BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

‘Ndrangheta, nuovi arresti fanno luce sull’omicidio Novella

Dia e Ros hanno eseguito ulteriori 19 arresti tra le cosche calabresi operanti in Lombardia. Le rivelazioni di un nuovo pentito permetteranno di ricostruire l'assassinio avvenuto a San Vittore Olona

Più informazioni su

Ancora un duro colpo per la ‘ndrangheta in Lombardia grazie all’operazione “Bagliore” messa a segno dalla Direzione Investigativa Antimafia e dal Ros di Milano. L’arresto di 19 persone potrebbe fare luce, finalmente, sui mandanti dell’omicidio di Carmelo Novella, capo della ‘ndrangheta in Lombardia, eseguito il 14 luglio del 2008 quando fu freddato a copi di pistola all’interno del circolo patrioti di San Vittore Olona, davanti a numerose persone. La responsabilità del suo omicidio è attribuita a Michael Panaija, 37 anni, Antonino Belnome, Antonio Carnovale, 52 anni, Cristian Silvagna, 39 anni gia’ dietro le sbarre, Amedeo Giuseppe Tedesco e Luigi Tarantino, 30 anni gia’ detenuto. I mandanti, secondo l’accusa, sono Vincenzo Gallace, Cosimo Leuzzi e Andrea Ruga, reggenti dell’omonima cosca.

Il primo omicidio, in ordine temporale e’ quello di Rocco Cristello ucciso a Verano Brianza il 27 marzo 2008. Un delitto attribuito a Antonio Stagno, 43 anni, Giovanni Castagnella, 33 enne gia’ detenuto, e Giuseppe Daniele, e legato agli equilibri di potere all’interno dei ‘locali’ di Seregno e Giussano. Resta ancora da individuare il posto in cui e’ stato sepolto Rocco Stagno ucciso, secondo quanto ricostruito nelle indagini, il 29 marzo 2009 a Bernate Ticino all’interno di una cava. Delitto messo a segno, con ruoli diversi, da Rocco Cristello, Claudio Formica, il neo pentito Antonino Belnome, Domenico Tedesco, Leonardo Prestia, Massimiliano Zanchin e Francesco Elia.

Le rivelazioni di Belnome, insieme a "più di 10mila chiamate e messaggi" passati al setaccio e alle intercettazioni ambientali, hanno permesso di incastrare anche i killer dell’omicidio di Antonio Tedesco, detto ‘l’americano’ freddato il 27 aprile 2009 a Bregnano (Como) ad opera di Agostino Luigi Caristo, 42 anni, Salvatore Di Noto, Sergio Sestito, Maurizio Napoli e Antonio Carnovale. Il corpo della vittima e’ stato trovato dopo le dichiarazioni del pentito. Un delitto, deciso in Calabria, e riconducibile, spiegano gli inquirenti, al fatto che Tedesco si vantava di essere stato con molte donne e, tra queste, con la sorella di Belnome.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.