BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Bocciata ancora la cava di Caravaggio Martina: la Lega la voleva, vittoria del Pd

Il consigliere regionale Democratico: "C'era il parere contrario dei sindaci, delle associazioni, della Curia di Bergamo e Cremona. Eppure la Lega la voleva"

Più informazioni su

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
line-height:115%;
font-size:11.0pt;”Calibri”,”sans-serif”;
mso-fareast-“Times New Roman”;}

Con un comunicato stampa il Partito Democratico regionale rende noto che il Consiglio regionale ha bocciato, per la seconda volta, la realizzazione della cava di Caravaggio. “Un buon punto quello segnato oggi” sostiene il consigliere regionale Martina. Il comunicato stampa:

"Con 35 sì e 34 no è stata approvata oggi in Consiglio regionale la mozione presentata dal Partito Democratico che chiede di fermare l’iter autorizzativo della contestatissima cava di Caravaggio in attesa di una nuova istruttoria da parte della commissione consiliare competente e della considerazione dei nuovi documenti emersi dopo la sentenza del Tar da parte dell’Arpa, l’agenzia regionale per l’ambiente.
La mozione è passata a voto segreto ed è stata accompagnata da un applauso dell’Aula e dei sindaci intervenuti dal territorio cremasco con tanto di fascia tricolore, ed è di fatto la seconda volta – la prima il 14 maggio 2008 – che il Consiglio si esprime contro l’ambito estrattivo ATE G38, così classificato nel piano cave della provincia di Bergamo, prima stralciato e poi riammesso da una sentenza del TAR favorevole al cavatore. Contro la cava c’era già stata una mobilitazione popolare e del territorio.
Soddisfazione è stata espressa dai primi firmatari, Agostino Alloni e Maurizio Martina, eletti per il PD nelle province di Cremona e Bergamo, con una punta di sorpresa per la dichiarazione del capogruppo della Lega Stefano Galli, che si era detto contrario allo stop alla cava.
“Il voto dell’Aula – spiega Alloni – restituisce al territorio la speranza che la cava venga stralciata dal piano cave bergamasco. La decisione espressa nel 2008 dal Consiglio era stata ribaltata da una sentenza del Tar che chiedeva al Consiglio regionale di motivare la propria decisione. Oggi, oltre due anni e mezzo dopo, finalmente riaffermiamo che quelle motivazioni esistono e possono essere valutate dalla commissione consiliare e dalla conferenza dei servizi, cioè dagli enti che dovranno prendere la decisione. È una vittoria, la seconda, della ragionevolezza su un progetto contestato da tutto il territorio.”
“Stupisce – aggiunge Martina – che nonostante il parere contrario dei sindaci, delle associazioni rappresentative del territorio e delle tre curie vescovili, la Lega sia passata alla fine a sostenere la realizzazione della cava. Il PD ha condotto una battaglia lunga che non finisce qui, ma continua con il buon punto segnato oggi”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Ma dai

    @Antonio: contento tu, ti ritroverai governato di nuovo da una come la Borghi, abbiamo visto quante buone cose ha fatto!!!!
    @Dolcini: è ufficiale anche che Legambiente non diceva nulla quando la Borghi non si era espressa contro la discarica, mentre ha sbraitato quando non ha detto nulla pirovano. Prima era solo un problema viabilistico per voi, in linea col comune, poi quando il comune ha detto no alla discarica allora anche voi li avete seguiti. Bella coerenza (di parte).

  2. Scritto da I FATTI

    Caro Dolcini, Treviglio ha detto no dopo aver imposto (paventando la mancata riconferma) agli amministratori di SABB (e a cascata di TEAM) di mutare il progetto da rifiuti speciali ad amianto. Poi, in seguito, con atti ufficiali si è opposta alla discarica, per un gioco delle parti. Se fosse stato conservato il progetto orginario, il Comune avrebbe incassato alcuni milioni di euro e l’area sarebbe già stata sistemata a verde. Insomma: l’amianto l’ha voluto (e poi rinnegato) la stessa Borghi.

  3. Scritto da Dimissionario

    Bravo Martina, ti sei guadagnato i tuoi 10.000 euro mensili, limitandoti ad aggiungere la tua firma ad un’iniziativa politica studiata e portata avanti già da altri. Bel modo di sbarcare il lunario per un trentenne completamente sconosciuto ai propri coetanei, che anni fa scrisse un imbarazzante articolo sul regime iva dei rifiuti sulle pagine milanesi del riformista, dimostrando di aver più di qualche lacuna in materia.

