BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Poveri” ma belli (e vincenti) La favola dell’Arx va a lieto fine fotogallery

La squadra di Arcene ha vinto il campionato di seconda categoria con numeri da brividi. Il presidente Rillo: "Qui nessun rimborso spesa, premio o stipendio: i ragazzi li pago con cene ed aperitivi".

Più informazioni su

Quando la passione va oltre al denaro. Nel 2011, nel mondo del calcio, è possibile coniugare lo sport con risultati di prestigio senza esborso di un solo centesimo. Un’utopia per i più, una realtà per l’Arx Fc, società di Arcene che ha appena trionfato nel girone D di Seconda Categoria vincendo matematicamente a tre giornate dalla fine il campionato, centrando così la promozione in Prima.
Un risultato già per sé straordinario considerando che la società è giovanissima: l’Arx è nata nel 2007 per il volere del suo presidente, Umberto Rillo, che in quell’estate dopo aver testato la disponibilità di alcuni ragazzi rimasti senza squadra aveva deciso di tentare l’avventura.
Molti i calciatori che non solcavano i campi da calcio da anni (magari dopo aver fatto la trafila nelle giovanili ed aver debuttato anche in buone categorie) a causa di motivi personali o perché le società di appartenenza (nella maggior parte dei casi l’Arcene, cugina maggiore dell’Arx, che milita nel campionato Promozione) non avevano dato loro fiducia in giovane età.
Quasi un’armata Brancaleone, con un quadro dirigenziale ridotto ai minimi termini (a dare una mano al presidente tuttofare un paio di persone oltre all’allenatore, Giancarlo Rama) ed una rosa composta quindi quasi da ex-calciatori (e da uomini di esperienza come Alessandro Dell’Orto, conosciuto dai più come brillante giornalista sportivo di Libero, dai meno come medianaccio nei campi di provincia bergamaschi), che però il primo anno centra subito la promozione sorretta dai gol di Briccoli (giovane, qualche anno prima, di belle speranze poi perso nella giungla del calcio dilettantistico) – il bomber a fine stagione arriverà a 24 reti – vincendo la finale playoff a Cortenuova.
Lo scorso weekend il secondo salto dopo due anni di sofferenza in Seconda (nel 2009 salvezza guadagnata all’ultimo nei playout contro il Vidalengo con una doppietta di Sangaletti) con il pareggio 1-1 a Canonica. Un campionato, quello che sta terminando, dominato in lungo e largo dagli uomini di Acquaroli (subentrato la scorsa estate a Rama il quale è rimasto nello staff tecnico) capaci di segnare 90 reti in 27 gare.
Numeri da pazzi che fanno rima con una gestione economica tra rimborsi spesi e stipendi ai giocatori altrettanto da pazzi; già, perché i campioni di seconda categoria guadagnano zero euro. “E’ una scelta fatta fin dal 2007- spiega il presidente Rillo – perché in fin dei conti abbiamo dato l’opportunità ai ragazzi rimasti “fermi”, e che per il 90 per cento sono del paese, di ritornare a divertirsi correndo dietro ad un pallone. Ed i risultati ci hanno premiato e dimostrato che questi ragazzi potevano dire ancora la loro a livello calcistico”. Una scelta incomprensibile anche per i calciofili dilettantistici abituati, sin dall’ultima categoria disponibile, ad avere come minimo un rimborso spesa che per alcuni, comparandoli con la realtà in cui si gioca, è paragonabile allo stipendio di Cristiano Ronaldo. “Molti non credono quando dico che non sborso un euro per i miei ragazzi, ma è la realtà. Chiedete a loro – continua Rillo -, preferisco “pagarli” organizzando magari un paio di cene, aperitivi o “zingarate” in più rispetto ad una società “normale”; un modo di fare che contribuisce a rafforzare il gruppo fuori dagli spogliatoi e che evidentemente, i risultati lo dimostrano, paga anche sul campo da calcio”. Un modo di ragionare da “presidente-fantasista con il numero 10 sulle spalle” (così lo chiamano i suoi ragazzi per via dei suoi trascorsi da trequartista e del suo approccio al mondo pallonaro e non) che non cambierà nemmeno l’anno prossimo, in Prima Categoria: “Ora c’è da festeggiare e lo faremo con l’Arx Sport (la festa della società che giungerà alla terza edizione, ndr) in paese a fine campionato, poi ci organizzeremo per la prossima stagione”. In bocca al lupo Arx.
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Emilio Acquaroli

    Bel servizio e belle foto. Un rigraziamento ufficiale a tutti perchè nella serietà professionale e nel divertimento abbiamo raggiunto un traguardo storico ed aggiungo eccezzionale con numeri da record.
    Adesso sotto per raggiungere i 100 gol!!!!!!!
    Grazie a tutti.

  2. Scritto da Beppe _atti Tirali Matti

    Suonaci Suonaci Suonaci il Violinoooo, o Cortesi Suonaci il violino…

  3. Scritto da koscrecht

    E’ questa la vera squadra di Arcene.
    Il resto è solo stupido business!