BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Il Giro d’Italia passerà da Città Alta

Il 26 maggio il Giro d'Italia farà tappa a San Pellegrino passando da Città Alta. Il 27 maggio partirà da Bergamo alla volta di Macugnaga.

Più informazioni su

Il Giro d’Italia torna a far tappa in terra bergamasca. Il 26 e il 27 maggio 2011 due tappe del 94° Giro d’Italia, che sono state presentate mercoledì 17 da PromoEventi Sport e dal Comitato Tappa del Giro, si fermeranno a san Pellegrino e a Bergamo.
La 18a tappa del Giro, che partirà da Morbegno, arriverà il 26 maggio a san Pellegrino Terme, passando anche attraverso Bergamo Alta – ultima variazione inserita nel percorso – per un totale di 152 chilometri. Il giorno dopo la 19a tappa partirà da Bergamo alla volta di Macugnaga per 211 chilometri.
“E’ stato aggiunto un nuovo passaggio in Città Alta – ha spiegato Angelo Zomegnan, direttore del Giro d’Italia alla conferenza stampa di presentazione delle tappe bergamasche del Giro – mentre non potremo andare nella Bassa bergamasca perché rischieremmo di sforare i chilometri concessi. Ma comunque sarà una tappa importante. Avevamo chiesto un anno di pausa per poi tornare di nuovo qui. Bergamo non poteva mancare all’appuntamento. Il giorno dopo la tappa di san Pellegrino si ripartirà da Bergamo per Macugnana: una tappa che toccherà ben sette provincie tra Lombardia e Piemonte”.
Un’occasione importante, anche dal punto di vista turistico per la Provincia di Bergamo ed in particolare per san Pellegrino che “dopo 34 anni – aggiunge il sindaco Gianluigi Scanzi – torna ad ospitare una tappa del Giro. Ed è davvero importante perché tutta la bergamasca ha dato tanto al ciclismo e al Giro d’Italia”. E si merita, secondo Giovanni Bettineschi presidente di PromoEventi, “i riflettori puntati sulla sua storia”, anche quella ciclistica visto che ha dato molti campioni al Giro, come Felice Gimondi, Ivan Gotti, Paolo Savoldelli e proprio Ivan Gotti che è salito sul podio del Giro nel 1997 e nel 1999 è nato e cresciuto a san Pellegrino. E per lui sarà proprio un’emozione “perché – ha commentato Ivan Gotti – è il giro che io vinto e portarlo qui nel paese in cui vivo è per me molto particolare”. Del resto san Pellegrino sente il Giro un po’ suo forse perché, come ha spiegato Felice Gimondi, può vantare “il record delle tappe: 8 in tutto nel corso della storia del Giro d’Italia”. E aggiunge subito che non sarà una tappa proibitiva, anzi “si presta a qualche colpo di mano, soprattutto nel finale. Dopo gli orridi ci sono piccoli rettilinei che se uno va in fuga è difficile vederlo”.

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.