BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Usura, sciopero della fame “per proteggere anche le partite Iva”

Lo sta conducendo Frediano Manzi, da anni in prima linea contro il racket

Più informazioni su

frediano manzi, racket usuraE’ iniziato da 24 ore lo sciopero della fame di Frediano Manzi, ex presidente della associazione S.o.s racket-usura. A darne notizia il presidente di Sos Italia Libera, Paolo Bocedi.
Da lunedi 22 novembre iniziera’ anche lo sciopero della sete e la sospensione di tutti i farmaci che assume per la sua malattia cronica.
Lo scopo della protesta gia’ iniziata si basa su 4 punti fondamentali.
“Primo, la modifica della legge sull’usura 108/1996 che di fatto esclude dal risarcimento dello Stato, tutti coloro che non sono in possesso di una partita IVA nonostante abbiano deninciato i loro usurai – fa sapere l’associazione in una nota”.
Secondo, “la possibilita’ di ottenere, dopo la denuncia per il reato di usura, il fondo dello stato in 12 mesi. “E non come accade attualmente – continua il comunicato – (3/5 anni) a causa delle lungaggini burocratiche, tutto questo causa la mancanza di fiducia verso le istituzioni ed il calo delle denuncie per usura”. Poi “la possibilita’ che tutte le associazioni antiracket riconosciute e non possano far parte del comitato nazionale antiracket che delibera i fondi, “non privilegiando come fatto fino ad ora, i soliti nominativi che da anni sono presenti all’interno del comitato. In ultimo intervento immediato da parte dell’autorita’ giudiziaria di rimuovere dai siti web, tutte quelle inserzioni illegali (presenti a migliaia ).. di sedicenti societa’ finanziarie, che compiono quotidianamente migliaia di truffe, indirizzando presso i canali usurai, le ignare vittime che ad esse si rivolgono.
“L’associazione riconosciuta dallo Stato S.o.s italia libera appoggia e condivide pienamente i quattro punti sopraindicati da Frediano Manzi – ha commentato il presidente Paolo Bocedi – , che fotografano perfettamente la realta’ di migliaia di vittime che hanno perso la fiducia nello stato. Invito tutte le altre associazioni antiracket ed antiusura presenti su tutto il territorio nazionale ad aderire e sostenere la protesta gia’ iniziata, facedo levare la propria voce a sostegno di questa giusta iniziativa”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.