BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Striscioni e protesta creativa al Sarpi fotogallery

Il collettivo Kafka manda la segnalazione dell'azione dimostrativa contro la riforma Gelmini avvenuta al liceo Sarpi.

Più informazioni su

Il collettivo Kafka manda la segnalazione dell’azione dimostrativa contro la riforma Gelmini avvenuta al liceo classico Sarpi.

Bergamo è sempre stata una città poco propensa alla protesta, studentesca in particolare. E il nostro liceo classico ha sempre risentito, nella sua aura di "scuola d’élite", di un rifiuto da parte degli studenti di qualsiasi forma di dissenso, e di una dilagante indifferenza nei confronti dei temi fondamentali della politica, anche quelli che ci toccano da vicino.
Lo scorso anno abbiamo deciso di creare un collettivo, spinti anche da altre esperienze che stavano nascendo, come il collettivo Don Chisciotte, per sensibilizzare gli altri studenti sulle tematiche su cui veramente è necessario prendere posizione, dentro e fuori la scuola. La cosa ha funzionato: alle manifestazioni contro la riforma ha partecipato un numero sempre crescente di studenti ed anche alle nostre riunioni, sia organizzative che di discussione e informazione.
Abbiamo quindi deciso di fare un’azione dimostrativa all’interno della scuola, oggi, nella giornata della discussione del DDL Gelmini, di cui vi alleghiamo alcune immagini, con l’affissione di volantini con scritto "RIP, Oggi muore la scuola pubblica", uno striscione all’ingresso con riferimento alla Prima Catilinaria ciceroniana e una "scena del crimine" in atrio, con tanto di sagoma e cartellini.
A Bergamo peraltro oggi gli universitari, che si erano finora fatti sentire meno che nel resto d’Italia, hanno bloccato Porta Sant’Agostino e al Natta un gruppo di studenti è salito sul tetto. Dopo anche le ultime due manifestazioni che hanno finalmente rivisto anche a Bergamo una massiccia partecipazione, mentre lo scorso anno l’Onda sembrava, almeno qua, essere morta subito dopo la prima grande manifestazione, possiamo dire di essere all’interno di una rinascita della volontà degli studenti.
Chiedevamo quindi alla stampa uno spazio per poter dare spazio anche fuori dalla nostra scuola al nostro gesto di protesta e alla nostra volontà di "resistere, resistere, resistere", come disse un grande magistrato, per ottenere una scuola migliore con un’altra riforma.
Grazie e arrivederci
Alessandro
Collettivo "Kafka"
https://collettivokafka.wordpress.com/
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da @26 (cc)

    Mi riferisco alla manifestazione dell’ 8 ottobre (almeno mi pare fosse quella la data) alla quale sono certo che il collettivo partecipò anche con un proprio striscione.. comunque forse mi dovrei scusare, perchè mi sono reso conto che l’insulto fu lanciato da uno dei membri, molto probabilmente a titolo personale. (anche se sotto sotto secondo me gli altri condividevano)

  2. Scritto da UnLazzarone

    @cc: Vorrei che mi fosse chiarito un particolare aspetto di quello che lei dice: A quale manifestazione si riferisce quando dice che la mancata partecipazione a essa ha comportato insulti rivolti dai ragazzi del collettivo? Sarebbe interessante avere una risposta, anche perché all’ultima manifestazione il Collettivo Kafka non ha aderito, e, se qualcuno dei suoi membri ha partecipato, lo ha fatto a titolo personale.

  3. Scritto da Sarpino presente

    allora ragazzuoli…
    premesso che non sopporto la gente che parla senza sapere, comunque io sono tra quei sarpini che hanno fatto questo gesto e al giudice che ci definisce lazzaroni vorrei dire che io mi sono svegliato alle 5.30 per essere su alle 7 a montare lo striscione ed alle 8 in punto ero con tutti i miei compagni pronto in classe a far lezione….
    se questo è essere lazzaroni allora sono fiero di essere lazzarone.
    Cordiali saluti
    Un sarpino che parla perchè era presente

  4. Scritto da cc

    @17 Evidentemente quando hanno definito coloro che non parteciparono alla manifestazione “Idioti Crumiri” Sua figlia non era nei paraggi.. In ogni caso, parlando da persona che bene o male conosce il Sarpi e quelli che lo frequentano, rispetto tutti gli appartenenti al collettivo, ma non condivido il fatto che costoro si prendano libertà che non competono loro, inclusa quella di insultare i ragazzi contrari alla manifestazione.

  5. Scritto da il giudice

    LAZZARONI.
    In età da superiori, oltre che studiare, ero impegnato in ben più importanti mansioni che non sfilare e manifestare come fate voi.
    I pochi del Sarpi che conoscevo hanno fatto tutti una brutta fine, non sono certo venuti volontari come me in irpinia nel 1981, ma si sono accucciati tranquillamente a riposare nelle patrie galere perchè troppo stanchi per spalare fango ed aiutare chi aveva perso tutto.
    Ma invece a voi tutto è dovuto perchè vi sentite superiori a noi, lazzaroni a lavorare

  6. Scritto da neutrale

    Protesta legittima e lasciate perdere il caro giudice che al solito da i numeri.

