BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Sempre più solida l’alleanza Microsoft-Facebook

Accordi milionari ed il futuro delle telecomunicazioni da qui a dieci anni, Google che perde terreno, Facebook e Microsoft che avanzano.

Più informazioni su

Che fra Microsoft e Facebook corresse buon sangue era cosa nota, ed in questo caso non è il vino a fare buon sangue, ma il buon sangue a fare buon vino, un vino di nome email.
Accordi milionari ed il futuro delle telecomunicazioni da qui a dieci anni, Google che perde terreno, Facebook e Microsoft che avanzano. In questi mesi si sta muovendo qualcosa da fare invidia a “I pirati della Silicon Valley”.
Già pochi giorni fa assistemmo alla risposta implicita a una domanda che tutti si pongono da molto: perché la chat di Facebook fa così schifo? L’implementazione delle ricerche di Bing nel motore Facebook e viceversa hanno svelato una realtà che gli addetti ai lavori conoscevano già da molto: il reciproco rispetto dei rispettivi terreni si sta trasformando in collaborazione.
Ed in risposta al perché la chat di Facebook fosse così scarna e poco funzionale ora arriva una email, ma non solo nella tua casella di posta: in quella di 600 milioni di utenti.

Lo scenario:
Facebook ha stretto accordi con Microsoft basandosi inizialmente sul reciproco rispetto, consapevole che un domani questo si sarebbe tradotto in collaborazione, quel domani è oggi. Anzi, è proprio domani.
E’ infatti domani che sbarcherà nel porto degli end-user una nave con a bordo la possibilità di avere la propria email con suffisso @facebook.com, una possibilità molto trend che fa gola a centinaia di milioni di adolescenti. Ed è così che Facebook diventa il braccio armato di Microsoft sull’utenza under 18, nei confronti di cui Redmond è sempre stata lacunosa.
La chat di Facebook al centro di tutto, ma perché? La risposta si chiama “Windows Live Messenger”. Gli accordi di reciproco rispetto inizialmente stabiliti dai due big prevedevano che nessuno mordesse il terreno dell’altro e viceversa: se vuoi chattare in tempo reale installa Windows Live Essentials ed il suo Messenger.
E’ inoltre in cantiere, insieme a Facebook Mail, un sostanzioso aggiornamento di Windows Live Mail. Gli utenti di Facebook Mail infatti non dovranno perdere tempo a inserire macchinose configurazioni, indirizzi IMAP, POP3, SMTP o chissà quale altra altisonante sigla. Se avrai Facebook Mail non solo la tua webmail sarà disponibile ogni qualvolta aprirai Facebook, ma potrai gestirla anche da Live Mail semplicemente inserendo nome utente e password.
Facebook Login: anche questo cambierà. La pagina più invariata di sempre subirà una piccola modifica per tutti quegli utenti che sceglieranno di passare al servizio di posta elettronica offerto da Facebook: non più utente@provider.com, né tantomeno utente@facebook.com, solo utente. Come si fa per i servizi di Google sottoscritti con account Gmail.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.