BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Tre giorni dedicati a Pandolfo Malatesta

Il 14, 15 e 16 aprile, tra Bergamo, Brescia e Fano il convegno promosso da Fondazione Cab, UBI Banca e Banca Popolare di Bergamo.

E’ stato presentato martedì 5 aprile il convegno “Nell’età di Pandolfo Malatesta, signore a Brescia, Bergamo e Fano” che si terrà in una tre giorni i prossimi 14, 15 e 16 aprile. Organizzato in collaborazione tra la Fondazione Cab, il gruppo UBI Banca e la Banca Popolare di Bergamo, il convegno rappresenterà l’occasione per approfondire un periodo storico di grande splendore per la provincia di Bergamo, ma che, nonostante ciò, rimane poco conosciuto. L’evento, che si svolgerà sotto l’Alto Patronato del Presidente della Repubblica, sarà ospitato nelle città di Brescia, Clusane d’Iseo, Bergamo e Fano, zone in cui la dominazione del Malatesta ha lasciato un’importante eredità al territorio, e vedrà la partecipazione di alcuni fra i massimi esperti del 400 italiano.
“L’idea di suddividere il convegno in tre province, che a turno ospiteranno le differenti conferenze dell’evento – ha affermato Agostino Mantovani, segretario della Fondazione Cab – deriva dalla volontà di rendere protagoniste le aree in cui il Malatesta fu signore. Ora Bergamo, Brescia e Fano ospitano tre banche che sono unite nella holding UBI, segno che, ora come allora, queste città sono vicine dal punto di vista sociale e culturale”.
“Valore fondante delle tre banche – ha sottolineato Antonio Parimbelli, vicepresidente della Popolare di Bergamo –, è la volontà di essere vicine alle tradizioni del territorio e di farsi promotrici di cultura. Per questo il nostro Istituto ha deciso di aderire al progetto: per ricordarci ancora una volta che la grandezza del presente dipende dalle importanti fondamenta gettate dal nostro passato”.
Originario di Fano, città marchigiana, Pandolfo Malatesta (o Malatesti, stando alla dizione colta) diventò consigliere e condottiero del duca di Milano Gian Galeazzo Visconti. Proprio il Visconti gli concesse la signoria su Bergamo e Brescia (quest’ultima resa un vero e proprio stato dal 1404 al 1421), città che servirono al condottiero come base di partenza per l’attacco e la conquista di Lecco.
Nella mattinata del 15 aprile il convegno sarà inaugurato a Clusane d’Iseo, e si sposterà poi in serata a Bergamo, nella sede della Popolare di Bergamo, dove gli studiosi Giorgio Chittolini, Elisabetta Conti e Nadia Covini affronteranno i temi salienti del rapporto tra il Malatesta e la città.
I tre giorni di studi prevedono inoltre diverse iniziative collaterali, come la realizzazione di un CD contenente alcuni brani del ‘400 registrati per l’occasione, eseguiti con strumenti dell’epoca sotto la direzione del Maestro Ugo Orlandi e con la partecipazione di Jean Paul Bazin, musicista francese noto a livello mondiale per le sue incisioni di musiche del Quattrocento italiano.

 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da esterrefatto

    Ciumbia!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!!