BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Zampagna saluta tutti: “Smetto col calcio”

L'idolo della curva atalantina appende le scarpe al chiodo dopo l'ultima esperienza alla Carrarese ed un curriculum di tutto rispetto fatto di 382 reti tra i professionisti

Più informazioni su

Dopo 476 partite, di cui 382 tra i perofessionisti e 49 in serie A con le maglie di Messina e Atalanta, Riccardo Zampagna ha deciso di lasciare il calcio. Lo ha fatto propbabilmente domenica pomeriggio, all’atto della sostituzione con il Giulianova, quando ha salutato tutto lo stadio di Carrara in un modo che qualcosa faceva supporre. Il giorno dopo, lunedì, Zampagna ha compiuto 36 anni, è tornato a Carrara solo per la cena promessa alla squadra che lo ha festeggiato. Oggi la lettera di saluti. Motivi? Arriva il momento in cui forse qualcosa di spegne. Al "Cinghiale" è successo domenica. E lui, personaggio così eclettico, vero, a volte anche difficile del nostro calcio, sicuramente molto diretto, ha ascoltato la vocina che gli ha detto di smettere dopo aver raccontato la favola del dilettante lavoratore che è arrivato in A a 31 anni. Ecco le sue parole.
L’ADDIO DI ZAMPAGNA – «Sono molto dispiaciuto di lasciare il calcio, soprattutto in un momento così bello per la Carrarese. Ho trovato e conosciuto una città, delle persone e dei tifosi superbi. In soli tre mesi sono tornato quel giocatore importante che conoscevo. Per tutto questo vi ringrazio. Mi sicuso in primis con Nelso Ricci; spero che questa mia decisione non rovini il nostro rapporto, basato sui valori umani autentici. Mi scuso con la società, con la città e con i tifosi carrarini. Sono certo che comunque la Carrarese saprà raggiungere traguardi importanti anche senza di me. Il calcio è un gioco di squadre e questo è un gruppo molto solido. Con enormi volori sia umani che tecnici. Sono onorato di essere stato il loro capitano; vorrei ringraziare tutti i compagni per i momenti intensi e speciali trascorsi insieme. Forza Carrarese forza ragazzi…non mollate mai!».

(da corrieredellosport.it)
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da REDS 65

    Riccardo perdonali perchè non sanno quello che scrivono !!!
    TANTA ROBBA !

  2. Scritto da vecchio stampo ultras bg

    IMMENSO RICCARDONE!!! figlio di un calcio d’altri tempi….grinta e cuore sempre….ogni tifoso vorrebbe un giocatore in campo come te specchio della gente onesta sincera lavoratrice….bergamo, quella saggia umile curvaiola ti ringrazia di tutto…da tapezziere a cannoniere con le fere nel cuore! a presto…

  3. Scritto da piero

    un giocatore tutto sommato modesto, gli Ultras BG stravedevano solo perche’ era nato a Terni… ma si potra’ ? Bravo Del Neri a cacciarlo per ammutinamento !

  4. Scritto da dario

    l’ allontanamento da Bergamo tre anni fa e’ stata la sua fine professionale, se fosse stato piu’ accorto avrebbe potuto dare ancora molto

  5. Scritto da Marco

    … grande Riccardo, un rigraziamento per le forti emozioni che ci hai regalato, come dimenticare le tue reti in rovesciata e il tuo attaccamento al pubblico bergamasco e la tua testa dura! PIERO E DARIO esempio delle “nostre” tribune, ma … più che tribune, DIREI POLTRONE! Modestamente naturalmente … .

  6. Scritto da piero

    i tifosi come Marco n. 3 sono ancora convinti che i giocatori siano attaccati a una maglia, si e’ vero, ma quella in cui giocano in quel momento !
    Mi viene in mente per esempio il calciatore Taddei ( Roma ) che ad ogni gol mimava il gesto del battito del cuore, lo faceva a Siena, a Roma… ma quanti cuori ha Taddei ?

  7. Scritto da gigi

    la cacciata di Zampi fu un colpo di fortuna per l’ Atalanta in quanto esplose Floccari, un grande giocatore, umile e soprattutto educato….

  8. Scritto da nando

    e’ il calcio che ha smesso con te

  9. Scritto da REDS 65

    RICCARDONE, TANTA ROBA …
    SEMPER A CRAPA OLTA !

  10. Scritto da Aladin

    Grande Riccardo, indelebili nella memoria dei tifosi Atalantini i tuoi gol impossibili.Come quelli fatti a Roma e Fiorentina non li ho mai visti fare da nessuno, delle invenzioni pure, da grande fuoriclasse. Per non parlare della rovesciata al Brescia che rimarrà nella storia. I tuoi comportamenti istintivi ti hanno nuociuto, ma lo sai tu prima dei moralisti che ti impalano. Buona fortuna!

  11. Scritto da illusi

    per Marco n. 3 e 7 : cosi’ attaccato a Bergamo che nelle sue dichiarazioni non c’e’ traccia…

  12. Scritto da ernesto

    se Zampagna era un fuoriclasse io sono Ruby Mubarak

  13. Scritto da 1907ABC

    PIERO: nessuno ha detto che è un campione
    DARIO:vai a confessarti che magari qualche magagna l’hai pure tu. o sei Dio?
    PIERO BIS:hai detto bene…”i tifosi come Marco”..almeno lui è un tifoso. non come te.
    GIGI:vero..mise in luce sergio.
    ERNESTO.. misero.
    riccardo ha dato emozioni….non era un campione…non sarà stato un calciatore modello….ma da lui ci si poteva aspettare goal incredibili… ha lasciato un grandissimo ricordo.