Quantcast
Yara, ancora ricerche al cantiere luogo misterioso di tutto il caso - BergamoNews
Le indagini

Yara, ancora ricerche al cantiere luogo misterioso di tutto il caso fotogallery video

I militari tornano al cantiere del nuovo centro commerciale di Mapello, con un segugio. Nuovi accertamenti e nuove ispezioni.

I carabinieri sono tornati lì, al cantiere del nuovo centro commerciale di Mapello. Quel mega complesso di cemento, su una superficie di 60 mila metri quadrati, sul quale i militari avevano già puntato gli occhi nel pomeriggio del 30 novembre, quattro giorni dopo la scomparsa di Yara Gambirasio.
In quel cantiere i carabinieri erano stati portati da tre cani molecolari, che dalla palestra di Brembate Sopra avevano attraversato la zona industriale del paese e avevano raggiunto via Marconi, quella strada a cavallo tra i Comuni di Ponte San Pietro, Brembate Sopra e Mapello.
Oggi gli investigatori sono tornati in quel posto, con un altro segugio. E’ stata una nuova ispezione, durata circa un’ora. I militari stanno ancora cercando qualcosa, all’ex Sobea di Mapello. Forse conferme su determinate circostanze o su sospetti maturati negli ultimi giorni di indagine (è escluso, invece, che vi fossero ancora parti del cantiere da ispezionare).
Il cantiere di Mapello resta comunque un luogo chiave di questo misterioso caso. Tre super segugi, o cani molecolari, sono arrivati lì, dopo un percorso di circa due chilometri e mezzo da Brembate Sopra. Lì Yara è passata, i carabinieri ne sono convinti. I cani hanno fiutato il suo odore, in modo evidente, in uno stanzino interrato, centro di smistamento di cavi elettrici. Ma la strada per il cantiere è esattamente opposta a quella che Yara doveva percorrere per andare a casa, quella strada dove con ogni probabilità il suo cellulare si trovava alle 18,55 del 26 novembre. Un mistero.  

Vuoi leggere BergamoNews senza pubblicità?   Iscriviti a Friends! >>
Più informazioni
commenta

NEWSLETTER

Notizie e approfondimenti quotidiani sulla tua città.

ISCRIVITI