BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Atalanta, si prepara gi?? il mercato per la A

Sulle pagine della Gazzetta dello Sport vengono illustrati i primi movimenti del mercato futuro atalantino a partire dall'arrivo del ds Foschi, ora al Padov.

Più informazioni su

Non c’è niente di meglio che poter preparare la stagione che verrà con molti mesi d’anticipo.
L’Atalanta può permetterselo, visto che soltanto suicidandosi può perdere i 9 punti di vantaggio che ha sul Novara, terzo in classifica. Il presidente Antonio Percassi, per prima cosa, intende potenziare la struttura tecnica e quanto prima annuncerà l’ingaggio del d.s. Rino Foschi, adesso al Padova, che a Bergamo ritroverà Beppe Corti, già suo braccio destro al Palermo.
Colantuono resta? Il primo nodo da sciogliere è quello dell’allenatore, anche se a tutti i livelli si giura che la posizione di Stefano Colantuono è saldissima, in virtù di un accordo sottoscritto la scorsa estate: in caso di promozione il contratto si prolungherà automaticamente di un’altra stagione. Soltanto una società poco seria non mantiene le promesse dopo averle confermate pubblicamente, quindi dobbiamo pensare che Colantuono non si muoverà, a meno che non sia lui stesso a volerlo (a Bergamo una parte della tifoseria non lo ama e lo contesta).
L’Atalanta ha di certo sondato il terreno con Gasperini, Rossi e Delneri. Apriamo una parentesi: la squadra che sta dominando la B è più figlia di Ruggeri che di Percassi (che però l’ha rigenerata). Finora, infatti, sono stati più decisivi gli acquisti della vecchia gestione che quelli della nuova: Ardemagni (pagato 3,5 milioni) a gennaio è stato parcheggiato al Padova, Basha (2) e Pettinari (1,6) sono panchinari e anche l’ultimo arrivato Marilungo (4,8) non sta entusiasmando.
Non sono stati valorizzati o sono stati sopravvalutati? La risposta può servire come bussola per le scelte future. Arrivi e partenze Doni continuerà a giocare per un’altra stagione, per ora anche alla società fa più comodo averlo dentro lo spogliatoio. Chi potrebbe andarsene è Tiribocchi, sul quale c’è il Livorno. Piace Sosa del Napoli: si tratta per il prestito con diritto di riscatto (ingaggio alla portata, sui 400 mila euro). Più difficile arrivare a Marco Reus, 21enne attaccante del Borussia Mönchengladbach (a cui è legato fino al 2015). Accordo con la Nova Gorica per Praprotnik, centrocampista classe ’93, arriverà a giugno. Sondaggio per Cribari, difensore del Napoli a
scadenza (ha un’offerta del Corinthians).
E per la difesa viene seguito Jorge Toco, 19enne centrale boliviano dell’Oriente Petrolero, ma in orbita Parma. Percassi, poi, vuole riprendersi Gabbiadini (a metà col Cittadella) e Schelotto (col Catania c’è soltanto un accordo sulla parola per la cessione della metà).
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da x basta colantuono

    Gli e’ stato detto di vincere e il cola vince. Non deve fare teatro, se voi vedrere il bel gioco guarda il real o il barca. …altro sport.

  2. Scritto da ElleA69

    concordo con N.19. Percassi e noi volevamo la A a tutti i costi, e Colantuono lo sta facendo, piaccia o no. Quindi diamogli l’opportunità anche in A, e non abbassiamoci a quello che ha fatto qualche anno fa, anche se lo sgarbo resta. E’ dimostrare forza anche questo!
    E poi conoscerebbe già la squadra, che non è poco per dire la propria in A

  3. Scritto da Basta con Colantuono

    Diciamo che in Serie B forse potevano andar bene anche Osti e Giacobazzi? Scusate ma l’entusiasmo ci arriva dalla B? Facile vincere con Portogruaro e Triestina. Sempre di serie CADETTA si tratta, é la serie A che conta, é in serie A che hanno fallito.
    I paragoni si potranno fare solo la prossima stagione, magari con un allenatore da serie A e con un programma che preveda anche un po’ di gioco e di spettacolo, questo é il mio augurio.

