BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il primo noir made in Padania

Marted?? 12 aprile alla Feltrinelli di Bergamo si presenta il romanzo d'esordio di Fabrizio Carcano: "Gli angeli di Lucifero"

Resuscitare la leggenda del Diavolo di Porta Romana, alias il Marchese Acerbi, reincarnazione del Maligno nella Milano del 600, per raccontare una storia di vendette, esoterismo e satanismo della cronaca nera dei nostri giorni. E’ quello che fa Fabrizio Carcano nel suo romanzo d’esordio "Gli angeli di Lucifero" (Mursia; pagine 730; euro 22,00) costruendo una trama che nulla ha da invidiare agli angeli e ai demoni d’oltreoceano. Presentazione a Bergamo, il 12 aprile alle ore 18,30 presso La Libreria Feltrinelli (via XX Settembre, 55). Insieme all’autore, interviene Cesare Zapperi, giornalista del “Corriere della Sera”.
Il libro
La storia comincia con il trafugamento dal cimitero di Chiaravalle della salma del Marchese Acerbi, seguono in rapida successione tre omicidi sotto la Madonnina, compiuti e rivendicati dalla stessa mano.
Il commissario Bruno Ardigò, funzionario di polizia freddo e taciturno, si ritrova tra le mani vittime che portano cognomi di casate che ebbero acrimonie o rivalità con quella del marchese Acerbi: Annoni, Pozzi, Orrigoni. Il ritrovamento di misteriosi messaggi in città, pergamene antiche, ceri neri, crocifissi spezzati e, ultima ma non ultima, la riproduzione della Pala dei tre Arcangeli di Marco d’Oggiono in cui la tradizione si rovescia ed è Lucifero a decapitare gli angeli, alimentano l’ipotesi che una setta satanica si muova nel capoluogo lombardo. Insieme all’amico giornalista Federico Malerba, il commissario segue indizi che tracciano una mappa oscura di Milano dove palazzi, vie e monumenti svelano inquietanti misteri del passato.
Carcano riesce a dare un montaggio serrato alla storia usando alternativamente Ardigò per il filone poliziesco e Malerba per la storia di Milano del Seicento con spettacolari ricostruzioni d’epoca che lasciano nel lettore la voglia di addentrarsi con occhi nuovi nelle vie di Milano.
Indizio dopo indizio il lettore si ritrova a seguire i due investigatori fino all’ultima pagina: giustizia non sarà fatta ma i segreti saranno svelati e lo spettro del Diavolo di Porta Romana potrà tornare nelle tenebre.
Cronista, milanese, giornalista prima al Giorno, poi alla Prealpina, al TgCom, Affari Italiani e ora in forza alla redazione politica de La Padania, Carcano nella sua opera prima si dimostra abile nel maneggiare le tecniche del romanzo di genere. Giallista e leghista è un binomio inedito nel noir italiano e, c’è da scommettere, farà discutere.

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da mic

    mi meraviglio di voi di Bergamonews che scrivete padania con la “P” maiuscola…come se fosse un’entità territoriale che realmente esiste enon il frutto della fantasia di qualche buontempone in camicia verde.