BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Al dirigente 382 mila euro nel 2010: protesta la Lista Bettoni Lui: “E’ in rapporto alle cause vinte”

Retribuzioni troppo alte per i drigenti di Via Tasso? La Lista Bettoni interpella il presidente citando il capo dell'avvocatura che risponde: quanto percepisco ?? proporzionato alle cause vinte

Retribuzioni troppo alte per i dirigenti della Provincia di Bergamo. Lo evidenziano tre consiglieri della Lista Bettoni, il capogruppo Vittorio Milesi, Mauro Marinoni e Cinzia Baronchelli che presentano un’interpellanza al Presidente della Provincia Ettore Pirovano.
I tre consiglieri evidenziano "l’esistenza di ‘dirigenti super pagati’, in particolare la retribuzione del Dirigente del Settore Avvocatura che nel 2009 era pari ad euro 208.364,05 e che nel 2010 è di ben 382.279,76 euro. Considerato che le retribuzioni medie dei Dirigenti della Provincia si aggirano sui 110mila euro circa interpellano il Presidente della Provincia e l’Assessore competente per conoscere le motivazioni della ‘super retribuzione’ al Dirigente del Settore Avvocatura che dai 208.364,05 euro del 2009 è passata ai 382.279,76 del 2010". Nell’interpellanza si chiede anche "se non si ritenga opportuno la definizione anche per i Dirigenti della Provincia di un tetto massimo di retribuzione che in un momento di particolare difficoltà economica".
A spiegare i costi è proprio il dirigente dell’Avvocatura di via Tasso. "La Provincia ha aperto circa 845 cause dal 1997 ad oggi – afferma l’avvocato Giorgio Vavassori ogni anno sono 250 circa, l’anno scorso 259. Sono una minima percentuale che oscilla dal 4 al 10 per cento sono cause avviate dall’ente, il restante sono cause che ci vedono come attori o convenuti. Proprio per gli alti costi che chiedono queste cause, enti di una certa grandezza come la Provincia, si devono adeguare ad avere un’avvocatura interna che segua direttamente le cause. Le retribuzioni che percepisco e che vengono rese note proprio per la trasparenza con i cittadini sono proporzionate alle cause vinte. Infatti, vengo liquidato come dirigente solamente per le cause vinte, non come avviene tra un soggetto privato e il suo avvocato. Se si fa un calcolo che l’anno scorso sono state vinte 106 cause per un compenso lordo di 238mila, risulta che ogni causa è costata all’ente 2.245 euro circa. Sono cifre al lordo, su questi compensi viene trattenuto alla liquidazione il 51 per cento. Sono soldi pubblici, naturalmente, ma un cittadino deve fare un paragone con i compensi degli avvocati, non so quanti legali vengono liquidati per ogni causa con cifre al lordo come queste. Aggiungo che io vengo liquidato l’anno successivo per cause chiuse l’anno precedente e che hanno un iter di alcuni anni".
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da linux

    piena solidarietà al POVERO Vavassori!
    Cosa volete che siano 382.000 Euro al giorno d’oggi

  2. Scritto da bellin

    Il riferimento agli avvocati – liberi professionisti, non dipendenti pubblici – non regge assolutamente, è solo una scusa per giustificare un assurdo guadagno! Oggi l’ente pubblico ci guadagnerebbe incaricando un avvocato esterno (c’è molta concorrenza)

  3. Scritto da Isabella

    Per un caso analogo la Corte dei Conti ha condannato un segretario comunale a risarcire l’erario pubblico.

    Sempre più necessaria una misura sui tetti massimi di guadagno.

  4. Scritto da birillo

    e Pirovano come si giustifica? La decisione è sua! E Stucchi che ha fatto un can can con il segretario a Stezzano? adesso è muto?

  5. Scritto da Sleghiamoci

    La Lega è peggio dei partiti della prima Reppubblica. Rovineranno il nord di sicuro per i loro resoconti.

  6. Scritto da kappero

    per formica: forse perché negli anni precedenti prendeva meno

  7. Scritto da formica

    non entro nel merito del compenso corrisposto ma visto che l’avvocato c’era anche prima della giunta Pirovano, come mai lo si evidenzia solo adesso?
    Meno demagogia pelosa please e più attenzione alle pseudo attività degli assessori.

  8. Scritto da expaul

    se i parametri sono questi, allora vorrebbe dire che per ogni km di strada aperta, il dirigente dovrebbe intascare un tot…

  9. Scritto da carla

    Per le cause vinte viene premiato … e per le cause perse? e poi vorrei sapere: cosa fa per guadagnarsi lo stipendio da dirigente? Non mi risulta che sia un consulente e quindi in cosa consiste il suo lavoro se non nel fare l’avvocato! E’ vero, un libero professionista forse guadagna di più ma non prende uno stipendio fisso di più di 100.000,00 euro

  10. Scritto da formichiere

    formica…. forse che prima non prendeva tutti sti soldi

  11. Scritto da Mah !

    Ma è un dirigente “dipendente” o un ufficio esterno che fattura ? Se è un dipendente la cosa mi pare assolutamente abnorme . Sarebbe lo stipendio di un megadirettore di una grande (ma grande!) azienda privata.

  12. Scritto da il polemico

    mah,non capisco perchè si prende per riferimento un avvocato con studio proprio,non credo che un avvocato qualunque faccia 250 cause all’anno,e poi non dobbiamo dimenticare che questo avvocato ha perso la bellezza di 153 cause,il che vuol dire un buon 60% di quelle sostenute,è una buona media?e se le vinceva tutte quanto di prendeva?ultima domanda:un avvocato che vince il 40%delle cause da lui sostenute,è un buon avvocato o un pessimo avvocato,o un mediocre avvocato?

  13. Scritto da Graziano

    Se è un dipendente l’entità degli incentivi è una cosa fuori dal mondo.