BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Brighenti, voce alpina: ?? cavaliere della Repubblica

Francesco Brighenti, volto noto e speaker delle penne nere, agente pubblicitario impegnato anche nel volontariato, sar?? nominato Cavaliere al merito della Repubblica italiana.

Più informazioni su

“E’ una grande soddisfazione, ma di certo non è un punto di arrivo: è un ulteriore stimolo per andare avanti”. Con queste parole Francesco Brighenti, volto noto degli alpini e del mondo del volontariato, commenta la notizia appena confermata: giovedì 7  aprile verrà nominato Cavaliere al merito della Repubblica italiana.
Una vita intera spesa a servizio degli altri, quella di Brighenti
. Appena congedato dalla vita militare, il neo-Cavaliere diventò speaker della sezione bergamasca degli alpini. Da quel momento, da cui sono passati ormai più di trent’anni (“e i miei capelli bianchi, purtroppo, lo testimoniano”), per Brighenti è stato un crescendo: sono decine le associazioni impegnate nel sociale con cui ha collaborato, diventando un personaggio conosciuto dentro e fuori la provincia orobica. Presentatore di Telethon ma anche collaboratore dell’Associazione Bergamasca Bande Musicali, sostenitore delle iniziative a favore della ricerca sulle malattie rare ma anche protagonista delle celebrazioni per il 150° dell’Unità d’Italia a Calcinate, Brighenti partecipa a tutte le iniziative “in cui ci sia bisogno di una mano”. Tutto questo, appunto, come volontario: durante la settimana Brighenti lavora come giornalista da più di due decenni.
“Non è una carriera che si sceglie di fare, quella del volontario – prosegue Brighenti -. Si va avanti per conoscenze e amicizie, cercando di rendersi utili a quanti ne abbiano bisogno”.
Lo abbiamo visto quindi come presentatore della sfilata di mezza Quaresima che ha invaso il centro cittadino, ma solo poco tempo fa era al Teatro Grande di Brescia per l’adunata degli alpini.
“Bisogna dimenticarsi di cosa siano i fine settimana e i giorni di riposo- ammette Brighenti – sacrificando tempo che si potrebbe spendere assieme alla famiglia”.
“Ma ne vale la pena – afferma sicuro – A volte non si riceve neppure un grazie, ma il sapere di essere utile al prossimo vale molto di più”. E il titolo di Cavaliere? “Non lo metterò certo sul biglietto da visita – conclude Brighetti-. La gratificazione più grande è la stessa possibilità di rendersi utili, come sicuramente continuerò a fare in futuro”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.