BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Notai e agenti immobiliari stringono un patto

All'assemblea annuale della Fiaip siglato un accordo con il Collegio Notarile finalizzato a garantire sicurezza e trasparenza.

Più informazioni su

In occasione dell’Assemblea annuale degli Associati FIAIP della Provincia di Bergamo, tenutasi presso la sede dell’associazione di via Milano 1/A, il Presidente del Consiglio Notarile Distrettuale di Bergamo, Pier Luigi Fausti, e il Presidente FIAIP Bergamo, Giuliano Olivati, hanno siglato un Protocollo di Programma che istituisce un Tavolo di collaborazione e confronto tra i Notai e gli Agenti immobiliari orobici.
Il Protocollo Programmatico, una novità nel panorama nazionale, persegue la finalità di garantire la massima sicurezza e trasparenza possibili della contrattazione immobiliare per tutelare e accompagnare con professionalità e attenzione i cittadini durante l’iter di compra-vendita immobiliare.
“Il Protocollo firmato oggi – dichiara il Presidente del Consiglio Notarile di Bergamo, Pier Luigi Fausti – è un importante e concreto avvicinamento tra professionisti e professionalità diverse ma che, insieme, partecipano all’attività immobiliare in cui i protagonisti, siano essi privati, imprenditori, associazioni, società hanno diritto ad avere la certezza a che le attività siano sicure, trasparenti, certe. Contribuire a creare fiducia tra le parti, accompagnare il rilancio dell’economia nel settore immobiliare e favorire la crescita qualitativa del mercato sta molto a cuore al Consiglio Notarile di Bergamo”.
“La Convenzione firmata oggi è motivo di grande soddisfazione per FIAIP Bergamo – dichiara il Presidente Giuliano Olivati. Innanzitutto, per il carattere pionieristico dell’iniziativa nel nostro paese e, in secondo luogo, perché impegnarsi reciprocamente a trasferire informazioni, dati, competenze e know how con un accordo interprofessionale, non può che accrescere la fiducia di quanti sono coinvolti in operazioni immobiliari che spesso, se pensiamo all’acquisto della prima casa, per esempio, sono caratterizzate da un forte coinvolgimento emotivo ed esistenziale. Non a caso il motto di Fiaip Bergamo è “lavoriamo per la vostra tranquillità”.
Il notaio Fausti ha dato inizio alla collaborazione con una relazione sulla vendita degli immobili provenienti da donazione, indicandone i rischi e le possibili contromisure, come uno dei temi di consulenza dei notai agli agenti immobiliari.
Tra gli altri argomenti trattati nell’assemblea Fiaip Bergamo, il passaggio dalla Dia alla Scia in edilizia e la novità dell’uso della Scia (“Segnalazione certificata inizio attività”) per l’attivazione delle nuove agenzie immobiliari. “Con la Scia l’agente immobiliare autocertifica il possesso dei requisiti professionali previsti dalla legge – spiega Giuliano Olivati – diploma di scuola media superiore, corso propedeutico con piano di studi regionale ed esame alla Camera di commercio. Sappiamo che l’ente camerale bergamasco, in accordo con Fiaip, verificherà a tappeto il possesso dei requisiti entro 5 giorni lavorativi dalla presentazione della Scia e questo gli fa onore – prosegue il presidente Fiaip Bergamo – ma non sarà così in tutt’Italia, dove i controlli saranno per lo più a campione. Fiaip Bergamo ha lanciato a livello nazionale l’iniziativa di controllare i requisiti degli agenti immobiliari che chiederanno di iscriversi alla federazione. Vogliamo esercitare una funzione di controllo sulla categoria – conclude Olivati – come succede nei paesi anglosassoni dove l’autocertificazione è legge da sempre. L’agente immobiliare Fiaip è verificato all’origine nei requisiti professionali e professionalmente aggiornato grazie ad un piano di formazione continua, e il consumatore deve sapere che a lui può rivolgersi con tranquillità”.
Nell’assemblea si è parlato anche del rapporto con il Movimento Consumatori Bergamo, che svolge gratuitamente consulenza ai clienti degli agenti immobiliari Fiaip, della proposta di legge Fiaip che punta ad una laurea triennale in “intermediazione immobiliare” come requisito di legge per chi vuole lavorare nel settore, del corso di laurea in “Economia e gestione immobiliare” creato da Fiaip con Universitas Mercatorum (l’ateneo telematico delle Camere di commercio). Infine il Presidente provinciale Giuliano Olivati ha illustrato la nuova norma di standardizzazione europea EN 15733 “Servizi degli agenti immobiliari” con l’indicazione, ripresa da Fiaip, di una carta dei servizi che gli agenti immobiliari forniscono al consumatore.
Umberto Tibaldi, ingegnere e urbanista, ha parlato in una relazione molto seguita del passaggio dalla Dia alla Scia in edilizia, la differenza con il “Permesso di costruire” e le delicate problematiche connesse.
La relazione finale di Enzo Volpi, della Newtecno, ha illustrato il tema della diagnosi e riqualificazione energetica degli edifici come leva di marketing immobiliare, argomento che interessa la riflessione di Fiaip Bergamo dal 2007, suscitando nella platea un ampio dibattito conclusivo

