BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Filmstudio’90: “un film” che dura da vent’anni

Un libro e una settimana di appuntamenti, dal 3 all'8 dicembre, per festeggiare l'importante traguardo dell'associazione varesina nata il 5 dicembre 1990

Più informazioni su

Giulio RossiniFilmstudio’90 compie vent’anni. La storica associazione nata il 5 dicembre del 1990 festeggia l’importante traguardo, raggiunto tra film, teatro e musica.
Nata da un gruppo di amici con la passione per il cinema, la sua sede è in Via De Cristoforis 5 e le sue iniziative si sviluppano in tutta la provincia. «Ricordo molto bene quando abbiamo deciso di sistemare questa sala – spiega Giulio Rossini, presidente dell’associazione -. Era la sede dell’Anpi e per noi è stata un’impresa, sopratutto livello economico».
Anni per risanare i costi della ristrutturazione ma Filmstudio’90 c’è ancora e continua a lavorare sul territorio. Una piccola sala cinematografica che negli anni si è distinta per la qualità dei film proposti e un’associazione che è stata capace di organizzare rassegne come “Esterno Notte”, “Note di scena” e iniziative rivolte a un pubblico di tutte le età. «Dopo vent’anni non siamo cambiati continua Rossini –. Abbiamo continuato a dialogare con la città, proponendo iniziative che rispondono alle richieste della gente. Non è stato facile, soprattutto dal punto di vista economico ma questa sala è il luogo dove siamo nati e dove siamo cresciuti». E dove continuano a crescere. Per i suoi vent’anni Filmstudio’90 ha infatti organizzato una settimana di iniziative: incontri letterari, proiezioni e incontri per ricordare la storia dell’associazione e dei suoi protagonisti.
«Quando siamo nati, Varese aveva otto sale e il cinema Mignon aveva appena chiuso. Aprire un’associazione con interesse cinematografico per noi era un’impresa ma volevamo proporre alla città il cinema di qualità». Storie e aneddoti che raccontano una città. Proprio per questo, in occasione del compleanno, Filmstudio’90 ha pubblicato il libro dal titolo “Cinema, cultura, territorio” (ed. Arterigere) dove sono riportati i racconti di chi, quegli anni li ha vissuti. Sul libro si troverà inoltre il nuovo simbolo dell’associazione, disegnato dal varesino Fabio Folla e scelto tramite un concorso online. E non è tutto. Da venerdì 3 a Mercoledì 8 dicembre nelle sale di Filmstudio’90 ci sarà «bel via vai tra le sale».

Ecco il programma

Venerdì 3 dicembre, alle 21, presentazione del libro “24+1 Cinema Chairs Project” del varesino Alberto Bortoluzzi che ha fotografato tutte le poltrone dei cinema, nuove e vecchie, in una divertente raccolta. A seguire film (che verrà comunicato al più presto). 
Sabato 4 dicembre si terrà invece la presentazione del libro dedicato ai vent’anni di Filmstudio’90. A seguire proiezione del documentario “Multisala…pochi cinema”, alle 19 Happy Hour cinematografico con proiezione di video di trailer famosi nella storia del cinema. Film alle 22 “Good Bye Lenin” (scelto tramite sondaggio dai lettori di VareseNotizie) e, a seguire, grande spaghettata e brindisi di compleanno nelle cantine della Coopuf con video e musica. 
Domenica 5 appuntamento alle 15 e alle 17 con il film per bambini (e non solo) “Porco Rosso” mentre alle 18.45, con ingresso gratuito, si terrà la proiezione del documentario “Multisala…pochi cinema” e “20 anni in 20 film”, ovvero una carrellata dei trailer dei film che sono stati proiettati nella sala varesina. Lunedì, martedì e mercoledì le proiezioni del film in prima visione non si fermano e segnaliamo, martedì sera, alle 22 con ingresso gratuito la presentazione del libro “Psyco & psyco” di Massimo Zanichelli e la proiezione del film. Mercoledì alle 18 ci sarà invece la proiezione del film “Era la città dei cinema” di Claudio Casazza.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.