  4. Scritto da Miserere

    @18 – Sono anni che l’opposizione (destra) trevigliese si copre di ridicolo, lei ha un bel coraggio. Ma stiamo parlando della cava dei fontanili , fatto che riguarda tutta la bassa . Non ho mai sentito la sua bella compagnia spendere anche una sola parola.

  5. Scritto da Patrizio

    Caro 21
    io mi baso sui fatti e sui documenti ufficiali. Quindi se qualcuno non vuole una discarica dice no , se invece la vuole dice si. Il resto è chiacchiera politica in proiezione delle prossime amministrative ed è un esercizio che lascio volentieri ai tanti tromboni trombati trevigliesi di entrambi gli schieramenti.

  6. Scritto da ANTONIO

    TREVIGLIESI! vi parla uno che conosce la Lega: SE LASCIATE FARE ALLA LEGA, I CANTIERI SI TRIPLICHERANNO PROPRIO PER COMPIACERE QUALCHE COSTRUTTORE EDILE O SIGNOROTTO LOCALE CHE FINANZIA LE LORO CAMPAGNE ELETTORALI DA ANNI.

    Ciò non solo comprometterebbe l’esile ecosistema dei fontanili, ma la già compromessa situazione ambientale del trevigliese e della BASSA tutta.
    E’ mai possibile che la gente non LO CAPISCA ANCORA?

  7. Scritto da Per dirla tutta...

    Ciocca, l’amministrazione attuale di treviglio ha fatto solo danni, quindi non vedo cosa vuole difendere. Lo chieda a qualche trevigliese a caso e vedrà… Quanto scritto negli altri commenti sono cose vere, tanto che i verbali sabb sono stati, guardacaso, secretati.
    Alla faccia delle cose fatte alla luce del sole, come tanto dite di fare! Un consiglio? Lasci perdere la politica, non è obbligatorio avere successo. E lo dica anche alla borghi. Grazie a nome di moooolti trevigliesi se lo farà.

  8. Scritto da Patrizio

    Lo stop a questa cava è un semplice atto di civiltà. Questa cava ha sempre avuto il sostegno esplicito della Lega , tanto a livello locale che regionale. Documenti e dichiarazioni di noti esponenti leghisti lo testimoniano.
    Per quanto riguarda la discarica ( non cava ) di Treviglio per il cemento amianto , a livello locale tre Comuni hanno detto no ( fra cui Calvenzano , retto da leghisti ) . Treviglio ha sempre detto no. La Provincia , Pirovano in testa ha sempre detto un si mascherato

  9. Scritto da iana

    Complimenti a Martina ed ai promotori della mozione che permette il rispetto del nostro territorio. Un consiglio a “perdilatutta” quando passeggia per Treviglio e specialmente in centro,si tolga il paraocchi perchè altrimenti può sbatere la tasta contro qualche cantiere aperto dall’amministrazione comunale opuure contro il campanile appena restaurato.

  10. Scritto da Per dirla tutta...

    Invece nella vicina treviglio è il centrosinistra a volere la discarica di amianto!

  11. Scritto da Daniela Ciocca

    Adesso basta. Chiedo all’anonimo (tanto per cambiare) n.9 un indirizzo qualsiasi: gli farò avere tutte le delibere che l’amministrazione di Treviglio ha adottato CONTRO il progetto della discarica di amianto. Delibere vuol dire decisioni, manifestazioni di volontà. Ed è un secco, costante, ripetuto NO. In compenso, stiamo sempre aspettando il No di altre Amministrazioni gerarchicamente superiori. Che invece non arriva.
    Pe dirla tutta, bisognerebbe almeno leggere tutto e informarsi su tutto.

  12. Scritto da F.N

    X commento 3: spero che la facciano nel tuo giardino la cava, e una volta esausta, spero che ti ci mettano dentro!