  7. Scritto da eù

    @12 e 13. come si dice, anche con espressione assai discutibile: COME VI ROSICA. commenti insulsi. di chi non sa nulla di quel di cui parla

  8. Scritto da cc

    @14 a me invece sembra proprio che abbiano fatto centro.. Per non parlare poi di quelli che, avendo frequentato le lezioni regolarmente anche nei giorni di manifestazione, si sono sentiti definire “Idioti Crumiri” .. alla faccia del libero pensiero

  9. Scritto da eù

    @15. Già, succede solo al Sarpi…. ah ah ah

  10. Scritto da daniela

    Informo:
    Mia figlia è al Sarpi e,che ci crediate o no,non è lazzarona.Al Sarpi non te lo puoi permettere se non a caro prezzo, frustrazione in primis.Fa parte del collettivo Kafka (un autore che io ho adorato in gioventù per l’ arguta critica alla “società”,chi non ricorda i suoi Racconti?) e ha liberamente scelto di non partecipare alla manifestazione, pur condividendone le istanze;nessuno l’ha accusata di idiozia e crumiraggio.Idem per altri suoi compagni che conosco. Covo?

  11. Scritto da il giudice

    @ 14 eù
    cosa vuole sapere lei di cosa abbiamo passato noi e poi se dobbiamo dire qualcosa ai lazzaroni studenti di oggi lo diciamo a chiare lettere, e pure con diritto perchè la scuola la manteniamo noi.
    Siate tanto intelligenti che per fortuna nostra abbiamo laureati africani in ogni dove.
    Lo scempio educativo odierno è intollerabile per quelli della mia generazione, tutti in cantiere a spalare ghiaia LAZZARONI.
    Sempre a protestare, LAZZARONI.

  12. Scritto da eù

    vede caro “giudice”, sa proprio poco di quel che dice, a volte.
    E ha molta, molta spocchia.
    Ma lei al Sarpi c’è? C’è mai stato? Ha mai parlato con qualcuno che lo frequenta?

  13. Scritto da dp

    ohppoveroilgiudice! Come esempio della sua generazione, insomma, non è un gran che, diciamocelo. Argomentazioni scarse o nulle, rabbia tanta. E glielo dice una vecchietta

  14. Scritto da sarpina

    non vedo come una persona che non conosce direttamente la situazione degli studenti del sarpi portebbe dar giudizi tanto perentori… signor giudice, signori della corte, ebbene sì io ho partecipato alla manifestazione ma non penso d’esser lazzarona. In ogni caso non credo proprio che la scuola di adesso sia uguale a quella degli anni ottanta, con tutte le riforme deleterie , vedi riforma moratti.

  15. Scritto da sarpino anni 80

    Questi qua che protestano mi sembrano appartenere alla razza della quale fa parte quella “professoressa” ,mi pare si chiamasse Tumbarello,che si lamentava su questo blog qualche settimana fa perche’ nessuno le toglieva le “castagne dal fuoco” .Poverina,voleva anche che qualcuno le trovasse un lavoro…ecco,i sarpini di oggi fanno venire vergogna a noi che abbiamo studiato con fatica e ci siamo fatti una posizione senza protestare ne’ scioperare,eppure la scuola non era diversa da quella odierna.

  16. Scritto da oraziococlite

    quelli del collettivo studentesco del Sarpi hanno sempre fatto casino , peccato per loro che gli studenti normali non orientati alla sinsitra se ne andassero sempre a lezione..er fortuna che il Sarpi è scuola d’Elite . si vede adi contenuti di questo manifesto ,vergognatevi.

  17. Scritto da il giudice

    Il Sarpi fin da tempi immemorabili covo di contestatori “sempre ragione noi e voi zitti somari”
    Il nome del sedicente collettivo poi è ridicolo, ai miei tempi almeno i
    gruppi si denominavano con titoli normali.
    Comunque essendo vicino le feste di natale consiglio ai saggi non studenti di proseguire le sceneggiate per arrivare giusti giusti a natale, bravi continuate cosi e da laureati andrete a lavorare nel Ghana, forse, perchè i bravi Ghanesi studiano molto più di voi tutti lazzaroni.

  18. Scritto da Rossodentro

    Bella protesta. Anche il Sarpi in piazza con gli studenti per difendere la Scuola Pubblica e il diritto all’istruzione che il ministro Gelmini sta cancellando. Diciamolo in italiano, diciamolo in latino o in greco, diciamolo anche in bergamasco se vogliamo: Gelmini DIMETTITI!!!!

  19. Scritto da @ lavandina

    Nel ’91 non si fece nessun mese di autogestione, visto che io frequentai il Sarpi fino al 1992/93 e non ricordo nessuna occupazione della durata di un mese. Forse ti riferisci alle annate successive al 1994.

    Per il resto, ma questa riforma Gelmini siete sicuri sia tutta da buttare? La riforma universitaria, infatti, è pienamente condivisibile

  20. Scritto da lavandina

    “E il nostro liceo classico ha sempre risentito, nella sua aura di “scuola d’élite”, di un rifiuto da parte degli studenti di qualsiasi forma di dissenso, e di una dilagante indifferenza nei confronti dei temi fondamentali della politica, anche quelli che ci toccano da vicino.” A Kollettivo-ooo noi nel ’91 il Sarpi lo si occupò e si fece un mese di autogestione ;-)

  21. Scritto da paolo baraldi

    bravi ragazzi! vi sostengo su tutta la linea, dagli anni ’90 mancava un po’ di sano e incazzato impegno civile

  22. Scritto da wirtak

    Che spocchiosi questi studenti del Sarpi e la loro scuola d’élite!

  23. Scritto da xilichips

    Una protesta creativa e intelligente, da riconoscere.
    Ma qualcuno scriverà che siete solo un gruppo di terroristi anche voi.
    Non fateci caso.
    :-)

  24. Scritto da cc

    “Bravi” Ma i Sarpini la pensano veramente tutti così?

  25. Scritto da =)

    ben detto, ben fatto,
    Sarete mica tutti rossi anche voi?
    =)

  26. Scritto da Universitaria

    Sono con voi, bravi! :)

  27. Scritto da genitore

    Mi associo, ben detto e ben fatto