BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Parte l’Inno di Mameli, solo i leghisti non cantano

Prima del taglio del nastro del tratto conclusivo dell???Asse interurbano momento di imbarazzo per il viceministro Roberto Castelli e altri esponenti leghisti al seguito.

Prima del taglio del nastro del tratto conclusivo dell’Asse interurbano momento di imbarazzo per il viceministro Roberto Castelli e altri esponenti leghisti al seguito. L’Anas durante la cerimonia di inaugurazione ha infatti previsto l’esecuzione dell’Inno d’Italia. Gli assessori regionali Cattaneo e Raimondi hanno timidamente intonato l’inno di Mameli, così come gli altri presenti, tra cui molti sindaci. Bocche cucite invece per Castelli e l’assessore provinciale Silvia Lanzani.

Guarda il video
 

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ugo B.

    n°2 è si………………………..
    imparare a memoria, così i bei professoroni che non parlano italiano insegnano a scuola, poi ci ritroviamo tante belle trote che vogliono e governano l’Italia.

  2. Scritto da Sonzogni S.

    @1: scusa ma non siete dei federalisti anche Voi?
    Sai, mi risulta da qua : https://www.bergamonews.it/valli/articolo.php?id=34104….

  3. Scritto da anna

    Vergogna!!! Non aggiungo altro.

  4. Scritto da teren

    visto il video, non mi sembra che quelli che non cantano siano solo leghisti, o sbaglio?

  5. Scritto da ma va la, inno!

    L’inno non lo canta quasi nessuno e poi………………… ma chissenefrega!!!!!!! Impiegassimo di meno a fare le infrastruttue che servono, canterei anche tutta l’opera il Rigoletto. Ma pensate a qualcosa di + serio, va!!!! P.s.: caro Belotti di FLI, vabbè che avete bisogno di pubblicità, ma siete appena usciti dal Governo ed avete le medesime responsabilità di tutti. Evitate di perdere tempo sull’inno e lavorate per i cittadini, non fate le verginelle venute da Marte………..

  6. Scritto da essere antitaliani e cantare (o non cantare) l'inno

    I motivi per cui non canterei sono ben diversi da quelli che si presumono siano i motivi dei leghisti. Considero cantare l’inno una ipocrisia conformista moderna. Chi ha memoria ricorda che il problema non si poneva fino a fine anni 90. L’ipocrisia dell’inno cantato si e’ affermata parallelamente all’affermazione dell’antistato e di chi dicendosi fiero di essere italiano vi ha contribuito. De Gasperi, Einaudi, Moro, Saragat, Pertini etc etc etc hanno mai avuto bisogno di cantare l’inno?

  7. Scritto da Klavdij

    E Sì.. è PROPRIO IL CASO DI FARCI SOPRA UNA BELLA CANTATINA PER UN’ARTERIA IN RITARDO DI SOLO SOLI 20 ANNI!
    fOSSE STATA FINITA L’ANNO SCORSO, AVREBBERO PORTAT ANCHE PIFFERI E TAMBURI?

  8. Scritto da ALESSIO

    sai che novita’ …loro sono padani mica italiani..poveri noi siamo messi proprio male…w l’italia.

  9. Scritto da Fabio Belotti Coord. Prov. Generazione Italia Bergamo Comit

    che rappresentanti dello Stato e amministratori comunali provinciali e regionali non si emozionino all’ascolto del Nostro amato Inno è un fatto che deve far riflettere veramente tutti. FLI vuole unire le coscienze di tutti, per noi l’Italia unita è un valore come è un valore il senso di appartenenza alla Nostra nazione. Ormai è evidente che altri sono pronti a dividere. “Divide et impera” dividi e indebolisci tutto e tutti così potrai comandare. Una frase Romana sfruttata da tempo dalla Lega.

  10. Scritto da cap

    si erano già imparati a memoria la filastrocca per l’inaugurazione, pretendete che ricordassero anche le parole dell’Inno?
    eh dai..visti i successi scolastici del Trota cosa vi aspettate dai suoi “concamiciati”?

  11. Scritto da leghista disilluso

    Ma se questa bella gente evitasse di pendere i soldi dallo Stato italiano: visto che sono duri e puri forse dovrebbero rinunciare a qualsiasi prebenda… ma vi immaginate un leghista che rinuncia ai soldi? Loro hanno il doppio incarico e prendono tutti gli stipendi. erano partiti dicendo “Roma ladrona”, ma poi hanno scoperto che a lavorare si fa più fatica che a fare i ladroni.
    Poveri quelli che ci credono ancora.

  12. Scritto da ZIO BEPPE

    Poi i leghisti sono capaci di lamentarsi se un giocatore di calcio non canta l’inno…cari leghisti DIMETTEVI!!!!

  13. Scritto da veritas

    MA che vi attendete da questi leghisti? Sanno solo fare i Palazzinari e stringere contratti milionari con i signorotti dell’edilizia di questa e non solo regione..Vi sta bene a tutti, imparate a votarli! adesso vedrete con le prossime elezioni cosa vi faranno vedere….

  14. Scritto da Mario

    Occupiamoci di cose più importanti. Ero presente: anche gli ufficiali di polizia e dei carabinieri presenti erano in silenzio, ma sull’attenti, Io espongo la bandiera da ogni festa nazionale, ma non canto mai, perchè sono stonato, e perchè preferisco meditare sulle parole che compongono l’inno. Lo stesso facco in chiesa per le preghiere. Non sono certo più italiani di me quelli che canticchiano a mala pena la prima strofa dell’inno nazionale e muovono in qualche maniera le labbra.