Quantcast
Dall'adunata alpina al dramma di Yara, che anno il 2010 E Bergamonews taglia il traguardo di 10 milioni di visite - BergamoNews
Il saluto

Dall’adunata alpina al dramma di Yara, che anno il 2010 E Bergamonews taglia il traguardo di 10 milioni di visite

Congediamo 12 mesi ricchi di emozioni, positive e negative. Vi proponiamo una carrellata di articoli, foto e video per ripercorrere l'annata. Che si chiude con un bilancio molto positivo per il nostro giornale.

Questo 2010 che ci apprestiamo a salutare ha tutte le caratteristiche per rimanere impresso nella nostra memoria a lungo. Dalla grande gioia per il successo dell’Adunata degli Alpini al profondo sconforto per il dramma della scomparsa di Yara, siamo stati testimoni di dodici mesi intensissimi. Nel riepilogo che vi proponiamo c’è di tutto: dagli scontri alla Berghem Fest al successo della Movida in città, dagli incidenti stradali che sono costati la vita a molti giovani all’amara retrocessione dell’Atalanta in serie B (con cambio di proprietà conseguente) alle tante crisi aziendali con i loro risvolti occupazionali. Raramente è capitato di vivere un’annata caratterizzata da così forti emozioni, positive e negative.   
Bergamonews ha cercato di dare conto di tutto ciò con la sua ricetta: massima trasparenza, apertura a tutte le opinioni, confronto serrato e schietto con i lettori. Una formula che ha dato i suoi frutti se ci ritroviamo a registrare, per una fortunata coincidenza, un piccolo grande traguardo proprio in coincidenza con il 31 dicembre 2010. Bergamonews, infatti, in queste ore raggiunge il tetto di 10 milioni di visite. Tanti sono stati gli accessi al nostro giornale a partire dal 16 giugno 2008, quando debuttammo, fra incredulità e scetticismo, in una versione blog, subito trasformata in giornale on line. Tante, tantissime visite che si traducono in un bilancio molto positivo anche per il numero di pagine viste: 60 milioni. 
Dati che vanno presi per quello che sono, certo, non necessariamente indici di qualità o di bontà di un lavoro. Ma comunque indicatori di un percorso in costante crescita, di un apprezzamento sempre più largo da parte di chi, in un modo o nell’altro, è entrato nelle nostre pagine. Oggi Bergamonews non è più una scommessa o un’avventura. E’ una realtà del panorama editoriale bergamasco, una fonte di informazione di cui migliaia di persone ogni giorno non possono fare a meno. Un giornale con limiti e difetti, ma che rivendica da sempre una virtù: la trasparenza, il sottoporsi, senza censure né timori, al giudizio dei lettori attraverso la libertà concessa nei commenti. 
A questi lettori, nostri preziosi compagni di strada, va il più sincero ed affettuoso grazie insieme all’augurio di vivere un 2011 ricco di emozioni, se possibile (ma è una illusione) tutte positive. Cominciamo a crederci. Prosit

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI