BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’omaggio di Bergamo a Franco Normanni

Un maestro dell???architettura e del design, Alessandro Mendini, ha inaugurato la mostra ???Spazi composti di Franco Normanni??? all'ex chiesa della Maddalena.

E’ stato un maestro dell’architettura e del design, Alessandro Mendini, a inaugurare la mostra “Spazi composti di Franco Normanni”, dedicata a una delle personalità più interessanti del panorama artistico bergamasco del Novecento.
Mendini, padre del postmodernismo italiano e storico direttore artistico di Domus e Casabella, ha varato l’evento espositivo all’ex Chiesa della Maddalena a Bergamo gremita di pubblico, alla presenza dell’Assessore alla Cultura del Comune di Bergamo Claudia Sartirani e della senatrice Alessandra Gallone. Il progetto, reso possibile dall’Associazione Amici Artista Franco Normanni, è ricco di appuntamenti fino al 29 maggio, con dibattiti tra architetti, designer e artisti, incontri pubblici con critici e storici dell’arte, momenti di musica e di videoarte a tema.
Una formula promettente per onorare la memoria bio-artistica del bergamasco Franco Normanni, coraggioso e complesso esponente di quella “generazione di sintesi” di cui hanno fatto parte anche Cornali, Recchi, Scarpanti, Ajolfi, Longaretti, Rossi.
Al vernissage, oltre a Mendini che ha sottolineato la specificità della ricerca introspettiva e coerente di Normanni, sono intervenuti Maria Normanni, sorella dell’artista e presidente dell’Associazione, Rolando Bellini curatore scientifico della mostra con Elisabetta Calcaterra, l’architetto Ilaria Mazzoleni nipote dell’artista, cui si deve il coordinamento dei lavori e il riuscito allestimento interno alla ex Chiesa. L’impianto espositivo, di grande effetto ed efficacia, vuole tradurre concettualmente la spazialità di Normanni e “riuscire a creare – scrive Maria Cristina Rodeschini – un momento di raccoglimento, di intimità con l’opera dell’autore”.
Tra pannelli fluidi che creano vere e proprie stanze d’atmosfera, il percorso si snoda attraverso quasi duecento opere – disegni, incisioni, acquerelli, dipinti, bozzetti, lavori scultorei – passando in rassegna forme, tecniche e materiali di una ricerca intensa che Normanni condusse con tenacia e rigore confrontandosi con le avanguardie del Novecento. Non mancano una sezione documentaria in forma digitale e alcune preziose testimonianze videoregistrate per approfondire la conoscenza dell’artista.
Correda la mostra la prima monografia sull’artista (ed. Lubrina) con prefazione di Mendini e saggi di storici, critici, docenti e giornalisti d’arte, che sarà presentata negli incontri previsti nei due mesi espositivi.
Tra gli eventi in calendario (tutti alle 20.30 alla ex Chiesa della Maddalena, via Sant’Alessandro 39/d), le “Conversazioni sull’arte” del 14 aprile moderate da Elisabetta Calcaterra, l’incontro del 5 maggio su “Arte e architettura”, con ospiti illustri coordinati da Paolo Belloni e Paola Tognon e quello del 19 maggio su “Arte e musica”, con un omaggio a Normanni di due artisti, la violoncellista Isabel Martin e il videoartista Alberto Nacci. Per info www.franconormanni.com

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da bendotti

    segnalo due opere dell’insigne artista donate alla vicepostulazione della causa di canonizzazione di fra tommaso da Olera in occasione della mostra svoltasi nel convento dei cappuccini di Bergamo nel 1982 in occasione dell’8° centenario della nascita di San Francesco.

    http://www.olera.it/quadri/index.php