  4. Scritto da x 1907/B GOL

    e tu credi di andare lontano con il tuo italiano di prima elementare?
    rosicone-povero-da compatire…l’evoluzione per alcuni si è fermata prima dell’homo sapiens sapiens

  5. Scritto da ALESSIO

    PER IL N° 3
    TU LO SAI BENE VERO???????? BRESA’ S….HA HA HA SERIE B IN ETERNO PER VOI.

  6. Scritto da Rastù

    C’è da dire che Pettinari quando è stato impiegato da titolare non ha sfigurato ed ha fatto pure 2 gol !! secondo me bisogna lasciare più spazio a questi giovani !!

  7. Scritto da Lapalissiano

    La squadra che fu costruita da Osti e Ruggeri, pur privata dei campioni venduti in estate, sta dominando il campionato.
    Come sempre, il campo dice molte più cose del marketing.

  8. Scritto da 1907/b

    non buttate via soldi per un anno

  9. Scritto da Guido

    Gestione Ruggeri & Osti tutta la vita!

  10. Scritto da Sergio-Svizzera

    Siamo sicuri che Pettinari, Marilungo,Basha e Ardemani siano davvero dei giocatori di mediocre livello e non piuttosto vittime dell’incompetenza di Colantuono che non ha capito le loro potenzialità, li ha sottovalutati e non saputo valorizzarli nel modo giusto?

  11. Scritto da Ol Claudì

    Dunque la differenza la stanno facendo i giocatori della gestione Osti-Giacobazzi. Volpi, Zanetti, Chevanton, Acquafresca, Caserta, Amoruso, perchè se di acquisti vogliamo parlare sono questi i nomi da fare non la rosa Atalantina. Grazie.

  12. Scritto da talantino

    Meglio Osti di Zamagna? quest’ultimo praticamente gia’ fatto fuori. Beh per tornare in serie A ci son voluti ancora i Ruggeri?

  13. Scritto da Enrico

    per Sergio-Svizzera: come spieghi allora l’arrivo di un nuovo d.s.? Non ci sarebbe già Zamagna?

  14. Scritto da Marino Foletta

    di chi sia figlia non si sa, di sicuro c’è che con i ruggeri siamo finiti in B (ringraziandoli comunque per tutti gli anni di A) , e al primo anno di gestione del Percassi bis, siamo in testa alla classifica in attesa della matematica certezza della promozione… il resto sono , come il calciomercato di aprile, chiacchiere da bar.

  15. Scritto da Rino

    Caro Foletta, il campo non chiacchiera, parla chiaro. E dice che il gruppo che sta dominando la serie b fu voluto da Osti e Ruggeri. Anzi, la squadra da loro allestita era ancora più forte, con i vari Valdes, Guarente e Garics.

  16. Scritto da @6

    Basta che ti guardi la formazione. Se vuoi negare l’evidenza, fai pure. E poi che mi dici dei vari Dalla Bona, Ferri, Delvecchio e Bjelanonovic? Quelli li ha forse presi Osti? Applichi due pesi e due misure, mi spiace.

  17. Scritto da Piccolo, spazio, pubblicità

    C’è qualcuno che ha il coraggio di dire che stiamo andando in serie a per merito di Basha, Bjelanovic, Ardemagni, Dalla Bona, Pettinari, Delvecchio? Complimenti, che stòmec.

  18. Scritto da DEAAAA

    Ma quanto spazio abbiamo dato ai giovani ?? Se giocano poco non vuol dire che sono scarsi, Floccari la prima era partito in sordina poi è esploso la seconda stagione !! Più spazio ai giovani almeno a fine campionato

  19. Scritto da 1907/b

    ma credete davvero di andare lontano con una scuadra e una società del genere ?

  20. Scritto da LUCA

    ARIA FRITTA!!!! SIAMO RETROCESSI CON “RUGGERI-GIACOBAZZI-OSTI” E STIAMO TORNANDO IN A CON “PERCASSI-ZAMAGNA-CORT”I!!!
    IL RESTO AVANZA!!!!!