BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Sole delle Alpi in piazza: il caso non ?? chiuso”

Il Comitato "Amici della Piazza" segnala che il giudice per le indagini preliminari non ha ritenuto immediatamente accoglibile la richiesta del pm di archiviare l'esposto.

Più informazioni su

Il Comitato "Amici della Piazza" di Cividate al Piano segnala che il giudice per le indagini preliminari non ha ritenuto immediatamente accoglibile la richiesta del pm di archiviare l’esposto che il Comitato stesso aveva presentato contro il sole delle Alpi inserito nel pavimento della piazza del paese. Questo vuol dire che il gip ha predisposto un’udienza in Camera di consiglio per apporfondire la questione e prendere una decisione.

La richiesta di archiviazione del PM Bettini, che tanto aveva fatto discutere, “non è immediatamente accoglibile”. Con queste parole il Giudice per le Indagini Preliminari Cons. Vittorio Masìa riapre un caso che, per prassi, sembrava chiuso.
E così, fissa, “l’udienza in Camera di Consiglio – che si celebrerà presso il Tribunale di Bergamo, via Borfuro n. 11, Aula Udienze Preliminari, piano secondo – per il giorno 24.02.2011, alle ore 10.00”.
Una decisione sorprendente, se consideriamo che il Comitato “Amici della Piazza” aveva deciso di NON FAR RICORSO contro la decisione del PM Bettini, che aveva proposto l’archiviazione del caso.
Quella di non appellarsi fu per il Comitato una decisione ragionata, ampiamente discussa e, alla fine,
sofferta. Il Comitato non voleva dare l’impressione di appellarsi esclusivamente contro l’assurdo errore del PM Bettini, che aveva chiamato “Sole che ride”, quello che in realtà era un “Sole delle alpi”. Il problema era, a nostro avviso, un altro e cioè che il Pubblico Ministero aveva trattato l’argomento con eccessiva superficialità. Per questo il Comitato è sicuro che la decisione del GIP di riaprire quello che sembrava un caso chiuso, non dipenda da quella evitabile leggerezza del Pubblico Ministero. Se avessimo voluto tenere aperta la questione, ad ogni costo e per questo motivo, avremmo fatto ricorso.
Indipendentemente da quello che sarà il risultato dell’udienza del 24 febbraio 2011, la nostra battaglia continuerà come sempre. 
Continueremo a sostenere che il “sole delle alpi” è un simbolo di partito, così come abbiamo documentato in più di un’occasione.
Continueremo a sostenere che i simboli di partito non devono stare nei luoghi pubblici.
Continueremo a sostenere che un’Amministrazione che prende decisioni incurante dell’opinione di una buona fetta della popolazione è un’amministrazione prepotente e arrogante.
COMITATO “AMICI DELLA PIAZZA”

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da eva_kant

    @silvia
    se anche la lega avesse fatto qualcosa di buono nessuno glielo contesta: qui mi pare si contesti l’utilizzo di un simbolo politico in luogo pubblico. Non direi che “ci si attacca a questo” perchè brucia qualcosa, semplicemente si fa notare quello che per alcuni rappresenta una prevaricazione. Se fai qualcosa di buono ( e ce lo si augura) non è detto che ti è tutto dovuto!

  2. Scritto da Bisanzio

    Ma il “Sole delle Alpi” è un marchio registrato della Lega Nord. Quindi è proprietà privata. Come il biscione di Mediaset. Se lo si mette in una piazza o si pagano i diritti al proprietario (se è un’opera dell’ingegno) oppure si ricevono diritti pubblicitari. Il comune di Cividate non credo che paghi diritti, quindi quanto ha incassato di diritti pubblicitari? Se è un simbolo antico, spero che la Lega non registri anche i crocefissi (finora, almeno penso, non l’ha ancora fatto nessuno).

