BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Unit?? d’Italia, sfida a suon di gadget Bandiere Pd, spille per il Pdl

In attesa di misurarsi alla conta dei voti, Popolo della Libert?? e Partito democratico si sfidano sull???inconsueto terreno dei gadget.

In attesa di misurarsi alla conta dei voti, Popolo della Libertà e Partito democratico si sfidano sull’inconsueto terreno dei gadget. L’occasione è di quelle storiche: il 150esimo anniversario dell’Unità d’Italia. Entrambi i partiti ritrovano lo smalto dei vecchi tempi con un paio di iniziative di ampio respiro. Il Pd regalerà cinquemila bandiere italiane con l’invito di appenderle a finestre e balconi. “Bergamo tricolore” – questo il titolo della campagna per celebrare l’Unità nazionale e l’impresa dei tanti bergamaschi che hanno partecipato all’impresa dei Mille.
Gadget più “berlusconiano” per il Pdl (e ci mancherebbe). Il partito regalerà infatti una spilla ad amministratori e simpatizzanti raffigurante la bandiera italiana cinta da un nastro azzurro e il numero 150. Due iniziative pensate sì per festeggiare la ricorrenza dell’Unità d’Italia, ma soprattutto per distinguersi dalla Lega Nord, che su questo tema ovviamente non metterà becco. Soprattutto dopo essersi turati il naso applaudendo il presidente Giorgio Napolitano ed essersi poi visti respingere dalla commissione bicamerale il testo sul federalismo fiscale. “Non è nostro intento fare una celebrazione acritica e puramente retorica dello Stato italiano – si legge nel comunicato del Pd – e pertanto accompagneremo il tricolore con un documento e un volantino in cui esprimiamo le motivazioni per le quali festeggiamo il 150esimo. Occorre dotarsi di istituzioni europee con maggiore potere politico e maggiore legittimazione democratica. Allo stesso tempo, vista la polveriera del Maghreb, è importante che lo Stato italiano ritorni protagonista all’interno dell’Unione Europea Mediterranea e accompagni i nuovi Stati verso una transizione pacifica e democratica. L’Italia deve ritrovare il suo ruolo di protagonista all’interno del mediterraneo e dell’Europa. Tutto questo può essere fatto solo se le migliori energie e risorse verranno messe a disposizione da tutti i territori per fare sistema. Né la padania, né il sud sarebbero in grado di crescere e di giocare un così forte ruolo internazionale senza appartenere appunto a uno Stato unito. Il monito di molti poeti, intellettuali, fra i quali Foscolo, Cattaneo, Dante, hanno più volte rimarcato come la mancanza di unità sia stata la sciagura dell’Italia nella storia e non possiamo ripetere l’errore. Pertanto invitiamo i bergamaschi a festeggiare il 150°, con i difetti e i pregi di questo Stato, ma con la consapevolezza finale che fuori dalla secca si esce tutti insieme e non dividendoci in inutili egocentrismi e localismi”.

© Riproduzione riservata

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Manuela

    @ 13. Clelia, di quale paese stai parlando? Non di certo è l’Italia….

  2. Scritto da Manuela

    Io ho già esposto la bandiera tricolore, come alla manifestazione degli alpini e in occasioni delle varie occasioni festa della repubblica, 2 giungo, 4 novembre ecc.. … Mi sento italiana e intendo partecipare anche solo con questo piccolo gesto alla ricorrenza dei 150 anni….

