BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tagli, andrò al lavoro in auto dopo 35 anni di bus

Un'altra pendolare, stavolta di Dalmine, protesta per le difficoltà e le lungaggini per raggiungere Bergamo dove lavora.

Più informazioni su

Un’altra pendolare, stavolta di Dalmine protesta per le difficoltà e le lungaggini per raggiungere Bergamo dove lavora.
 
Sono pendolare da più di 35 anni, prendo quotidianamente i mezzi pubblici per il transito da Dalmine dove risiedo a Bergamo dove lavoro. Ho sempre sostenuto che i mezzi pubblici sono una valida alternativa a quelli privati, viaggiare con studenti ed extra comunitari non rappresenta a mio parere nessun problema, si combatte il problema inquinamento in maniera responsabile, i costi sono contenuti.
Negli ultimi tempi il prezzo degli abbonamenti è cresciuto in maniera decisa e ad un aumento delle tariffe si è contrapposto un peggioramento del servizio che definirei quasi insostenibile: a fronte di 5 ore di lavoro e 7 km di distanza, io rimango fuori casa per 8 ore.
Sto studiando, ribadisco, dopo più di 35 anni, il modo per raggiungere il mio posto di lavoro con mezzi privati.

Non posso che rimanere amareggiata di fronte a questo riconoscimento all’azienda ATB che non condivido assolutamente. Forse che il treno della valle Seriana è stato realizzato grazie ai tagli del servizio nella zona a sud di Bergamo? Forse rappresenta uno specchietto per allodole che copre i disservizi, ritardi e allungamento delle tratte difficilmente giustificabili?
Naturalmente ho segnalato direttamente all’azienda tutto quanto sopra, senza risultato.
Non ho parole..

S. L.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da blok

    La protesta / 2 significa che esiste anche una protesta / 1. Dov’è? Io in questa pagina non la vedo!!

  2. Scritto da s.l.

    da S.L.
    devo dire che l’Atb ha inserito, successivamente alla mia lettera alcune fermate provvisorie e alcuni giorni fa inviato risposte, seppur dopo molto tempo, ad alcuni utenti che le avevano scritto. I problemi a causa dei tagli, soprattutto in alcune zone restano gravi, ma per correttezza è giusto riconoscere lo sforzo.

  3. Scritto da reguzzo

    e meno male che siamo a Bergamo e non a Napoli!!!
    Siamo nel 2011 e non nel Medio Evo…

  4. Scritto da nino rossiti

    Dal 27 febbraio sono cambiati gli orari e le corse sulla linea per Grumello al Piano sono più che dimezzate! Orari non rispettati (10 minuti in anticipo ogni corsa!!!)
    Ho scritto all’ATB ma dopo un mese e mezzo nessuna risposta!!!
    Invece che progettare i percorsi sulla carta provate ad andare sul territorio e utilizzare anche voi gli autobus e verificare le esigenze della gente.
    Bella serietà! E’ il modo per incentivare l’auto.
    Dopo 20 anni di autobus mi sa che passerò all’auto.
    Grazie ATB

  5. Scritto da Marco

    Secondo me ATB non poteva fare molto altro a fronte dei tagli di risorse che ha subito se non ridurre le corse e aumentare i prezzi…poi certo, almeno la correttezza nel rispondere alle tante lamentele potrebbe anche averla. Lamentiamoci piuttosto con chi gestisce la cosa pubblica a livello nazionale perchè queste sono le conseguenze di politiche fatte di slogan (“non ci sono nuove tasse!”…) che incantano e illudono…

  6. Scritto da Giovanni

    Questi sono i risultati del Governo del Fare. Tanto loro mica usano i mezzi pubblici, non usano la sanità pubblica, non usano l’istruzione pubblica. Non metteremo le mani nelle tasche degli italiani dicevano. Certo, però hanno tagliato i servizi pubblici e ora ne risentono non solo le nostra tasche ma il nostro lavoro, la nostra istruzione e la nostra salute. Meditate padani meditate

  7. Scritto da angelo

    Grazie Lega: questi sono i risultati di una politica fatta di cene ad Arcore anzichè di lotta di popolo. E ci parlano di federalismo…

  8. Scritto da ANDREA

    Anche io dopo 9 anni di bus ho cambiato mezzo di trasporto optando per il treno, più economico, abbonamenti circa della metà e tempi molto inferiori e meno stress nel raggiungere bergamo da ponte san pietro, al mattino una bella biciclettata da bonate sopra a ponte e lo stesso alla sera per raggiungere la stazione di ponte san pietro o casa pero vale la pena per ben tre motivi: tempi ridotti, piu economico l’abbonamento e meno stress! I tagli perchè non li fanno anche nelle loro tasche a ROMA!!

  9. Scritto da Maurizio

    Quando il politico non è eletto dalla gente (la parola popolo non mi piace) ma è messo lì dal CAPO è solo a LUI che deve render conto e LUI i mezzi pubblici non li usa; se poi fanno le leggi per cui la gente non può mandare a casa più nessuno la frittata è bella che servita

  10. Scritto da mary

    la rabbia è tanta! spieghi ai tuoi figli che il domani è dell’ecologia e della mobilità consapevole e poi ti trovi ad arrenderti perchè le scelte miopi dei politici tagliano i servizi per la collettività!.. meglio il macchinone superinquinante e le guerre per il petrolio, no???

  11. Scritto da Fabio

    Onestamente non capisco questo riferimento alla TEB. La solita guerra tra poveri. Il trasporto su rotaia è meglio di quello su gomma e quindi la scelta della tramvia delle valli è sicuramente positiva.
    Puntate il dito contro chi fa le scelte e sopratutto contro noi stessi.
    Ma vi rendete conto quante macchine circolano con un solo passeggero a bordo? chiudiamo il centro di bergamo alle macchine…oppure proviamo a timbrare i biglietti pagando la tartta giusta e non timbrando solo in ambito urbano