BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“E’ una sconfitta che brucia molto”

Il diretto generale nerazzurro richiama i suoi ragazzi: "Massima concentrazione da qui alla fine. Il prossimo anno avremo Schelotto, e forse Gabbiadini".

Più informazioni su

Schietto e sincero come sempre, Roberto Spagnolo richiama i suoi ragazzi dopo la sconfitta casalinga contro l’Empoli di Aglietti:  "Quella di oggi è una sconfitta che brucia perché interrompe una serie di 18 risultati utili consecutivi proprio davanti al nostro grande pubblico. –le parole del direttore generale nerazzurro- La partita l’avevamo anche cominciata bene, ma i due gol ci hanno un po’ spezzato le gambe. Nel secondo tempo, soprattutto, le abbiamo provate tutte con voglia, grinta e determinazione. Purtroppo anche se abbiamo avuto diverse occasioni non siamo riusciti a raddrizzare il risultato anche per merito del loro grande portiere. Ripartiamo da qui con la consapevolezza di non aver ancora vinto niente”. Dando un occhio alla prossima stagione, si profila già qualche interessate novità: “Sul prossimo nostro mercato Schelotto torna di sicuro visto che e’ in prestito a Catania, mentre Gabbiadini è in comproprieta con il Cittadella e a tempo debito ci siederemo al tavolo con il mister per discutere anche di questo ragazzo".

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da solodea

    Pur di vincere il campionato, sono state sacrificate delle possibilità che comunque non giustificano una programmazione futura. Ero allo stadio ed anche un cieco avrebbe capito che la formazione era sbagliata all’inizio perchè non riuscivamo a risalire la metacampo con “orrori” imperdonabili dovuti alla “non presenza” di qualcuno che ragionasse con palla ai piedi. Il cuore dell’Atalanta non si discute, ma a volte giocare a calcio e metterci oltre alla testa anche le capacità, evita le figuracce

  2. Scritto da oti

    Molte serio come sempre; per la campagna acquisti avvisate anche l’allenatore perché’ l’impressione e che ogni acquisto della società’ venga “bruciato” dal mister. Arriveremo in serie a senza aver valutato basha, pettinari, Bonaventura, ardemagni, marilungo

  3. Scritto da Ol Claudì

    Una analisi non troppo di parte sottolineerebbe come nel primo tempo la squadra fosse totalmente inesistente mentre nel secondo tempo è lampante l’impegno e il cuore messi in campo per ribaltare un risultato che se non preso sottogamba per tutto il primo tempo avrebbe condotto al 19° risultato utile consecutivo, così come è lampante che senza uno straccio di gioco, quando siamo noi a dover rincorrere si naviga sempre in brutte acque. Resta un ottimo campionato, ma il Siena la davanti… brucia!