  13. Scritto da Omertà

    Cara assessore Ciocca, l’originario progetto di discarica della Vailata prevedeva lo smaltimento di rifiuti speciali, in specie dei residui da incenerimento, poi, dopo pressioni esercitate dalla sindaca Borghi sul cda di SABB e colloqui privati di quest’ultima con Rota Nodari (il partner privato), il progetto venne mutato con la prevsione dell’amianto. Fu quindi la Borghi a pretendere il cambio di tipologia. Non mi firmo, perchè ho ragione di temere una sua vendetta, avendo detto la verità.

  14. Scritto da Bel Nome

    @12 – lei dev’essere una bella personcina , da lei capisco che non ha in mano uno straccio di documento (e parliamo di pubblica amministrazione che si esplica con quelli !) , però qualcuno le ha detto bla bla bla . Complimenti.
    Non si offende se trovo il suo atteggiamento quanto meno sgradevole , vero ?

  15. Scritto da daniela ciocca

    Spiace dover rispondere, ma lo faccio per chi legge, non per chi ha scritto. In sede di assemblea dei soci SABB il sindaco Borghi ha sempre osteggiato – da sola – la discarica di amianto, con dispiacere di molti di quelli che hanno il 49% e di Rota Nodari che ha il 51% di TEAM, proprietaria della cava. Questo perché la salute vale più del bilancio di SABB. Il resto sono balle. Si firmi pure, Cuor di Leone. Cosa potrei farle, come assessore alla Cultura, per ‘vendetta’: niente prestito libri?

  16. Scritto da JUMBO

    E LA CAVA DI AMIANTO A TREVIGLIO CHI LA VUOLE … ???????

  17. Scritto da BEN INFORMATA

    @13 o lei è la Ciocca o, come molti trevigliesi, ignora i metodi para amministrativi con cui è solita operare la ditta Borghi & C.. Le pressioni di cui parlo, come quelle sul povero Delfino per la tentata (s)vendita delle farmacie comunali, non sono ovviamente formalizzate in atti o lettere, tanto meno sono documentabili i colloqui privati dellaBorghi. Il metodo Borghi&Ciocca è la distorsione della realtà , normale, quindi, che si neghi di aver imposto la soluzione della discarica d’amianto.

  18. Scritto da daniela ciocca

    Mi arrendo. Alla bile non si comanda. Questo è il bello della rete, che ci incappa di tutto. Buona continuazione e auguri a Bergamonews.

  19. Scritto da ALICE

    … TREVIGLIO DELLE MERAVIGLIE … SI DECIDE DI FARE COSE
    TIPO DISCARICA …TIPO VENDITA FARMACIE … TIPO GRATTACIELO …. TIPO UPIM …. TIPO PLIS … E TANTO ALTRO SOLO SE DELLE PROFESSORESSE CHE HAN VINTO UN TAGLIANDO ELETTORALE HAN STRETTO LA MANO AI PRIVATI
    LA CITTA’ DA DESTRA E DA SINISTRA PRESTO SI RIBELLERA’ …

  20. Scritto da avessi io una cava!

    se è un tuo diritto aprire una cava,ti viene negato,basta che lo voglia la curia?Non sono della zona di Caravaggio e scusatemi se da disinteressato esprimo il mio pensiero,….avete tutti del BOTEP la vostra anima di ambientalisti non è sufficente a nascondere la vostra malafede,le argomentazioni che avete sempre esposto sono dei meri pretesti.peccato che Formigoni non abbia le P….:

  21. Scritto da Walter

    E’ giorno di festa , benissimo .

  22. Scritto da Jack

    @ 3 se non sei della zona di caravaggio e non conosci la situazione non capisco perchè dai fiato alle trombe. Questa è una vittoria dei cittadini di buon senso , per una cava inutile e posta in un luogo delicatissimo, alla radice d tre importanti fontanili.
    Di che malafede parli ? Della tua che ti dichiari pure disinformato ? Ma fammi il piacere.

  23. Scritto da Candide

    Perchè la Lega la voleva contro il parere di tutto quel largo schieramento ?

  24. Scritto da Lorenzo U.

    Bravo Martina , una buona notizia ogni tanto non fa male.

  25. Scritto da s.a.

    Eccome non poteva volerla, la cava è sinonimo di movimento terra, sembra che i padani volessero creare le condizioni per dar credito alle filippiche di Saviano.

  26. Scritto da finto dimissionario

    Martina, ma non ti eri dimesso??? Cosa ci fai ancora in giro?