    A questo punto consiglierei a tutti quelli che intendono delinquere di “scendere in campo”, così possono difendersi accusando la magistratura di essere politicizzata, di destra o sinistra.
    Strano, perché i politici nelle altre democrazie si fanno processare.

  5. Scritto da legge=xtutti

    Per favore qualcuno potrebbe spiegare a Firmigoni e Berlusconi che essere eletti dal popolo non significa essere al di sopra della legge!!
    Il movimento 5 stelle fu escluso da una competizione elettorale per un foglio graffettato per errore (con firme validissime!) mentre questi calpestano leggi e falsificano firme contando sul suffragio popolare per farla franca: assurdo!

  6. Scritto da Andrea

    ha detto che è stato eletto dal popolo e quindi non si dimette..direi che è la persona giusta dopo il post sultano… ha le stesse idee per il rispetto delle regole… ma si sa…. chi vuol far rispettare le regole è di sinistra o appartiene alla magistratura rossa…. votateli votateli votateli…e poi ne pagheremo tutti le conseguenze…

  7. Scritto da nuovibarabba

    Allora se essere eletti dal popolo significa poter violare le leggi e frodare a proprio piacimento, pensate cosa potrebbero fare personaggi facoltosi con ricchezze di dubbia provenienza che riuscissero a comprare abbastanza consenso da farsi eleggere (cosa molto facile in alcune regioni). Una volta eletti potrebbero nascondersi dietro il suffragio popolare per evitare ogni giusto processo e condanna… purtroppo in tanti non si rendon conto che tali ragionamenti portano la democrazia alla deriva

  8. Scritto da Entradec

    Lo avevo già scritto in un articolo precedente e qui mi ripeto: sono sicuro che il tutto finirà in una bolla si sapone. Chi vuole scommettere…

  9. Scritto da Stefano

    Attendiamo dai signori del PDL di sapere in quali giorni e quali ore dell’anno sono possibili denunce a loro carico, per non sentirsi tacciati di “mosse ad orologeria”. Cari signori, qui in Italia è tutto un voto dietro l’altro, non prendetela come una questione personale, non è colpa dei magistrati se voi politici siete in perenne campagna elettorale. Qui l’orologeria non c’entra, qui c’entra la necessità di colpire e punire (che brutti verbi vero?) la disonestà delle persone.

  10. Scritto da Roba de macc

    Adesso siamo al punto che se vengono commessi reati inequivocabilmente dimostrabili e la magistratura li persegue è “mossa ad orologeria” o “complotto” .

  11. Scritto da bgdoc

    Finira’ in una bolla di sapone perché’ verra’ fatto un condonino con legge o norma interpretativa ad hoc. Cosa che non succede per gli altri

  12. Scritto da Fiducia

    Quello che conta sono i voti del popolo espressi liberamente nella cabina elettorale.
    Tutti gli altri discorsi son discorsi di lana caprina

  13. Scritto da Andrea

    uhm… peccato che i voti della popolazione si basino sull’onesta e buona fede di chi si candida….. il sultano urla sempre a scandali e brogli durante le elezioni..ma guarda caso i brogli iniziano gia’ dalle candidature….

  14. Scritto da 035

    @ 7: quello che conta è che chi vuole presentarsi alle elezioni, lo faccia presentando firme vere, rispettando le regole che valgono per tutti. Chi chiede la mia fiducia, dovrebbe almeno essere corretto lui. o no?

  15. Scritto da LORENZO TABONI

    Fino a prova contaria nesssuno del PDl ha firmato elenchi in bianco. credo nella legalità e nel senso di resposabilità delle persone. Sicuramente se è stato fatto è per “piaggeria” e non per dolo.Caro consigliere, come a ben altri della sua compagine, non è questo che conta, forse qualche suo capo dovrebbe impararlo , e non aspettare l’occasione per dimostrarsi il più ” eccelso e senza colpe…..sic!
    Cerchiamo di capire fintalmente il ruolo di Lovere nell’Alto Sebino…non è il campionato di R.

  16. Scritto da sovranitànonimpunibilità

    x7 fiducia: Il suo e’ un discorso di lana caprina: scommettiamo che se un capomafia si presenta alle elezioni regionali in sicilia (violando l’interdizione dai pubblici uffici) verrà sicuramente eletto? E una volta eletto dal “popolo”, anche se illegalmente, secondo il suo ragionamento avrebbe il diritto di non essere processato per la procedura illegale che gli ha consentito di farsi eleggere? Non crede che creare dei precedenti simili possa mettere a rischio la nostra democrazia?

  17. Scritto da marilena

    mi dispiace che siano donne,

  18. Scritto da beotadidx

    basta con questa magistratura comunista!lasciateli lavorare in pace!!

  19. Scritto da serena

    Per i cittadini dei due Comuni bergamaschi a cui sono state rubate le firme, la possibilità di chiedere un risarcimento con gratuito patrocinio:
    http://milano.boninopannella.it/content/firme-false-cappato-offriamo-assistenza-legale-ai-truffati-che-vogliono-chiedere

  20. Scritto da Fiducia

    Qui sembra che i magistrati, quando inquisiscono, lo fanno sempre con buone e oneste ragioni.
    Qui ci si dimentica quanti hanno dovuto subire queste inquisizioni e poi sono risultati totalmente innocenti.
    Vedi woodcok, De Magistris e compagnia bella.
    Ma loro non pagano mai dei loro errori o presunti tali.
    Credo di più nel giudizio elettorale del popolo che in quello di un magistrato.

  21. Scritto da Zzzzzzz

    Zzzzzzz anche due benemerite Bergasche,hanno fatto il loro “lavoro” per portare a compimento la gloriosa causa. W Berlusconi Formigoni e la Minetti.

  22. Scritto da Tom

    DIO,mandaci un altro Diluvio Universale,è dinuovo il momento giusto!

  23. Scritto da emilio minetti

    Ma pensa, indagate per aver dovuto inserire all’ultimo momento, la Minetti, il massaggiatore del Milan e il geometra personale di Berlusconi ad Arcore.
    La Minetti adesso scarica le colpe su Fede e Mora.
    Fede accusa la Minetti: “La Minetti e il suo avvocato avrebbero bisogno di uno psichiatra!”.
    Che goduria quando si sputt…no a vicenda. Ma non era il partito dell’Amore?
    Ma non era tutta un’invenzione della procura? Perché adesso si scaricano le colpe se non c’era nessun reato?