BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Perch?? a Bergamo i prezzi salgono pi?? che nel resto d’Italia?

"Indispensabile ricercare le cause che portano ad aumenti inflattivi maggiori qui: e di questo riteniamo doveroso si occupino gli esperti e i responsabili delle nostre Istituzioni".

Più informazioni su

Federconsumatori sottolinea che l’indice dei prezzi al consumo a Bergamo risulta in aumento dello 0,3% rispetto al mese precedente. Il tasso tendenziale (variazione rispetto allo stesso mese dell’anno precedente) si attesta al 3,2%.
Si evidenzia che da alcuni mesi l’indice dei prezzi in aumento nella nostra città è superiore sia a quello della Regione Lombardia sia a quello Nazionale.
Nella situazione di crisi in cui versa il Paese oggi, un tasso di inflazione a livelli massimi dal 2008 è inspiegabile come risulta inspiegabile la differenza tra il dato nazionale al + 2,5% e il dato locale al + 3,2%, visto che l’aumento più marcato è nel settore trasporti dove il costo dei carburanti è aumentato in eguale misura in tutta la penisola.
Federconsumatori denuncia che gli aumenti del costo dei carburanti sono dovuti non solo a fattori contingenti ma anche a speculazioni non controllate in modo opportuno: il nostro Governo a fronte di questa situazione ha aumentato ulteriormente l’accisa sui carburanti.
Mentre sul trasporto pubblico pesa il taglio dei trasferimenti di risorse dal Governo alle Regioni e da queste ai Comuni e alle Province.
L’aumento del costo dei carburanti si ripercuote poi sul costo delle merci trasportate e sopratutto sul costo dei prodotti alimentari che nel mese di marzo registrano un + 0.2%.
Gli aumenti nel settore alimentare sono dovuti anche all’aumento delle materie prime che però incidono solo parzialmente nei processi di trasformazione: comunque quando le materie prime aumentano i prezzi si impennano, ma quando le materie prime diminuiscono i prezzi non calano. Così è successo lo scorso anno quando il costo del grano è diminuito ma il costo del pane no.
I cittadini che quotidianamente si lamentano presso i nostri sportelli, vogliono risposte serie e azioni responsabili. Per questo ribadiamo che è necessario agire per risollevare questa situazione prima che peggiori ulteriormente con pesanti ricadute sulle condizioni di vita della popolazione e sull’economia del Paese.
E’ quindi indispensabile ricercare le cause che portano ad aumenti inflattivi maggiori nel nostro Comune a quelli nazionali e Regionali: e di questo riteniamo doveroso si occupino gli esperti e i responsabili delle nostre Istituzioni. Inoltre, in questa situazione, diventa urgente disporre interventi finalizzati alla realizzazione di un serio piano di verifiche e controlli per contrastare ogni tipo di speculazione.

Federconsumatori Bergamo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giovane

    OGGI ho cominciato ad usare il TRAM – non immaginate che rilassamento! ZERO STRESS pace interiore e dei sensi

  2. Scritto da 081

    Bergamo Ladrona!

  3. Scritto da celtico vero

    PAGA E TACI SOMARO BERGAMASCO….vi ricordate?chi ora cè al governo?

  4. Scritto da marnie

    l’associazione dei consumatori non può intervenire una buona volta
    anzichè parlare parlare e non fare mai niente????
    SE UN PRODOTTO SALE DI PREZZO IL GIORNO DOPO,
    VUOL DIRE CHE C’è CHI PROGRAMMA QUESTO SENZA RAGIONE SOLO PER GIOCO E LUCRO.
    VEDI I CENTRI COMMERCIALI, DOVE DALLA SERA AL MATTINO
    UN PRODOTTO AUMENTA SENZA RAGIONE.
    è il mondo dei furbi, l’euro ha consentito di rubare su tutto.

  5. Scritto da Ma va là

    Meno male che aumentano i negozi e i banchetti dei cinesi e degli extracomunitari in genere, almeno per certi acquisti si riesce a risparmiare un po’. Altrimenti saremmo costretti a comprare la stessa roba (stessa qualità, stessi produttori) solo nei negozi e nelle boutique dove i prezzi sono più alti anche perché una parte dei soldi serve a finanziare la lega che così ……… mi fermo qui volevo dire qualcosa anche su chi fa lavorare i clandestini in nero.

  6. Scritto da ex elettore

    Al 2 ….i ladri….

  7. Scritto da angi

    Bene le istituzioni al parco della Trucca, molto meno bene di fronte ad una città che ha il più alto tasso di inflazione, che a di conseguenza in generale i prezzi più alti con infrastrutture fra le più basse.. Perchè non si organizza una manifestazione importante in controtendenza alla rassegnazione di quel “paga e taci”. Credo che i nostri commercianti, professionisti in genere siano abituati troppo bene a vivere nel lusso con doppie e triple case.. a scapito di chi non arriva a fine mese!

  8. Scritto da Simo

    Sono piccolo e ne so poco però penso che lamentarsi non cambia le cose. Agire insieme si! Boicottare, manifestare sono le 2 formule che mi saltano in mente, cosa dite?

  9. Scritto da pedrotti guido

    sono un autotrasportatore , volevo segnalarvi che e’ impossibile un aumento imputabile alla mia categoria in quanto non riusciuamo da anni ormai a farci aumentare le tariffe ma ci chiedono di diminuirle.
    chiedo a voi se fosse possibile un incontro per potervi mettere al corrente delle problematiche legate al trasporto merci e magari potreste ricavarne un bell’articolo saluti