BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Studenti in piazza, il Governo battuto in aula fotogallery

In molte città d'Italia si sta diffondendo la protesta degli studenti contro il disegno di riforma Gelmini-Tremonti dell’università

Più informazioni su

Palermo, Roma, Bari, Torino, Firenze, Bologna, Ancona, Milano, Cagliari, Aosta, Pisa, Napoli. Ovunque si sta diffondendo la protesta degli studenti contro il disegno di riforma Gelmini Tremonti dell’università.
Circa duemila studenti universitari che sono in corteo in via del Corso, e stanno per raggiungere piazza di Montecitorio dove si sono dati appuntamento per protestare contro la riforma Gelmini. Slogan e cori contro i tagli scandiscono il corteo. Intanto davanti alla Camera si sono già radunate altre duecento persone tra studenti e alcuni militanti dell’Unione sindacale di base: campeggia uno striscione viola con la scritta "Prove tecniche di distruzione", dei ricercatori ingegneria la Sapienza.
Via del Plebiscito, dove si trova Palazzo Grazioli, sede privata del premier Silvio Berlusconi, è stata di fatto ‘blindata’ per il passaggio del corteo degli studenti universitari de La Sapienza. Una cintura di sicurezza formata da blindati delle forze dell’ordine e agenti in tenuta antisommossa stanno bloccando tutti gli accessi.
Intanto dentro il palazzo il governo è stato battuto nell’Aula della Camera su un emendamento di Fli alla riforma dell’Università su cui l’esecutivo aveva reso parere contrario. L’emendamento, all’articolo 16 di cui primo firmatario Fabio Granata, passato con 261 no, 282 sì e tre astenuti.
La Gelmini si dice pronta a ritirare il testo qualora venisse stravolto, «mi auguro che non accada che vengano votati emendamenti il cui contenuto stravolga il senso della riforma – ha spiegato il ministro – non sarebbe accettabile, se così fosse come ministro mi vedrei costretta a ritirarla».
Intanto è probabile che slitti a martedì prossimo il voto finale sul ddl Gelmini di riforma dell’università. A confermarlo anche il presidente dei deputati Pdl, Fabrizio Cicchitto."Oggi liquideremo tutta la parte degli emendamenti e quindi arriveremo a un voto finale probabilmente martedì" ha detto ai giornalisti.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Silvio Carfagna

    @5 Roberto
    Probabilmente la riforma non va bene nemmeno alla Gelmini, visto che oggi ha votato contro se stessa

  2. Scritto da anny

    in francia hanno manifestato per l’età pensionabile alzata……….da noi è passato con il silenzio di tutti che se una persona va in pensione gli viene data un’anno dopo……..praticamente obbligano a stare un anno in più al lavoro se vuoi i soldi dell’anno che l’inps non ti paga……e il signor Bersani e Di Pietro sono saliti sui tetti con gli universitari…….e per questa legge.?????? vergogna anche i sindacati tacciono e non ci difendono più

  3. Scritto da grazie

    non molliamo!

  4. Scritto da VV

    Ma possibile che a BG nessuno faccia nulla?? Studenti organizzate qualcosa!!

  5. Scritto da laura

    Grandi questi ragazzi, stanno difendendo a tutti i costi il loro futuro: una grande “ONDA” che muove l’Italia intera!
    Noi adulti abbiamo tanto da imparare..
    Ho un grande rammarico: quando è toccato a noi genitori difendere la scuola primaria e secondaria per i nostri figli più piccoli, non abbiamo avuto abbastanza “fegato” per fare sentire la nostra voce e, purtroppo, i risultati sono sotto gli occhi di tutti..LA SCUOLA PUBBLICA E’ ALLA CANNA DEL GAS!
    GELMINI ABBI IL BUON GUSTO DI ANDARTENE!

  6. Scritto da Roberto.

    Una volta i comunisti si definivano progressisti,oggi sono i peggiori conservatori d’italia.Nessuna riforma gli va bene a meno che non la facciano loro(ricordate il furto del TFR dei lavoratori da parte del gov.Prodi e il furto notturno del 6 per mille di Amato?).Veder giovani che protestano contro una riforma che favorisce i giovani nelle università,invece delle baronie e le ruberie degli stessi fa veramente pena.Poveri giovani,preferisconol’immobilismo dei voti comprati al sud,come nel ’68.

  7. Scritto da marco

    Povero Roberto, la tua demagogia è pari solo al tuo livello di informazione…corri a vedere Fede che il tg4 è già in onda..