BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“La candidatura della Borghi ?? vicinissima”

Roberto Malini, vicepresidente dell'associazione: "Non ci sono altri esempi in Italia di sindaci cos?? impegnati nella difesa dei diritti umani".

Più informazioni su

Il nuovo Obama potrebbe essere a Treviglio. La notizia è quella che farà discutere a lungo perché Ariella Borghi, sindaco della cittadina della Bassa che si ricandiderà per le prossime amministrative in programma tra qualche settimana nel turbolento panorama politico trevigliese, potrebbe essere candidata al Nobel per la Pace. Ad inviare la richiesta di candidatura ad un politico norvegese vicino all’organizzazione del Nobel, è l’associazione non governativa per la cooperazione internazionale e i diritti umani “Everyone”, nata in Italia, ma che oramai conta su associati presenti in tutti i continenti (maggiori informazioni su www.everyonegroup.com). A spiegare a che punto è la pratica e le motivazioni della candidatura è Roberto Malini, vicepresidente di Everyone.

Malini, la prima domanda è scontata: perché proprio Ariella Borghi?
“Innanzitutto l’intento è quello di proporre una nuova candidatura e premiare non il grande personaggio come è avvenuto fino ad ora, ma chi, nel proprio lavoro quotidiano anche in una semplice cittadina, dimostra di avere a cuore i diritti umani. Un’intenzione che sembra abbiano a cuore gli stessi organizzatori del Nobel. Un’intuizione che la Borghi rispecchia pienamente”.

E non c’era un altro esempio nel resto d’Italia?
“Francamente è difficile trovare altri esempi in questo senso. Basti pensare che Treviglio è stata l’unica cittadina di provincia a livello Europeo ad ospitare una manifestazione come il Gay Pride (lo scorso luglio, ndr), notizia che ha fatto il giro del Continente; in quell’occasione il sindaco non aveva avuto paura ad esporsi e sul palco aveva abbracciato fraternamente omosessuali, lesbiche e trans. Una cosa non da poco Non solo, vogliamo premiare – ripeto – la quotidianità del suo lavoro come quando riceve in Comune, indistintamente, chiunque voglia parlare con lei, dall’extracomunitario al trevigliese doc”.

Nelle motivazioni si parla di integrazione ed impegno sul fronte ecologico.
“Esatto, a Treviglio c’è un campo rom che è perfettamente integrato con la realtà cittadina dove non si sono mai verificati episodi particolari di razzismo. Per quanto riguarda l’ecologia basta ricordare la battaglia fatta dal sindaco nella vicenda dell’inquinamento cromo nelle falde acquifere”.

In concreto, quante sono le possibilità che Ariella Borghi venga candidata al Nobel?

“La possibilità che ad Oslo accettino la candidatura è molto elevata. Siamo in contatto con questo parlamentare norvegese che si è immediatamente interessato alla questione comunicandoci che la Borghi ha tutti i requisiti per essere candidata”.

E’ una notizia che arriva a poche settimane dalle elezioni amministrative a Treviglio.
“Chiariamo subito che non è una candidatura politica. Noi vogliamo premiare solamente il lavoro di un semplice sindaco di una cittadina, tanto è vero che nelle motivazioni non abbiamo scritto di che ala politica sia”.

Ciò non toglie che farà discutere: la notizia arriva vicino in periodo elettorale e vede protagonista un sindaco il cui operato ha diviso e divide l’opinione pubblica.
"Posso solo ripetere che non è una candidatura politica. Il personaggio fa discutere? Lo trovo normale: in tutti i comuni i sindaci dividono in qualche modo l’opinione pubblica".
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ex elettore Borhi

    Complimenti al Sindaco per la candidatura al Nobel. Se ha operato bene nel sociale Le va riconosciuto. ma finiamola li’. Tutto il resto non mi pare che sia andato bene. Vedi la colata di cemento SAI -TRIADE, Acqua spacciata per buona sino a qualche mese fa,PRT, proposta vendita farmacie comunali, cascina Scarotti,decisione di un appalto su UPIM indecente( vedere il progetto -la struttura rimane la stessa abbellita da teca di vetro per 6 milioni) CHE dire?
    .
    MERISI sindaco.BORGHI a casa.

  2. Scritto da dino

    per n8 cuccumbaro ,tu non voti a Treviglio cosa sei indo afro arabo?O di Caravaggio?
    Viva la Borghi ricandidata sindaco!! Votatela anche per Lingiardi ,Ciocca,Stucchi.

  3. Scritto da Borgata

    Dateci il nome del parlamentare norvegese che gli spieghiamo bene noi Trevigliesi quanto bene ha fatto a Treviglio la Borghi.
    Ma quale battaglia contro il cromo ha fatto se ha negato che ci fosse per anni e che la nostra acqua era purissima.
    E poi un po’ di decenza: uscire adesso con questa pagliacciata in campagna elettorale per recuperare visibilità è una cosa scorretta.
    Più in basso di così non poteva cadere.

  4. Scritto da simone

    il primo aprile è già passato: cari everyone siete in ritardo di 13 giorni!!!

  5. Scritto da Nobel alla Borghi=Nobel ai Trevigliesi

    L’invidia politica è una grave malattia. Avere coraggio nel governare anche a costo di scelte impopolari non è da tutti e non tutti sono in grado di capire. Un nobel per la sindaco Ariella..

  6. Scritto da sara

    ma che triste i commenti duri e di scherno nei confronti di una bergamasca che si segnale per una virtù Nobile .Bisogna lodarla non deriderla.
    Complimenti al Sindaco.

  7. Scritto da luciano015

    Mi sembra una buona notizia, almeno perchè si sentirà parlare dell’Italia a livello interrnazionale per argomenti non legati alle solite pagliacciate per le quali ci stiamo purtroppo rendendo famosi.
    Almeno si veda che nella settima potenza economica mondiale qualcuno affronta dei problemi di civile convivenza con un minimo di buon senso e serenità.

  8. Scritto da cuccumbaro

    Bella questa propaganda elettorale del comunismo trevigliese a mezzo sindaco: un buon appiglio per catturare più voti possibile. Oltre alle 4 liste comuniste (caso anticostituzionale di cui solo questa città è capace) adesso anche il sindaco santone.
    Conclusione: se prima avevo 1 motivo per NON votare a sinistra, ora ne ho 4.
    Ma a votare ci andrò, perché i comunisti ci vanno tutti, anche con 40 di febbre e invito tutti i trevigliesi non di sinistra a fare altrettanto!

  9. Scritto da alex

    Francamente mi sembra una forzatura: candidare un sindaco di una cittadina bergamasca al nobel sembra una mossa propagandistica ma di fronte agli immensi problemi che il mondo moderno sta affrontando non sembra che la pur lodevole iniziativa del sindaco Borghi sia così importante da meritare un riconoscimento a livello planetario.

  10. Scritto da Treviglio Ovest

    Se il nobel (volutamente minuscolo) per la pace lo hanno dato a un guerrafondaio come Obama, possono darlo anche alla Borghi che indipendentemente dalle simpatie o antipatie politiche, di guerre non ne ha fatte.

    Cordialità