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da no buonismo

    Lo sapevate che il 99% delle agenzie immobiliari non deposita il preliminare del contratto di compravendita??? E questa operazione dovrebbe essere a carico dell’agenzia.
    informatevi.

  2. Scritto da roberto

    ma alla fine quali sono i reali benefici al cittadino di tutto questo discorso-spot? parlate di trasparenza: ma dov’è tutta questa trasparenza?! quanto dichiara veramente al fisco il mediatore e perchè non pensare di scriverlo nell’atto notarile? mah…

  3. Scritto da 081

    Condivido pienamente il commento di empioasceta.Ma quali sicurezza e trasparenza???Due categorie pessime…che magari dichiarano al fisco quanto un metalmeccanico

  4. Scritto da giuliano olivati

    per il comunicato stampa e il testo dell’accordo di programma FIAIP BERGAMO/NOTARIATO su http://www.fiaipbergamo.it:

    http://www.fiaipbergamo.it/News/dettaglio.asp?GUID=6412

  5. Scritto da giuliano olivati

    non perdetevi la bellissima video-intervista al TG di videobergamo:

    https://www.bergamonews.it/webtv/?servizio=7294

  6. Scritto da Giorgio

    Per non saper nè leggere nè scrivere mi tocco. Basta sbarramenti e liberalizzaziamo totalmente almeno le professioni che non hanno alcun motivo di essere protette. Preparazione scolastica punto e basta , almeno per vender case !

  7. Scritto da no buonismo

    Se fosse per me non esisterebbero nemmeno queste 2 categorie. Sono sempre state in odore di MAssoneria per me, altrimenti come vi spiegate che nonostante la loro onerosità ed inutilità, sono ancora lì, belle e protette?

  8. Scritto da e

    Olivati, più si intestardisce, più la sua credibilità scende.
    Se non è già sotto il livello minimo.
    Lasci perdere.
    Dobbiamo ripetere la domanda?
    Siete li per fare opere di bene?

  9. Scritto da sono stufo di pagare

    Come mai i Signorotti della LEGA non intervengono LIBERALIZZANDO queste 2 categorie diminuendo così di molto la loro onerosità? Perchè ora che sono al governo non lo fanno? Sarebbe un impulso alla vendita delle tante case invendute, e aiuterebbe di certo l’economia edile tanto cara alla lega! Sia chiaro che tra Agenzie immobiliari (che sono INUTILI) e notai, in media per un trilocale si spendono circa 10.000 euro! 20.000.000 di vecchie lire per:INUTILE CARTA!!!!! che parlino di questo.

  10. Scritto da oh che bello!!!....

    1 dice bene. A chi vorreste farla bere?
    come dire che biancaneve passeggia la sera sulla villa d’almè-dalmine.
    Le favole e la realtà….

  11. Scritto da elio

    Ragionissima al numero 1!!!basta, LIBERALIZZAZIONE!

  12. Scritto da empioasceta

    Che bello, due delle categorie più ABBUFFINE che esistono che si coalizzano per spartirsi meglio la torta!
    Ma andate a lavorare invece, così forse vi renderete conto di cosa valgono davvero i soldi sudati con la fatica! Mi avete tra agenzia immobiliare (che per vendermi la casa si è presa 4800 euro da me e 3500 dal costruttore) e notaio (3000 euro) spennato come un pollo e in cambio consulenza e servizi 0 ma ZERO ASSOLUTO. LIBERALIZZIAMOLE invece queste CASTE.