BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il vicesindaco: strumentale oggi opporsi alla cava

Fabrizio Sala, vicesindaco di Telgate, precisa alcune circostanze in merito al progetto di una nuova cava che potr?? trasformarsi in discarica.

Più informazioni su

Gentile redazione,

in qualità di Vice Sindaco ed Assessore all’Ambiente ed Ecologia del Comune di Telgate vorrei porre alcune precisazioni in merito all’articolo da Voi pubblicato in data odierna, puntualizzando quanto segue:
In data 13 agosto 2003, la Provincia di Bergamo, allora presieduta da Valerio Bettoni (attuale consigliere regionale dell’UDC), comunicava che dal 07.08.2003 al 06.10.2003 sarebbe stato depositato il nuovo Piano Cave (L.R. 14/98) presso la Segreteria Generale dell’Amministrazione Provinciale.
Tale comunicazione era stata inviata ai Comuni interessati da nuovi Ambiti Estrattivi, tra cui a titolo esemplificativo e non esaustivo: Telgate, Palosco, Costa di Mezzate, Calcinate ecc…
In dettaglio, nel Comune di Telgate, era stato individuato un nuovo ambito estrattivo denominato ATEG39 ubicato ai confini coi Comuni di Palazzolo sull’Oglio (Bs) e Palosco (Bg), la cui scheda tecnica prevede (e sottolineo PREVEDEVA già da allora…) il recupero fondo cava con la ricostituzione p.c. (piano campagna) originario mediante riempimento con materiali inerti o con terre di scavo e successiva copertura con terreno coltivo.
Questa cava, quindi, sin dalle sue origini era stata individuata quale destinazione finale per rifiuti inerti (sono definiti per legge come tali, tutti i rifiuti non pericolosi per la salute dell’uomo e dell’ambiente).
Mi sento, pertanto, in obbligo di precisare come la nostra Amministrazione, al momento del proprio insediamento, non abbia potuto decidere, ma semplicemente prendere atto di una situazione già ormai completamente consolidata.
La scelta di rigettare la proposta formulata dal Gruppo Consigliare di Minoranza “Progetto per Telgate” circa l’espressione di un parere ostativo al progetto è scaturita dal fatto che la stessa era chiaramente di carattere strumentale in quanto lo sfruttamento dell’ambito estrattivo ATEG39, con recupero ambientale mediante materiali inerti, è un diritto del richiedente acquisito con l’approvazione del vigente Piano Cave provinciale.
Pertanto, oggi, nessuno può mettere in discussione un diritto ormai riconosciuto. Tutt’al più potranno essere concordate le modalità di esercizio e di recupero della cava. Si ritiene più di interesse pubblico, nonché più utile per la cittadinanza, entrare nel merito del progetto presentato, concordando modalità ed accorgimenti atti a ridurre il più possibile gli effetti negativi sia sull’ambiente che sulle persone.
Forse le domande più corrette da porsi al momento potrebbero essere:
– “perchè la precedente Amministrazione di Telgate, nel 2003, non ha avvisato i suoi cittadini?”
– “perchè le allora, nonché attuali, Amministrazioni dei Comuni di Palazzolo sull’Oglio e Palosco, non hanno dato un maggior peso alle loro opposizioni, anche ricorrendo al T.A.R.?”;
Trovo, inoltre, le dichiarazioni del Sindaco del Comune di Palosco alquanto curiose poiché sul suo territorio trovano collocazione ben 2 cave… e di certo non sono a lui del tutto sconosciute le eventuali procedure giuridiche per opporsi all’insediamento od all’ampliamento di nuovi ambiti estrattivi.
Resta, comunque, il rammarico che il neonato Comitato Antidiscarica non abbia scelto questa Amministrazione quale interlocutore privilegiato per condividere un proficuo percorso comune

Fabrizio Sala
Vicesindaco e assessore all’Ecologia di Telgate

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ramona

    X Ugo Foscolo
    Dice bene….. “alla fine”…… alla fine di un lungo periodo di tempo (anni!) dove nessuno ha mai mosso un dito!
    Comunque… “non c’è peggior sordo di chi non vuol sentire!”.

  2. Scritto da Patrizia

    x foscolo
    Se la mette su questo piano (molto basso!) le rispondo che nessuno si merita una discarica, ma di certo tutti produciamo rifiuti atti ad essere accolti in una discarica, quindi da qualche parte queste andranno pur fatte! Poi è ovvio che a nessuno fa piacere averle fuori dalla porta di casa, ma ci sono dei tempi e degli iter da rispettatare e se chi di dovere se n’è lavato le mani a suo tempo, forse anche volutamente (questo chiediamocelo!) non bisogna colpevolizzare chi è arrivato dopo

  3. Scritto da Paolo

    Guardi Ugo Foscolo che nessun cittadino si merita una discarica,neanche chi ha avuto la sfortuna di essere male amministrato in passato.L’articolo del vice-sindaco e’chiarissimo e documentato visti i riferimenti riguardanti le date che egli cita.Quindi se ci sono degli amministratori che dovrebbero rendere conto di quanto sta accadendo non sono certo gli attuali,ma i precedenti.Ai nuovi amministratori leghisti di Telgate non si può che augurare buon lavoro,ormai l’aria e’cambiata,si sente.

  4. Scritto da Rebecca

    Chiaro, esaustivo. Bravo!!!

  5. Scritto da ugo foscolo

    Non entro nel merito ma se ho ben capito siccome nel 2003 era stato deciso di riempire una cava con inerti , a distanza di quasi 10 anni non ci si può pentire di quella decisione?
    Guardi Sindaco che anche per il nucleare si sta cambiando idea ….

  6. Scritto da giuan de ghisa

    X Rebecca
    Altro che bravo e esaustivo, cosa direbbe se le mettessero nel suo giardino le 135 tipologie di pattume con cui riempioranno la cava?

  7. Scritto da Ramona

    Finalmente una risposta chiarissima!
    Speriamo che la comprendano tutti…. anche i “sordi” che non voglio sentire e capire!
    Ma tutti quelli che oggi si oppongono (ormai inutilmente perchè nettamente in ritardo!) dove sono stati dal 2003 ad oggi?????
    Perchè le amministrazioni comunali di allora, interessate nella vicenda, non si sono mosse quando ancora qualcosa si poteva fare?????
    Inutile polemizzare oggi, ancora peggio strumentalizzare e fare politica su una vicenda che non piace a nessuno!

  8. Scritto da Patrizia

    Personalmente non sono favorevole alla cava/discarica, ma le spiegazione del vicesindaco non lasciano ombra di dubbio.
    Siccome non credo che un vicesindaco/assessore dichiari pubblicamente il falso, seppur con dispiacere, ne prendo atto.
    Non si può dare responsabilità a chi non ne ha!
    A questo punto auspico che l’amministrazione si impegni veramente nel limitare al minimo i danni, come giustamente ha scritto il vicesindaco. Buon lavoro!

  9. Scritto da ugo foscolo

    XRamona e Patrizia
    Alla fine ognuno ha la discarica che si merita ….