BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’inchiesta sulle firme false fa tremare il Pdl

Secondo quanto apprende Affaritaliani.it da fonti autorevoli, l'inchiesta sulle firme false da parte del Pdl alle ultime Regionali non è affatto arenata.

Più informazioni su

Tratto da Affaritaliani.it

di Fabio Massa

Mario Mantovani, coordinatore regionale del Pdl da alcuni mesi, ha deciso di fare le cose bene. Perfettamente trasparenti. Notai, cancellieri del tribunale, avvocati: la raccolta firme per le comunali sarà effettuata con la massima attenzione. Del resto, secondo quanto apprende Affaritaliani.it da fonti autorevoli, l’inchiesta sulle firme false da parte del Pdl alle ultime regionali non è affatto arenata. Anzi, si sta muovendo sui binari giusti, per gli inquirenti, e potrebbe dare esiti clamorosi proprio a ridosso delle elezioni.
Per questo i marescialli della Procura stanno effettuando interrogatori a tappeto all’interno del Pdl. Addirittura gli impiegati della sede di viale Monza sono stati chiamati a rispondere. La domanda, insistente, è una sola: "Ma lei c’era quella famosa notte? Lei aveva la disponibilità degli elenchi di candidati?". La famosa notte alla quale si fa riferimento è quella nella quale sarebbero stati sostituiti i frontespizi dei faldoni di raccolta firme con altri creati ex novo, dai quali sarebbe sparito un nome e ne sarebbe stato aggiunto un altro. Un cambiamento che – secondo l’accusa – renderebbe di fatto nulle tutte le firme raccolte.
Ma quale è il nome – stando alla tesi degli inquirenti – che è sparito e quale è stato aggiunto? La fonte di Affari non parla di Nicole Minetti, come si è detto in passato, ma di Paolo Cagnoni, l’assistente che Bondi avrebbe voluto far eleggere in Lombardia. Sarebbe infatti stato Paolo Cagnoni il sacrificato per fare spazio a Doriano Riparbelli, la cui candidatura – seppur prevista, annunciata e sicura – non sarebbe stata erroneamente inserita nel listino. Una dimenticanza, quella di Riparbelli, scoperta una notte ad Arcore e sulla quale i magistrati vogliono vederci chiaro. Questa, almeno, la tesi degli inquirenti.
Quindi, l’inchiesta va avanti spedita. Secondo quanto risulta ad Affaritaliani.it gli interrogatori, che a volte durano anche ore, puntano a ricostruire cosa è successo quella notte. Guido Podestà è stato interrogato ma avrebbe già chiarito la sua posizione. Quella notte, infatti, non sarebbe stato in sede, in viale Monza. Secondo rumors di Affari, la situazione è talmente scottante che dirigenti di primissimo piano all’interno del partito hanno chiesto e ottenuto, nella giornata di ieri, un incontro con Napolitano. La notizia, non confermata, farebbe pensare a una bomba pronta ad esplodere.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angelo

    Pensa che bello, magari così c’è chi dovrà tornare a curare l’igiene personale del premier per campare.

  2. Scritto da pm

    Ma in quel bel partito è tutto falso, dai capelli del capo in giù?

  3. Scritto da luca, bergamo

    @ 2
    false promesse
    false notizie
    false firme
    falsi titoli di studio
    false dichiarazzioni dei redditi
    false prestazioni sessuali (a botte di viagra)
    false maggiorenni
    false riforme
    falsi storici
    in effetti, pm, non trovo nulla che non sia falso…
    a parte l´ignoranza di chi li vota, quella è verissima

  4. Scritto da bastacasta

    Senza dimenticare che, oltre alle liste con firme false, Formigoni si è ricandidato per la terza legislatura in barba alla legge nazionale e quindi illegalmente solo perche’si è guardato bene dal recepire tale legge al consiglio regionale (legge 165 del 2004!!).