BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Organici: “Tagli drammatici per la scuola primaria”

Cgil, Cisl e Uil scuola di Bergamo denunciano i tagli per l'anno 2011-2012. In totale 267 riduzioni: "Tinte fosche per la primaria".

Tobia Sertori segretario della Flc-Cgil, Vincenzo d’Acunzo della Cisl Scuola e Cesare Maggiore della Uil scuola di bergamo denunciano i tagli agli organici scolastici in città e provincia per l’anno 2011-2012, in totale tra docenti e personale Ata di tutte le scuole 267 riduzioni: "Qui a Bergamo c’era un servizio, adesso non c’è più". .
Dopo l’incontro con i responsabili dell’ufficio organici dell’ufficio scolastico territoriale di Bergamo, alla presenza del dirigente facente funzioni dott. Pierino Danesi, il quadro che è stato delineato, spiegano gli esponenti sindacali "assume tinte fosche e drammatiche per la scuola primaria".
La dotazione organica assegnata è inferiore di 125 posti per poter soddisfare le richieste dei dirigenti scolastici.
Ecco come illustrano la situazione prossima ventura:
per garantire un servizio che possa rispondere marginalmente alle esigenze del territorio a fronte di:
• un aumento di 189 alunni
• una diminuzione di 10 classi ( – 24 rispetto l’organico di fatto 2010 – 2011)
• una dotazione organica per coprire il solo tempo scuola inferiore di 178 posti
una riduzione di 14 classi a tempo pieno
L’ufficio scolastico provinciale opererà:
• riducendo a 60 minuti il tempo mensa
• assegnando 40 ore per il tempo pieno dalle prime alle quinte
• l’inglese sarà tagliato e i docenti rientreranno nei posti comuni
sostegno: saranno assegnati tutti i docenti necessari ma senza classi con numero ridotto; non si sdoppierà la classe
• saranno creati spezzoni orario che rientrano nell’organico di diritto anche nella scuola primaria con un’incidenza a Bergamo pari al 13% dell’organico.
"Ancora una volta si colpisce la qualità della scuola e le fasce più deboli che abbisognano di un’attenzione particolare".
A livello nazionale la situazione è così delineata: il piano di risparmio prevede, per l’esercizio 2011 di economizzare 2538 milioni di euro e proprio per questo dal prossimo settembre prevede conseguenti riduzioni di posti nell’organico dei docenti e del personale ATA.
I docenti verranno ridotti di 19676 raggiungendo complessivamente una riduzione di 67341 posti ( a cui bisogna aggiungere i 20000 posti tagliati da fioroni/prodi – 97341)
Per il personale ATA la riduzione e’ pari a 14167 posti raggiungendo una riduzione complessiva nel triennio di 42500 posti, a cui bisogna aggiungere i 2000 posti frutto della manovra Prodi/Fioroni.
Dal 1° settembre 2011 totale 33843 posti in meno.
In Lombardia i tagli agli organici saranno:
• scuola primaria: un taglio del 4.04% dei posti pari a 1424 posti di lavoro in meno rispetto allo scorso anno
• scuola secondaria primo grado (ex media):un taglio del 1.23% dei posti pari a 235 posti di lavoro in meno rispetto allo scorso anno
• scuola secondaria di secondo grado: un taglio del 3.42% dei posti pari a 872 posti di lavoro in meno rispetto allo scorso anno
• In Lombardia
 gli alunni aumentano
 il rapporto alunni/docenti è più virtuoso della media nazionale
 il rapporto alunni / classe è superirore alla media nazionale
Con questi tagli, concludono Cgil Cisl e  Uil scuola "sarà messa in ginocchio la scuola per tutti e quindi delle famiglie".
Il sindacato ritiene che la scuola sia troppo importante affinché sia lasciata sola ad affrontare questa emergenza. per questo è stato chiesto:

1. un tavolo istituzionale che affronti il problema
2. un intervento del presidente della regione Lombardia
3. dell’ assessore istruzione formazione lavoro della regione
4. un incontro con la presidenza dell’ANCI regionale su questione mensa e servizi scolastici
5. al direttore regionale che verifichi il fabbisogno delle scuole

Ecco un quadro riassuntivo e l’incidenza dei tagli in provincia di Bergamo.