  3. Scritto da Nik

    meglio nipote di stalin che di lorenzi claudio…

  4. Scritto da silvia

    @giudice
    sono gli “amici della piazza” che non tengono altri problemi, beati loro..
    @giorgia
    ti quoto in pieno.
    anche a Cividate probabilmente la lega ha fatto qualcosa di buono, visto che al secondo mandato ha ottenuto oltre il 50% dei voti della gente. solo che questo ad alcuni “brucia” e così si attaccano a cose tipo il simbolo in piazza perchè non hanno altro a cui attaccarsi.

  5. Scritto da il giudice

    Ancora con questa telenovelas della piazza rupestre.
    Ma il paesello non tiene altri problemi, beati voi.

  6. Scritto da LORENZI CLAUDIO

    quanti bla bla da certe persone nn prendiamo lezioni di civiltà!!!!!!!!!!! cari vecchi nipotini di stalin…!!!!!!!!!!!!!!.

  7. Scritto da ALgeri T.

    la lega ha vinto e fa quello che vuole!
    giusto così

  8. Scritto da mario59

    E come dare torto ai leghisti…cioè…vediamo di essere più chiari: quello che fanno è vergognoso e scandaloso.. usare strutture e suolo pubblico, per metterci i propri simboli politici, è da partito fascista di 80 anni fa.
    Però loro hanno capito che serve a tenere buoni i loro elettori..fa niente se dopo tutti gli anni che stanno al governo, di concreto per i loro elettori non hanno fatto nulla…l’importante che i beoti continuino a credergli e a votarli.
    Fin’ora qualche cartello in dialetto, e i simboli del partito nei luoghi pubblici, per il resto.. hanno concretamente aiutato il premier, a risolvere i suoi problemi personali.

  9. Scritto da GIORGIA

    a SPIRANO ci sono le strisce pedonali VERDI.
    LE HA VOLUTO IL SINDACO I CITTADINI E NON CI SONO COMMENTI, COME MAI?
    perchè non chiedono niente a nessuno se non di vivere tranquilli con tutti i problemi di immigrazione che il sindaco leghista si è trovato.
    ci sono controlli precisi e la gente un po’ si sente riconosciuta del voto della LEGA

  10. Scritto da WLTR

    Tanto per segnalare…ce ne sono 2 a Clusone nell’acciotolato …uno al parcheggio dell’oratorio e un altro idem in una villa vicina…ché son diventati pure loro dei leghisti ? W il sole ..delle Alpi o della Sicilia dai!

  11. Scritto da norris

    Dipende come vengono utilizzati i simboli. Nel caso di Cividate è da levare punto e basta.
    Nel caso dei cimiteri irlandesi le croci celtiche ci stanno e come!!
    Questo per dire che se a Clusone ci sono i “sole delle alpi” dalla notte dei tempi è giusto che ci stiano…. ma a Cividate il “sole delle alpi” puzza di arroganza e va levato!!

  12. Scritto da leo

    giusto norris! anche io lo trovo arrogante e irriverente nei confronti di chi non si sente leghista!

  13. Scritto da TONE CECIO

    Sono naueseato di queste storie a cividate come ad Adro..i leghisti mi fanno cadere le braccia..predicano sempre bene poi razzolano male..continuano a gridare roma ladrona, sono loro a roma a governare da 2 anni nulla e’ cambiato..continuano a correre dietro al nanopremier ma lui ha ben altro per la testa svegliaaaaaaintanto l’italia va a rotoli..per non parlare del nostro presidente della provincia..RIDICOLI…

  14. Scritto da Angelo Sala

    La Lega c’ha veramente esasperato con i loro simboli. Solo chiacchiere e simboli, per fare eco ad un noto film. Il sole delle alpi è registrato a nome loro. Se fosse un simbolo di tutti si potrebbe mettere su ogni pezzo di ogni rotolo di carta igienica, come segno pubblicitario di frescura e aria pulita. Si può? Se si facesse griderebbero allo scandalo e ne rivendicherebbero la proprietà! E’ loro