  3. Scritto da testimone

    Sign. Clelia, mio nonno, da ex partigiano, anarco-comunista, poi iscritto all’allora PCI, quando ascoltava l’Inno d’Italia, si commuoveva.
    Le partigiane e i partigiani, anche le/i comunisti, hanno rischiato la vita per liberare TUTTA l’Italia.
    Noi, almeno io, ne sono l’erede ed ho esposto il tricolore( che mi ha fornito il PD ma l’avrei preso volentieri anche dall’UDC o da chi vuole lei) e con piacere ne vedo sorgere sempre più nel mio quartiere.
    Non si roda, sarebbe un peccato

  4. Scritto da Interessante...

    “….Né la padania, né il sud sarebbero in grado di crescere e di giocare un così forte ruolo internazionale senza appartenere appunto a uno Stato unito….” IL PD ammette, quindi, implicitamente, l’esistenza della Padania. L’esistenza di un’Italia divisa tra Padania e Meridione. Se lo dicono loro…. non è poi così scandaloso inneggiare alla Padania Libera…

  5. Scritto da "Non col vento"

    Sono degli ipocriti entrambi, il PDL perchè è succubo politicamente e culturalmente di un partito secessionista e anti-nazionale come la Lega, oltre che essere il partito di quei gaglioffi sanfedisti e papalini di CL; il PD perchè è l’erede di una cultura che per decenni ci ha fatto trangugiare attraverso i libri di testo la storiografia anti-risorgimentale di Antonio Gramsci.
    Insomma è tutta gente che non ama l’Italia e oggi la strumentalizza!

  6. Scritto da Clelia

    Sentire ai giorni nostri la sinistra che parla di tricolore e patria quando fino a pochi anni addietro insultava chiunque esibiva la bandiera è decisamente troppo…

  7. Scritto da NIK

    Ecco a cosa è servita la festa, esibizione e vendita di spille.

  8. Scritto da Tiziano Trivella

    Visto che tutti vogliono regalare bandiere e bandierine, vi invito a leggere questo appello (scadenza 3 marzo al massimo):
    http://www.lemieclassi.it/3_10/Italia150.htm
    Grazie e speriamo che qualcuno si faccia vivo!

  9. Scritto da uno qualunque del centro dx

    bella l’idea della spilla. c’e’ da dire che a bergamo il pdl e’ pieno di iniziative e c’e’ sempre!

  10. Scritto da @7 Neurodeliri

    Ma che simpaticone il nostro, è tutto uno sfavillare di brillanti aggettivi. Scuola Macario o Macherio?

  11. Scritto da criticus

    strumentale accompagnare la bandiera con una lettera di partito da parte del pd. piu’ carina e meno strumentalizzante l’iniziativa del pdl con la spilletta data ai propri amministratori. complimenti al pdl, mentre il pd scivola nel cattivo gusto!

  12. Scritto da Neurodeliri

    @4 luca sorisole
    Bersani, fai in fretta, vinci tu?
    Chiamate la neurodeliri a Sorisole.
    Adesso che anche “orecchini” Vendola è nelle pettole per l’ichiesta in corso, magari “piadina” Bersani ha qualche chance in più di salvare l’Italia

  13. Scritto da muratore

    sig.leghisti di cosa vi lamentae, è il vostro governo che ha indetto la festa.
    se prprio non la voleva non si proclamava, solo che per governare dovete leccare il c… al cav e la russa.

  14. Scritto da mario59

    Ma come… la festa dell’unità d’Italia è di tutti gli Italiani, di destra come di sinistra…a no..forse mi sbaglio.. i leghisti non sono italiani, loro sono padani.. e festeggiano solo quando la nazionale di calcio, vince il mondiale…che personaggi….

  15. Scritto da luca, sorisole

    fai in fretta Bersani !!! Vinci tu !!!! perché qui, come dice Battiato
    “nel fango affonda lo stivale dei maiali”…

  16. Scritto da POTA

    Purtroppo come si pensava si sta avverando . Il 17 Marzo, che doveva essere una festa nazionale , non sarà altro che un giorno per fare campagna elettorale.VERGOGNA !!!!! E questa è l’immagine che diamo hai nostri figli !!!

  17. Scritto da Purchase

    Questi stanno a spende soldi su queste porcherie. Invece bisogna fare i gazebo, come la Lega.