BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

“Nessuna lite in sala parto? I genitori di Samanta non sono stati sentiti”

Il legale dei genitori della bambina rimasta invalida contesta i risultati della commissione dei Riuniti che non ha interpellato chi ha fatto la denuncia.

Più informazioni su

Egr. direttore,
Bergamonews e la stampa locale hanno pubblicato la notizia che un’apposita commissione d’indagine istituita dalla Regione lombardia, con partecipazione  della ASL e degli Ospedali Riuniti di Bergamo, avrebbe escluso litigi in sala parto nel caso della piccola Samanta Zekaj, nata gravemente invalida a gennaio 2010. Tengo a precisare che detta commissione se l’è suonata e cantata da sè nel senso che non ha ritenuto di interpellare i genitori della bambina e/o il loro avvocato, ovvero il sottoscritto. Non si capisce come sia possible condurre una ragionevole e imparziale inchiesta senza sentire "l’accusa"e senza avere copia della denuncia. Misteri regionali. Nel frattempo i familiari hanno citato in sede civile, chiedendo il risarcimento dei danni, gli Ospedali Riuniti. La prima udienza si terrà il 15 febbraio 2011 avanti il Tribunale di Bergamo mentre prosegue l’indagine penale affidata al PM dott. Mancusi. La bambina si trova attualmente ricoverata in ospedale in quanto purtroppo le sue condizioni sono ulteriormente peggiorate. I coniugi Zekaj, pur nell’enorme sofferenza che stanno sopportando, sono fiduciosi che la magistratura saprà far chiarezza e giustizia in ordine al caso.
Distinti saluti

Avv. Roberto Trussardi

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da disumani

    mondo di….

  2. Scritto da marilena

    d’accordo con paolot. per 3: è innegabile che la disabilità sia dovuta a sofferenza da travaglio, spero che su questo lei condivida.

  3. Scritto da riccardo

    Interessante. Io e mia moglie litighiamo. Io convoco una commissione (io, mio fratello, e il mio amico gimmy) e stabiliamo che ho ragione io. Ottimo !

  4. Scritto da mamma 75

    Avv. mi scusi. ma se interpellavano Lei o i suoi assistiti cosa sarebbe cambiato?!?!?!Scusi il sarcasmo, ma ormai le cose in Italia funzionano così…..La cosa grava è che ormai è così è procedura sbaglaita, il buon senso è scomparso, le inchieste si conducono mi passi il temnine a tarallucci e vino! La cosa grave in questa triste vicenda è che questi medici, ostretrici e infermieri non si siano mai degnati di CHIEDERE PERDONO a questo piccolo angelo

  5. Scritto da greatguy

    fermo restando l’enorme rispetto per le persone coinvolte. Ma “mamma75” perchè qualcuno dovrebbe chiedere perdono se non è colpevole di nulla??? lei dà per scontato che i medici abbiano sbagliato ma questa al momento è una cosa che dicono i genitori della bimba, i medici dicono un’altra cosa…quando la verità sarà appurata sicuramente qualcuno dovrà chiedere scusa

  6. Scritto da paolot

    per greatguy: qui non si tratta di reato o meno. Una mamma sana con figlia sana (come descrive l’ecografia del giorno del ricovero) viene tenuta due giorni in sala travaglio con i medici che si limitano a dire spinga spinga (c’è scritto questo nell’articolo e nella denuncia). Dopo la nascita della bambina invalida questi medici avrebbero dovuto quantomeno stare vicini, coccolare e scusarsi con questa mamma che peraltro non può più avere figli. O no?