BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Stop ai sindaci “sceriffi” Prevedini infuriato Contraria anche la Reduzzi

La Corte costituzionale ha bocciato i super poteri conferiti ai sindaci italiani dal pacchetto sicurezza. Infuriato il sindaco di Caravaggio Prevedini.

La Corte costituzionale ha bocciato i super poteri conferiti ai sindaci italiani dal pacchetto sicurezza varato dal ministro Roberto Maroni nel 2008. Sono quindi illegittime tutte le ordinanze entrate in vigore negli ultimi anni, in particolare quelle anti-accattonaggio e anti-lucciole. Provvedimenti che i primi cittadini bergamaschi, di tutti gli schieramenti politici, non hanno lesinato ad adottare. Critico nei confronti della sentenza il ministro degli Interni Roberto Maroni: “Ritengo che la bocciatura del potere di ordinanza dei sindaci da parte della Corte costituzionale sia stato un errore. Si tratta di un fatto formale: ci vuole una legge e non un decreto amministrativo e noi rimedieremo per ripristinare questa norma importante”. Una promessa in cui confidano tanti sindaci bergamaschi, soprattutto leghisti, che hanno fatto delle ordinanze una bandiera di sicurezza e qualità della vita dei cittadini. Giuseppe Prevedini nella sua Caravaggio ne ha emanate molte, quasi tutte quelle previste dal pacchetto sicurezza. E ora è molto arrabbiato. “Va bene, boccino pure le ordinanze, però bisogna trovare un’alternativa. Altrimenti se l’intento è far tornare tutti sulle strade e fare i loro comodi il discorso è diverso. Io ho agito solo nell’interesse dei cittadini, se questi della Consulta si mettono a fare “s……te” arriviamo all’anarchia. Anche perché poi sui marciapiedi ci siamo noi sindaci, non certamente i giudici”. Quindi sarà costretto ad abolirle? “Vedremo. Io per ora non tocco nulla, al massimo farò una circolare interna e cambierò quanto basta nel testo per non farle annullare. Ripeto: io guardo agli interessi dei miei cittadini poi gli altri dicano quello che vogliono, non mi interessa”. Le ordinanze sono state emanate anche da molti sindaci di centrosinistra: Roberto Bruni a Bergamo come tanti altri primi cittadini di capoluoghi. Giuliana Reduzzi a Ponte San Pietro è convinta che le regole ci debbano essere, non a caso nel Comune dell’Isola è in vigore l’ordinanza anti accattonaggio. “Sono problemi che vanno governati – spiega il sindaco – sempre nel rispetto delle persone ovviamente. Però le regole non possono mancare”.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Gaetano Bresci

    almeno si arrivasse all’Anarchia, caro (si fa per dire) sindaco!
    in una società anarchica non ci sarebbero nè questuanti, nè venditori di accendini perchè la parità di diritti e la coscienza individuale e collettiva non permetterebbe l’esistenza di capitalisti, ladroni, politicanti e massoni, negatori di speranze e futuro per molti, troppi uomini e donne, vittime di questo mondo.

  2. Scritto da Allorquando

    Quando un maghreba molesterà(o peggio) le vostre mogli o figlie salutatemi la casta dei magistrati che lo rimetterà in libertà all’istante…

  3. Scritto da gianni

    @26
    Sarebbe comodo per voi togliere di mezzo la magistratura eh?
    Così quando qualcuno darà fastidio anzichè fuori dal partito lo butterete nelle patrie (padanie pardon) galere.

  4. Scritto da lucignolo

    @25
    il 99% delle molestie( stalking ) a donne in Italia avviene ad opera di cittadini italiani(stessa nazionalità). Quindi prima di parlare a vanvera e prima di fare processi sommari informati.

  5. Scritto da Grazie

    @26 – Un grazie alla magistratura , quella parte che vigila che i politici non facciano ciò a cui sembrano spesso essere inclini : fregarci i soldi.
    Un grazie grande come una casa.
    @25- Perchè adesso ci pensa prevedini ? Ma mi faccia il piacere !!!!!!!

