BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Onorevoli a mille euro al mese Cos?? recuperiamo i tagli alle associazioni”

Il ???Crazy team??? dell???Avis di Villa d???Ogna risponde con una provocazione ai tagli deliberati dal governo al 5 per mille destinato alle associazioni.

Il “Crazy team” dell’Avis di Villa d’Ogna risponde con una provocazione ai tagli deliberati dal governo al 5 per mille destinato alle associazioni. Facendo due conti, tagliando gli stipendi dei parlamentari si potrebbe recuperare l’esatta cifra tolta alle associazioni.

Spettabile Redazione,

settimana scorsa i nostri parlamentari, hanno votato un provvedimento nella quale si è previsto, in ambito della legge finanziaria, di tagliare i fondi al terzo settore. Come si legge anche dal “Corriere della Sera”, “il taglio al 5 per mille è stato approvato dalla Camera nonostante un appello inviato al Parlamento da numerose associazioni, tra cui Emergency, Libera, Gruppo Abele, Greenpeace, Coordinamento Italiano Network internazionali, Medici senza Frontiere, Amnesty International, Telethon, Unicef, Save The Children”.

Visto che si passa da 400 milioni di euro a 100, come Crazy Team chiediamo di lanciare, attraverso le autorevoli pagine del Vostro sito – sul nostro sito lo faremo nella prossima consueta newsletter settimanale (vai al sito dell’Avis di Villa d’Ogna)-, la provocazione:
Onde far fronte alla crisi (e al taglio del 5 per mille al terzo settore)
"I nostri deputati e senatori a pane e acqua, ovvero a 1.000 euro al mese. E visto che siamo buoni gli offriamo un contratto fisso, con tanto di altri 1.000 euro per i contributi previdenziali". Sì: a differenza loro, non contratti di precariato, ma con contributi. Quindi 1.000 euro di stipendio e 1.000 di contributi. Visto che chiedono dei sacrifici…
Si chiede la riduzione del stipendio dei parlamentati (tutti, nessuno escluso per par condicio) che ammonta a 15.000 euro al mese – lo stipendio base, in più ci sono indennità di carica e altro che lo fanno lievitare) e coi contributi previdenziali il costo per lo Stato Italiano arriva quindi a 30.000 euro al mese.
Il risparmio sarebbe quindi di: 30.000 – 2.000 = 28.000 euro / mese.
In un anno fanno: 28.000 euro / mese * 12 mesi = 336.000 euro / anno

In parlamento, tra camera dei deputati (630) e camera dei senatori (315 a cui vanno aggiunti i senatori a vita e altri), i parlamentari sono più 1.000.
Per cui il risparmio sarebbe in un anno:
336.000 euro / anno * 1.000 parlamentari = 336.000.000 ovvero 336 milioni di euro
Ecco coperti i tagli, al terzo settore.
Nel ringraziare per l’attenzione che prestate da sempre alle nostre comunicazioni e nel complimentarci per l’ottimo lavoro di informazione del Vostro sito, l’occasione ci è gradita per porgere distinti saluti.

Crazy Team Avis Villa d’Ogna

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da giovanni forner

    Gli amici crazy dimenticano di chiedere la parificazione degli stipendi dei dipendenti di Camera e Senato e dei distaccati privati ad operare presso le sedi medesime a quelli di un metalmeccanico che, senza tema di smentita, faticano parecchio di più. Altri soldini recuperabili. Altre idee? Propongo di continuare con una lista di possibili risparmi, oltre a quelli già suggeriti per le scuole private, finanziate in barba alla legge. Denudiamo il re.

  2. Scritto da alberto

    approvo al 1000x 1000 tutto il popolo unito per approvare questa proposta,facciamoci sentire TUTTI.

  3. Scritto da pm

    Che dire? Proposta ineccepibile…
    Anzi, magari aggiungiamo anche la revoca della pensione dei parlamentari condannati per qualche reato significativo, e recuperiamo altri bei soldini.

  4. Scritto da Pullu

    Proposta ssolutamente demagogica …
    E chi ci dovrebbe andare in Parlamento a governarci: solo quelli che se lo possono permettere perchè hanno i soldi? (imprenditori, liberi professionisti, partite IVA, ecc,ecc). Staremmo freschi….
    Hanno fatto bene a tagliare il 5 per mille ….
    In questa pletora di associazioni ci sono troppi fancazzisti che approfittano di queste associazioni a scopo benefico ( i cui obiettivi statutari in alcuni casi condivido) per vivere sul gobbo degli altri …

  5. Scritto da Filosofi al governo

    Si, se hanno i soldi ci governano senza avere la tentazione di rubarci i soldi. Se vanno a governare senza soldi, se li devono per forza procurare in un modo o nell’altro.
    A governare ci devono andare i filosofi, come diceva platone, ovvero quelli che riducono talmente i consumi superflui per cui non hanno bisogno di soldi, o si procurano il superfluo con soldi propri.
    Capito Pullo? Credo di no, tu non sei un filosofo.

  6. Scritto da vecchio stampo ultras bg

    villa d’ogna forever….by chi della biciòcca

  7. Scritto da SILVIO TITANIC

    @8 A.Z. BG
    Ha ragione, Calderoli lo propose, poi poverino venne intimorito dalla sinistra e nella Finanziaria (DL n. 78 del 31.05.2010, ART. 5) approvò con il suo governo di diminuire del 10% lo stipendio a “Ministri e Sottosegretari di Stato che non siano membri del Parlamento nazionale”. Sa quanti sono in tutto? 9 su 945.
    Fino a quando ci sarà gente che crede alle favole…
    LEI ritiene + opportuno dare i soldi a Belpietro e Repubblica piuttosto di darli all’AVIS. Ma per favore!