BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Frana, la strada per il Pora ancora chiusa

Resta chiusa la strada provinciale per il monte Pora e le frazioni di Malga Alta e Colle Vareno. Si valuta una riapertura pedonale.

Più informazioni su

Normal
0

14

false
false
false

IT
X-NONE
X-NONE

MicrosoftInternetExplorer4



/* Style Definitions */
table.MsoNormalTable
{mso-style-name:”Tabella normale”;
mso-style-parent:””;
line-height:115%;
font-size:11.0pt;”Calibri”,”sans-serif”;
mso-fareast-“Times New Roman”;}

L’unica strada che da Castione della Presolana porta al monte Pora e collega alla valle le frazioni di Malga Alta e Colle Vareno, resterà completamente chiusa almeno fino al primo pomeriggio del 17 novembre. Per la serata si prospetta l’ipotesi, ancora da confermare, di un’apertura parziale solo per i pedoni e in determinate fasce orarie, per consentire alla trentina di abitanti delle due frazioni di potersi spostare più agevolmente, con la "scorta" della polizia locale e della protezione civile.
Queste le prime decisioni assunte in mattinata dalla Provincia di Bergamo, tramite l’assessore alla Protezione civile Fausto Carrara, e dalla Ster di Bergamo (Regione Lombardia) dopo un sopralluogo.
“Prendiamo atto che il movimento franoso è ancora in corso – dice l’assessore Carrara -. La ditta ingaggiata dal Comune sta ancora intervenendo a monte della frana, per capire al meglio la situazione”.

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da villeggiante

    Quella strada è pericolosa da sempre, eppure è frequentatissima nelle stagioni turistiche. Questo è stato l’episodio più imponente, ma un paio d’anni fa c’era stato il crollo di un masso su una jeep di passaggio, che per fortuna non aveva centrato l’abitacolo, e sassi se ne vedevano ogni giorno, sulla strada e nelle poche reti di protezione. Quindi, anche qui è un disastro annunciato. Io passo di lì spesso e mi sono sempre detto che sarebbe successo prima o poi. Mentre chi di dovere dormiva.

  2. Scritto da montagna

    Per fortuna che non c’è scappata una vittima, altrimenti, sarebbe stata detta la solita frase: “Montagna assassina”..La montagna non ha invece alcuna colpa, han colpa gli uomini che non la considerano come dovrebbero

  3. Scritto da MontePora

    Tra poche settimane sarà S. Ambrogio e si aprirà la stagione turistica. Voglio vedere come si tiuscirà a metter ein sicurezza la strada per allora. Trascurare le situazioni poi si ritorce contro: il turismo ne risentirà non poco

  4. Scritto da a Paola

    Non so se hai motivo, Paola, di difendere i politici. Informati, qualcosa si sarebbe potuto fare prima. Ma bisogna aspettare sempre l’episodio eclatante per farlo. Non sono tutti e solo eventi imprevedibili.

  5. Scritto da Paola

    Le strade di montagna franano in caso di eventi atmosferici imponenti. Suvvia, non diamo la colpa ai politici anche per questo.

  6. Scritto da montagna

    Non diamo le colpe ai politici: ma chi siede nei luoghi deputati alla salvaguardia del territorio? Comune, provincia, regione? i politici: che pongono e dispongono. A chi bisogna dare allora le responsabilità? Solo a Giove pluvio? Certamente quando di lì passavano solo le capre, non c’er aproblema. Ora passano le auto e gli uomini, e il problema c’è molto di più, le responsabilità pure.

  7. Scritto da che "disastro"

    Ma qualcuno qui ha visto le Foto della”disastrosa Frana”in 2 Ore di Lavoro,1 Pala Meccanica 2 Camion,si sarebbe riaperta la Strada:e poi ci lamentiamo tanto dei Meridionali che si lamentano…

  8. Scritto da montagna

    se è vero e io ci credo che la frana è ancora in movimento, non c’è tanto da lavorarci sotto, che si sia a Castione o a Catanzaro.

  9. Scritto da Paola

    Alla fine è meglio mettere un cartello con scritto ATTENZIONE CADUTA MASSI, così le istituzioni se ne possono lavare le mani, no?
    Ho visto la franetta, un po’ più ingente dei soliti sassi in mezzo alla strada.
    Piuttosto sarebbe meglio prendersela con chi percorre certe strade di montagna a velocità elevata: gli ostacoli naturali e non possono essere moltissimi e la visibilità è sempre ridotta.

  10. Scritto da Attendiamo è meglio...

    @ 8 Montagna… giusto,aspettiamo che lo Smottamento “Frana”si muova da solo e sgomberi la Strada tutto per suo conto,intanto magari potremmo anche richiamare dalla Pensione Bertolaso,ed intanto arrivano magari anche i Soldini dalla Regione etc…!

  11. Scritto da Pota

    Ma Paola non sarai per caso una parente o una dipendente del comune di quella zona??!!! Da come parli e da quanto difendi la categoria politica mi sembra di sì!!
    Cosa centra la velocità di chi passa? Vuoi dirmi che le vibrazioni smuovono una montagna?
    E poi se la “franetta” fosse caduta sulla tua testa?