  6. Scritto da libertà

    E’ difficile governare in questo paese, quando la magistratura, che è quasi tutta di sinistra, si mette a far politica.

  7. Scritto da gioanbala

    Benissimo, così noi ci teniame le putt… e i papponi sotto casa .E questi emetterebbero sentenze in nome del popolo italiano…ma fatemi il piacere!!

  8. Scritto da ureidacan

    C’è un Giudice di Pace di Bergamo che già l’aveva scritto in almeno due sentenze condannando in una il Comune di Osio Sotto e in un altra quello di Dalmine. Ma si sa che l’assessore Invernizzi del Comune di Bergamo non legge, se non la Padania.

  9. Scritto da Tex Willer

    Finalmente.. c’è un giudice a Berlino!
    Basta con questo scandalo delle ordinanze illiberali, senza senso, repressive e spesso anche ridicole. Il Sindaco non è il signore-patriarca del territorio, non può permettersi di fare ordinanze assurde, poi essere citato in giudizio, e andare a difendere il suo provvedimento senza senso coi soldi dei cittadini che pagano le tasse. Se l’amministratore vuole fare le sue crociate, deve pagare di tasca sua le conseguenze delle sue azioni anticostituzionali.

  10. Scritto da ureidacan

    Ah, dimenticavo. Il Sindaco di Dalmine per impugnare la sentenza che aveva riconosciutto al cittadino di non pagare la sanzione di 400 Euro, ha dato l’incarico per l’appello a due avvocati, due avvocati. Mi piacerebbe sapere quale somma è stata impegnata a bilancio per la loro parcella che pagheranno gli altri cittadini dalminesi.

  11. Scritto da ok

    giusto cosi, già ci sono i sindaci megalomani, se poi gli danno + poteri, siamo finiti noi cittadini ovviamente, tolleranza zero con i cittadini e chiudiamo glio occhi su tutto il resto

  12. Scritto da L'aspetto positivo

    L’aspetto positivo è che noi cittadini risparmieremo un pò di spese legali del comune (soldi nostri) relative a frequenti delibere illegittime che poi vengono fatte ritirare a suon di sentenze perchè in contrasto con la legge.

  13. Scritto da cittadino di Ponte

    Sentire la Reduzzi che si lagna per la bocciatura di questa legge fa capire quanto siano vicine le elezioni comunali. Proprio lei che non ha fatto niente in questi anni per metterla in pratica lasciando che Ponte diventasse la Mecca dei maghrebini che ne hanno combinate di tutti i colori,indisturbati.

  14. Scritto da Che Coraggio

    @6 – E’ la Reduzzi o sei tu che senti vicine le elezioni ? Fatti un giro nella Bassa a vedere cosa hanno combinato in termini di urbanistica ( e di conseguenza immigrazione) i tuoi sindaci leghisti.

  15. Scritto da A.Z. Bg

    Essendo la magistratura contro la nostra gente,tranne gli invasori di qualunqe colore siano,era ovvio che togliessero la possibilità ai sindaci eletti dalla gente,a differenza loro,assunti per concorso(in italia si sa come funziona)di difendere i loro cittadini da crimini vari.Il vigilante che ha sventato la rapina in prov.di Bs è stato arrestato dalla stessa magistratura.

  16. Scritto da paolo bergamo

    i miei complimenti a prevedini,davvero 1 gran irrispettoso:dire che i giudici della consulta hanno combinato 1 “st…..ta”,che grazie a loro si arriverà all’anarchia è proprio da uomo di basso profilo:se io in tribunale dico 1 singola A su 1 sentenza che mi è sfavorevole vengo condannato uleriormente,lui si permette di dire che fanno “st…..te”..morale:il rispetto delle istituzioni vale solo per noi gente comune,chi fa parte delle istituzioni del rispetto se ne frega…avanti così

  17. Scritto da appropriata

    prevedini continui a fare il fiorista, lasci che i temi giuridici li risolvano i magistrati che hanno competenza e cultura tecnico-giuridica appropriata.

