BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bus, i tagli alle corse fanno pi?? male in provincia

Una lettrice di Cenate Sotto si lamenta con rabbia del peggioramnete della qualit?? della vita dopo la decisione incomprensibile di tagliare le corse dell'autobus verso la citt??.

Più informazioni su

Una lettrice di Cenate Sotto si lamenta con rabbia del peggioramnete della qualità della vita dopo la decisione incomprensibile di tagliare le corse dell’autobus verso la città.

Spettabile Direzione,

scrivo queste righe per denunciare le gravi carenze che stanno sempre più caratterizzando il servizio del trasporto pubblico nella bergamasca. Nonostante un pur ragionevole aumento delle tariffe nel 2011, “per far fronte ai tagli” dal 28 marzo sono state soppresse svariate corse extraurbane giornaliere ed altre che collegano Bergamo a località della provincia strettamente legate al “turismo del week end”.
Rimandando ad altra sede il ruolo del trasporto pubblico nel rilancio del turismo legato ai voli low cost del nostro aeroporto, voglio rendere pubblico e denunciare il peggioramento nella qualità di vita che la soppressione di una di queste corse ha causato nella mia vita ed in quella di tante altre che, come me, hanno lo svantaggio di abitare in comuni poco popolosi e “a due passi” dalle principali arterie di collegamento con la città. Cenate Sopra, Cenate Sotto e Zandobbio sono paesini in cui oggi sono garantite solo tre corse giornaliere e “i due passi” dalla fermata più vicina sono ben quaranta minuti di cammino.
Per fortuna almeno il tepore del sole in questi giorni ci aiuta ma non sarà sempre clemente e la passeggiata salutare diventerà presto un supplizio da sopportare … per colpa di chi? Perché tagliare una corsa che è garantita da ben cinquant’anni? Perché controllare a tappeto abbonamenti e biglietti solo ora dopo che per anni gentaglia (non certo pendolare) si è permessa di viaggiare gratis di insultando pure i pochi autisti che avevano il coraggio di ribellarsi? Chissà perché in questi giorni di controlli non si vedono certe facce sui pullman. Purtroppo devo quindi constatare con rabbia che chi ci rimette è sempre e solo chi fa solo il proprio lavoro con diligenza.

Elisabetta Longhi
Cenate Sopra
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da angi

    Marilena.. la politica le condiziona la vita. Tutto per lei ruota intorno alla politica. Se il tempo è bello chiaramente è grazie alla sinistra, se il tempo è brutto c’è lo zampino della destra. Lei pensa che in tempi come questi la sinistra avrebbe elargito comunque soldi a tutti? Magari riducendo il debito pubblico? Facendo pagare meno tasse? Regalando case e sussidi a tutti? Raddoppiando le linee dei tram e bus magari non facendo pagare il biglietto? Quanti hanni ha lei.. 12?

  2. Scritto da marilena

    condivido alessandra 1. Cara signora, lei probabilmente ha votato questo governo, visto come si esprime nei confronti di “certa gentaglia”, perciò la prossima volta mediti prima di votare. Altro che demagogia signor stefano…

  3. Scritto da marilena

    scusi signor stefano ho sbagliato! Mi riferivo a roberto n 2.

  4. Scritto da pm

    @2: come tutti sanno, i tagli alle corse c’entrano molto con la politica nazionale, perchè sono uno dei tanti risultati dei tagli dei trasferimenti alle regioni e agli enti locali (come lo sono gli aumenti di molte tariffe), che non possono non ripercuotersi a catena fino ai servizi pubblici per gli utenti.
    I nodi, prima o poi, vengono al pettine, e chi paga sono ovviamente i cittadini, non certo chi ha regalato soldi a destra e a manca (Alitalia, Roma, Catania, e tanti altri fulgidi esempi).

  5. Scritto da Enrico

    Ecco che uno dei conti da pagare alla sciagurata politica del centrodestra arriva al cittadino. Quelli più salati -penso all’economia e alla scuola- purtroppo arriveranno maggiorati da interessi. Capisco che i ricconi del pdl guardino altrove, ma il popolo della lega dove si è addormentato?

  6. Scritto da paolo

    la parte più surreale è che la colpa venga data “all’uomo nero” distinguibile chiaramente in base alla ‘faccia’, invece che agli amministratori e a chi li nomina (e questi si che sono politici locali)

  7. Scritto da rosy

    Parliamo anche della zona Valle Seriana… un disastro… anche in orari cosiddetti di punta…. è dall’inizio di Settembre che litigo con i dirigenti …. forse ora a fine anno scolastico ci siamo capiti! ma i prezzi sono altissimi ed i servizi scarsi….e poi andiamo avanti con il federalismo….dovremo armarci di carretto con asino e partire la mattina presto!

  8. Scritto da paola

    solidarietà per i tagli alle corse, la colpa è chiaramente dei tagli agli enti locali a livello nazionale, e di come sono stati distribuiti i tagli a livello locale. quindi di pdl e lega, visto che governano loro a tutti i livelli: nazionale, regionale, provinciale e cittadino.
    ricordiamocelo, quando andremo a votare la prossima volta.

  9. Scritto da roberto

    alessandra r. —- smettila di fare demagogia….e propaganda politica!
    come tutti sanno il fatto dei tagli alle corse non c’entra nulla con la politica nazionale !

  10. Scritto da alessandra r.

    Cara signora Longhi, se, come la statistica insegna, lei probabilmente rientra tra quei due terzi di bergamaschi che hanno votato il centrodestra alle politiche del 2008 e alle regionali del 2010, allora perchè si lamenta delle conseguenze delle decisioni (tagli al trasporto pubblico) assunte dai politici da lei scelti? Mal che si vuol, non duol, dice il proverbio!
    Se invece rientra in quella minoranza di bergamaschi che non ha votato per questi signori, allora ha tutta la mia solidarietà.

  11. Scritto da Andrea

    mha.. la provincia è sempre stata massacrata dai tagli… mi chiedo pero’ perche’ se a bergamo vi sono diverse linee di diverse compagnie che coprono lo stesso percorso non vengono razionalizzate…forse magari bisognerebbe capire che in centro dovrebbe per esempio circolare solo Atb…e avere dei centri di raccolta all’esterno della citta’ per le altre destinazioni…troppo difficile????

  12. Scritto da baz

    è chi l’ha votato il governo lega-berlusconi?
    il conto a loro non lo si presenta mai? in bergamasca hanno preso la grande maggioranza mi pare

  13. Scritto da bus stop

    Sono solidale con la lettrice di Cenate Sotto. Abito a Bergamo, talvolta
    dopo le 19.30 bisogna andare a piedi, oppure aspettare quasi un’ora
    un bus che magari salta la corsa. In citta’ mi capita di vedere moltissimi bus col display ”Fuori Servizio” specie alla sera.
    Forse i tagli sono anche il frutto dei viaggi gratis che ormai sembrano diventati un diritto di persone prepotenti e spesso rissose.

  14. Scritto da Stefano

    @1: ha proprio ragione Alessandra R. e non condivido l’accusa di “demagogia” che le viene mossa. I tagli erano da fare per forza? E chi l’ha detto? I fondi potevano essere recuperati da una migliore lotta all’evasione fiscale, dalla tassazione più equa sulle rendite da capitali, dai tagli ai costi della politica, ecc… si tratta di scelte politiche, quindi si possono criticare eccome, non è possibile nascondere sempre i limiti e gli errori delle proprie scelte dietro all’accusa di “demagogia”.