 
NAZIONALE
LOMBARDIA
BERGAMO
INFANZIA
81216
9429 (+116)
 
PRIMARIA
198322 (- 9252)
33811 (- 1424)
– 156
SEC. I° GRADO
132223 (-1323)
18885 (-235)
-24
SEC. II° GRADO
189044 (- 8984)
24667 (-872)
-87
ATA
 
(-1628)
-163
 
 
 
 
TOTALE docenti
– 19700 DOCENTI
-2415 DOCENTI
-267
 
 
 
 
 
% TAGLI IN LOMBARDIA
DOCENTI  11.8
TAGLI NAZIONALI
ATA 11.2
TAGLI NAZIONALI
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da oraziococlite

    Ma perchè non si dice che abbiamo il 30 % degli insegnanti in più della Francia con lo stesso numero di alunni? Perchè non si dice che abbiamo 167000 bidelli ,piu dei carabinieri ? perchè non si dice che il Bilancio della PI italiana è superiore a quello della Francia e dell’UK ma se ne va per 97% in stipendi a Insegnanti e precari e ATA? Dite queste cose voi che avete la faccia di bronzo di criticare.Sicuramente perchè fate parte del privilegio.

  2. Scritto da Fascismo strisciante

    Ci vogliono + ignoranti x poterci sovrastare ed ”intortare” facilmente
    Magari, anche con qualche ora in + di ”sana” televisione che fa passare certi punti di vista anziche’ offrire un servizio decente e plurale, ci potranno trasformare in bravi soldatini al servizio dei nostri governanti

  3. Scritto da Ghe mancaa doma ol fascismo!

    Caro signor 14, ma lei certe cose che scrive le pensa davvero? Crede che esista una specie di Spectre dedita a diffondere ignoranza per dominare il mondo? La scuola della sinistra era un ammortizzatore sociale e serviva a dar lavoro ai disoccupati e a parcheggiare i figli delle famiglie con due coniugi che lavorano: questo con la funzione educativa c’entra zero tondo. La scuola della destra è il risultato di decenni di sprechi e di malagestione. Entrambe fanno schifo, ma lasci stare i deliri…

  4. Scritto da mario

    per “Fascismo strisciante”:
    Se hai nostalgia dei gulag ti consiglio la Corea del Nord!

  5. Scritto da marilena

    ma roffia non diceva che andava tutto bene?

  6. Scritto da marilena

    per 10 luigi. Io non sono un insegnate ma non faccio parte di quel resto degli italiani, perciò parli per lei. Berlusconi dimissioni!

  7. Scritto da Mamma

    Nelle scuole c’e il personale ATA, ma le scuole sono sporche da fare paura, con delle belle collezioni di ragni ..per non parlare dei giardini della scuola che non si capisce bene chi deve tenerli puliti e ordinati….allora perchè vengono pagati? Devo dire che invece ho avuto veramente fortuna con il corpo insegnanti di mia figlia, volenterose, disponibili, umane e molto preparate, con severità, stanno e un buon bagaglio personale stanno accompagnando le classi splendidamente…

  8. Scritto da anna

    Per 12 : sono d’accordo con lei di puntare sulla qualità, ma non è così che la si raggiunge, non crede?
    Se invece di qs tagli che piovono da scrivanie lontane mille miglia dalla scuola italiana ci fossero controlli sul vivo, ispezioni, meritocrazia allora sì, ben venga! ma così….

