BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bonomi rilancia: “Serve un unico sistema aeroportuale”

?? quanto auspica il presidente e amministarto delegato della societ?? che gestisce gli aeroporti di Malpensa e Linate, Giuseppe Bonomi, durante un'audizione in Commissione Territorio.

Più informazioni su

"Dar vita, con Bergamo, Brescia e Verona, ad un unica piattaforma aeroportuale prima della quotazione di Sea". È quanto auspica il presidente e amministarto delegato della società che gestisce gli aeroporti di Malpensa e Linate, Giuseppe Bonomi, durante un’audizione in Commissione Territorio in Regione Lombardia. Secondo Bonomi "avere un’unica piattaforma industriale è una delle condizioni per dar vita a un sistema aeroportuale da cui si possono trarre sinergie apprezzabili. Una piattaforma -spiega- che non la può costruire un ente pubblico territoriale come la Regione alla quale però chiediamo di portare avanti un sistema di mobilità che meglio connetta e metta in rete gli aeroporti. Andare avanti nella costruzione di questo sistema di mobilità -aggiunge Bonomi- significa anche credere nella costruzione del sistema aeroportuale". In questo senso, sottolinea Bonomi "la Regione deve fare la sua parte e io mi auguro che la piattaforma possa nascere prima della quotazione in Borsa di Sea. Dopo infatti -spiega- sarà più complicato farlo perchè con una società quotata operazioni di integrazione societaria non sono impossibili ma più complicate". Secondo Bonomi in Italia non esiste un vero problema sul numero degli aeroporti quanto l’assenza "di una qualsiasi attività di pianificazione. Credo che non ci sarà nessun Governo -osserva- capace di essere talmente forte da imporre una piattaforma seria per gli eroporti. Per questo ritengo che l’unica risposta alla frammentazione possa venire dalle aziende stesse che devono dar vita a integrazioni". Dar vita a un’unica piattaforma, secondo Bonomi, potrebbe anche essere utile per affrontare il prossimo Expo: "Siamo certi di poter gestire il flusso di passeggeri che verranno nel nostro Paese per l’esposizione universale -sottolinea- nella speranza che le opere legate all’Expo non subiscano rallentamenti". In questo quadro, osserva Bonomi "Malpensa sta crescendo nella piena concorrenza tra le compagnie aeree e dopo il dehubing di Alitalia abbiamo fatto di necessità virtù. L’abbandono di Alitalia infatti ci ha indotto a un modello di business più equilibrato e quindi più solido rispetto al precedente".

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da BGY

    Se a Orio al Serio convenga accettare la proposta di Sea, lo si puòcapire solo dal piano industriale. Non mi sembra che Orio abbia uno spazio in questa storia. Se i bergamaschi decidono di non ottenere qualcosa in questo senso, è inutile mettersi a discutere oltre con questa gente. A me sembra solo un pretesto per Sea per sviluppare Malpensa tamponando Linate e Orio. Lo fanno anche facendo leva su Verona e Brescia. Altro che sistema!
    No alla fusione e via Ratti. Sì al raddoppio dei passeggeri.

  2. Scritto da ciao ciao

    orio nel patto?
    DEPOTENZIATO

    orio fuori dal patto?
    ancora piu’ depotenziato

    fianlmente fine del sogno del terzo aereoporto italiano in mezzo ad una citta’

    sia un city airport a basso impatto ambientale

  3. Scritto da luigi

    Credo che per SEA Orio serva solo per far crescere i soldi della quotazione in borsa.
    Nel futuro andrebbe a finire che Orio ne risentirebbe e le leve sarebbero ancora una volta in mano a Milano.
    Quando la SEA ci ha messo mano ha sempre contrastato Orio e credo che alal Lega (sponsor di Bonomi) interessi di più Malpensa di Orio.

  4. Scritto da JJ

    va bene un accordo di colaborazione, ma nessuna fusione societaria che vorrebbe dire assorbimento da parte di sea
    orio deve rimanere autonomo e continuare a prosperare

    se proprio vogliono la fusione che sia subordinata al treno orio-bergamo-milano così avremo una bella assicurazione sul futuro del nostro aeroporto

  5. Scritto da Parole

    “sinergie” , “integrazioni”. Quali ? Perchè ? Dove? Con quali ipotesi di risultato ? Solo parole che svolazzano senza un serio e verificato piano industriale .

  6. Scritto da Pippo

    L’unico modo per liberare Milano dalla concorrenza di BG è fagocitarla dal punto di vista societario. Se questo succede piano piano i contratti con le compagnie piu interessanti da BGY andranno a MIL e MPX. Se SACBO vuol fare il proprio interesse deve evitare la fusione.

  7. Scritto da blok

    @2
    Come Linate, per esempio!!