BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Le sparano, salvata dal seno rifatto

Protagonista in Usa Lydua Carranza, il proiettile è stato rallentato dalla protesi al silicone che ha evitato di ledere organi vitali.

Più informazioni su

Si dice che più di qualche donna debba la sua fortuna ad un seno rifatto, ma nel caso di Lydia Carranza questo non è un’insinuazione, ma un dato di fatto. Anzi, Lydia deve la vita alla protesi al seno. La donna è stata infatti convolta in una sparatoria nello studio dentistico dove lavorava. Il marito di una collega, la giovane Mariela Paredes, si è recato presso lo studio con una pistola, con l’intenzione di convincere con la forza la moglie a rinunciare a chiedere il divorzio. La discussione è però degenerata, e l’uomo ha ucciso la moglie ed ha aperto il fuoco contro gli altri presenti.
Lydia è stata colpita al petto da un proiettile: avrebbe potuto rimetterci la vita se non che, incredibilmente, il proiettile è stato rallentato nella sua corsa dalla protesi al seno della donna, ed i frammenti si sono fermati appena prima di ledere organi vitali.
La polizia e i medici hanno poi commentato: “Non è certo come avere un giubbotto antiproiettile, ma probabilmente oggi non sarebbe viva se non avesse avuto la protesi”. Certamente, è una donna molto fortunata.

(da notizie.delmondo.info)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.