  9. Scritto da luigi

    Bravi Gelmini e Tremonti!
    Siamo con voi che cercate di ridurre gli enormi sprechi della scuola pubblica italiana.
    Forza, avete l’appoggio della gente.
    Chiaramente quando si vanno a toccare i privilegi della casta della pubblica istruzione tutti si scandalizzano (tutti vuol dire solamente quelli che appartengono alla pubblica istruzione….piu’ di un milione di persone!!!!!!!!!!! la stragrande maggioranza pagata 3 mesi senza fare nulla!!!!!!)
    Il resto degli italiani dice: forza Berlusconi!

  10. Scritto da me della bassa

    ve bene così… puntare sulla qualità degli insegnanti e non sulla quantità.

  11. Scritto da Monica

    …per curiosità vorrei sapere che scuola frequenteranno/frequentano i figli di Gelmini & Co….. Sicuramente non sottovaluteranno/sottovalutano quanto sono importanti gli anni della scuola, ma purtroppo a volte “predica bene chi razzola male”!

  12. Scritto da Gio Pez

    Panzane: nelle scuole non si rinuncia ad una gita nè a materie esotiche (l’ultima? danza popolare)! vuol dire che tutta la lagna viene dal fatto che si tolgono privilegi e posti comodi. sicuramente ci saranno disagi e imperfezioni nel nuovo sistema, ma o si beve o si ANNEGA.

  13. Scritto da expaul

    il cosiddetto modulo è stata una invenzione diabolica , come l’avere gonfiato i ruoli ata ; ma è mai possibile che la scuola italiana si misuri solo con il numero degli addetti e non con i risultati acquisiti? nessuno si occupa mai di sentire come la pensa l’utenza?

  14. Scritto da Stefano

    Tagliare l’inglese? ottima idea
    quando anche italiano e aritmetica …
    Al ministro Gelmini, oppure qualcuno tra i vari assessori-onorevoli-sindaci-presidenti,
    andrebbe di spiegare cosa sta accadendo.
    Così come si legge nell’articolo non sembrerebbe un grande aiuto
    alla formazione dei più piccoli e un aiuto alle famiglie.
    Che ne dite?

  15. Scritto da sergio T

    Le dittature fondano le loro ondamenta sull’ignoranza e sul controllo dei mezzi di comunicazione……………per chi non lo avesse ancora compreso la nostra e una dittatura democratica!!!

  16. Scritto da FIORELLINO

    …….NO COMMENT……!!!! CENSURA ATTIVATA!!

  17. Scritto da claudio carminati

    Un vecchio saggio diceva: “lascia ignorante il popolo, così che ti resterà fedele”.
    Cosa altro dire: sarebbero le stesse cose che vado dicendo a destra e a manca ma, come spesso mi si risponde, il governo che abbiamo è stato eletto democraticamente,quindi, presumo, alla maggioranza degli italiani sta bene così.

  18. Scritto da Anna

    Grazie GELMINI, grazie davvero!!!

  19. Scritto da il polemico

    ma dove è scritto che quando i soldi sono meno,devono per forza essere meno i servizi?non sarebbe ora di cominciare a ridurre gli sprechi in generale?in una famiglia normale,se ci sono pochi soldi, è piu logico rinunciare all’uscita al bar,o al pasto giornaliero?io credo che sia ora di rimboccarsi le maniche,e poi sarà il tempo a dire se sta riforma è giusta o sbagliata..partendo dalla considerazione che attualmente ci sono tanti sprechi,o si deve continuare cosi?

  20. Scritto da Claudio

    Semplicemente SCANDALOSO come tutto ciò che i politici di turno ci propinano….. la nostra società è ormai in decisa fase calante ed i nostri figli ne pagheranno le pesanti conseguenze.
    Thank you Gelmini & co.

  21. Scritto da Alma

    La scuola è in ginocchio, gli insegnanti ridotti all’osso delle energie, , i genitori si adattano e la Gelmini si fa bella in tivù di parole false, che nessuno le contesta veramente.
    …Ci vorrebbe una rivoluzione!