BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Soccorritori caduti in montagna Sono fuori pericolo di vita

In prognosi riservata i due uomini del Soccorso Alpino caduti durante una cordata sull'Arera. Dopo il ricovero condizioni in miglioramento.

Più informazioni su

Non sono in pericolo di vita i due uomini del Soccorso alpino bergamasco precipitati lungo una parete rocciosa dell’Arera attorno alle 11,20 di domenica 10 aprile, durante un’esercitazione in territorio di Oltre il Colle. I due bergamaschi, B. B. di 66 anni, della Val di scalve e B. D., 34 anni, della Val Seriana, sono stati ricoverati rispettivamente al Niguarda di Milano e ai Riuniti di Bergamo. Hanno riportato entrambi un trauma commotivo piuttosto grave e la loro prognosi resta riservata. Ma sono fuori pericolo di vita.
Il Corpo nazionale di Soccorso Alpino e Speleologico ha precisato meglio nel tardo pomeriggio di domenica 10 aprile, la dinamica dell’incidente. Tre le persone coinvolte, tra le quali i due tecnici feriti più gravemente. Alla base dell’accaduto potrebbe esserci la scarsa consistenza della neve, a causa del caldo anticipato che si è fatto sentire anche in quota, a circa 2300 metri. I tre erano insieme in cordata: due bergamaschi e, tra loro, un maresciallo della Guardia di Finanza (Soccorso alpino delle Fiamme Gialle), che quindi non faceva da capo cordata come scritto in un primo momento.
Il gruppo è scivolato su un nevaio, in un punto con pendenza di trenta gradi. Per alcuni attimi i tre scalatori hanno tentato di trattenersi a vicenda, fissando anche le piccozze al terreno. Ma in quel momento la neve marcia non ha permesso di reggere l’impatto.
Per tutto il gruppo c’è stato un volo pauroso: circa una trentina di metri nel vuoto, la caduta su un altro punto del nevaio e poi un rotolamento, per altri 150 metri sul terreno.Gli altri volontari e uomini del Soccorso alpino si sono subito dati da fare per mettere in salvo i colleghi coinvolti nell’incidente.
I due bergamaschi sono stati trasportati al Niguarda e agli Ospedali Riuniti tramite un elicottero del 118 di Milano e uno di Bergamo. Il terzo ferito, il maresciallo delle Fiamme Gialle, è stato invece portato all’ospedale di Sondrio da un elicottero della Finanza. Non ha riportato gravi ferite.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.