  18. Scritto da Isolotto

    @ 6
    Concordo! Non sapevo che per 5 anni pure noi a Ponte abbiamo avuto un Sindaco sceriffo… ahahahah, ma chi vogliono prendere in giro?!? Proprio battute da campagna elettorale, speriamo che stavolta la gente non ci ricaschi (e sarebbe la quarta…).
    Comunque nel merito il vizio è di forma; basta un atto legislativo quadro ad hoc per rimettere le cose a posto. Speriamo si faccia, così che il prossimo sindaco di Ponte possa utilizzare veramente gli strumenti a disposizione e non solo a parole.

  19. Scritto da A. Antonio

    Leggo con dispiacere che esistono ancora, poveracci, che credono che i magistrati facciano gli interessi della nostra gente; leggete i girnali per capire cosa accade QUOTIDIANAMENTE a chì per disgrazia e, suo malgrado, ha a che fare con la giustizia. FORZA SINDACI

  20. Scritto da avvocato dell'avvocato

    lungi da me voler fare l’avvocato del Roberto Bruni ma ad onor del vero quando ha fatto lui le ordinanze non era ancora in vigore il cd “pacchetto sicurezza” che la corte costituzionale ha appena bocciato…
    i contenuti delle ordinanze poi erano sempre lo stesso schifo di quelle ultime di tentorio. 100% repressione e neanche un accenno ai Servizi Sociali.
    ma è così che si amministra una città??

  21. Scritto da paolo

    della serie; “farsi male da soli”
    http://notizie.tiscali.it/feeds/11/04/08/t_02_20110408_000023.html?ultimora

  22. Scritto da luciano015

    Meno male. Non se ne può più delle invenzioni di questi incapaci.

  23. Scritto da Ma Par

    @7 – Caro il mio AZ.bg , le leggi le fanno il governo ed il parlamento (voi), i giudici si limitano a far rispettare leggi e costituzione. Certo, qualche volta potranno anche sbagliare ma nello stato di diritto mi pare funzioni così, nei bar di masano o liteggio non lo so.
    Se poi qualche sindaco si improvvisa legislatore e costituzionalista e raffazzona qualche “editto” , poi capita frequentemente che debba passare alla cassa e pagare , con i soldi pubblici cioè nostri , le spese di giudizio.

  24. Scritto da caccasenno

    qualcuno mi sa elencare quanti lauree in giurisprudenza ha conseguito il Signor Prevedini, per poter essere infuriato con la Corte Costituzionale? Io non ne ho trovato traccia

  25. Scritto da Sgherro

    @17 Ha la laurea di “uomo che fa i mercati vendendo fiori e il sindaco”

  26. Scritto da UNIFORMIAMO

    non so, e non m’intessa, chi sono i due, ma già abbiamo forze dell’ordine disorganizzate e che guardano al proprio orticello intralciandosi ( caso yara e altre decine di esempi ) perciò io dico, unificazione delle forze dell’ordine, scioglimento dei vigili e della polizia provinciale e le risorse ad un’unico corpo

  27. Scritto da ugo foscolo

    A ognuno il suo.
    Cioè alla Corte Costituzionale la vigilanza sulla Costituzione della Repubblica, a Prevedini la vigilanza su verdure ed affini.

  28. Scritto da Per chiarezza

    Prevedini purtroppo ha la tracotanza di arrogarsi poteri che non sono suoi. A differenza dei parlamenteri i sindaci rispondono delle loro azioni anche per i fatti posti in essere nell’esercizio delle loro funzioni.
    Si auspica che questi comportamenti temerari vengano eliminati o quantomeno sanzionati.

  29. Scritto da gigi

    parlano di superpoteri ai sindaci, quando questi non sono neppure in grado di assicurare la viabilità in città, divieti di sosta non osservati, automobilisti al cellulare ecc ecc ……………………e poi vogliono i superpoteri ????