BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Yara, Fikri: assolutamente tranquillo Quella pista tra intercettazioni e ombre

E' rientrato in Italia e parla tramite il suo avvocato di Bergamo l'unica persona finora indagata. Va verso l'archiviazione. Le prime indagini dei carabinieri puntarono su di lui.

Più informazioni su

E’ rientrato in Italia nonostante da alcune settimane si parlasse di nuovo di lui, in particolare di un intercettazione telefonica in cui parlava di Yara dicendo "uccisa davanti al cancello". Mohammed Fikri è salpato di nuovo, questa volta dal Marocco, per raggiungere la Penisola e subito dopo Montebelluna, in Veneto, dove vive. Soprattutto per rimettersi a lavorare. Non ha avuto paura di voci e indiscrezioni, anzi: "Sono assolutamente tranquillo, non ho nulla da temere" ha spiegato tramite il suo avvocato di Bergamo Roberta Barbieri, dello studio Fedeli di via Camozzi.
Fikri è rientrato in Italia il 29 marzo, come aveva annunciato il suo datore di lavoro padovano Roberto Benozzo. Nessun ritardo, nessun timore, come ha detto lui stesso. L’immigrato è rientrato circa 40 giorni dopo il ritrovamento del cadavere di Yara Gambirasio in un campo di Chignolo d’Isola, e circa quattro mesi dopo il suo fermo, nel pomeriggio del 4 dicembre, quando si trovava su una nave salpata da Genova per Tangeri.
In quella pista investigativa, rappresentata da Fikri, i carabinieri hanno creduto a lungo. L’Arma mise sotto intercettazione tutti gli operai presenti nel cantiere di Mapello il giorno della scomparsa di Yara. Tra loro anche Fikri. Ma una delle frasi intercettata dai carabinieri, in lingua araba, non resse la prova delle traduzioni di fronte al Giudice per le indagini preliminari. Anzi, fu la stessa pm Letizia Ruggeri a presentarsi di fronte al giudice due giorni dopo il fermo, senza nemmeno chiedere la custodia cautelare per l’immigrato, perchè ogni indizio (tra cui la traduzione sbagliata) parlava in suo favore.
I carabinieri ci hanno creduto e, secondo alcune indiscrezioni, non manca chi crede ancora oggi a quella pista. Forse non pensando a Fikri come protagonista della vicenda, ma come persona che può aver sentito qualcosa di utile e interessante.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.