BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Fiaip: ok Belotti, stop al doping urbanistico

Il presidente della Fiaip di Bergamo Giuliano Olivati pronto a collaborare con le istituzioni per trovare il modo di far diventare le seconde case un'opportunità per il turismo

Il presidente della Fiaip di Bergamo Giuliano Olivati pronto a collaborare con le istituzioni per trovare il modo di far diventare le seconde case un’opportunità per il turismo

Caro direttore,
ho letto le dichiarazioni fatte dall’Assessore regionale all’Urbanistica Daniele Belotti durante il convegno sulle seconde case “Da problema a opportunità” organizzato da Confcooperative, e devo riconoscere che ha avuto il merito di mettere il dito nella piaga.
Come Fiaip Bergamo, la Federazione agenti immobiliari professionali, abbiamo lanciato da anni attraverso il nostro Osservatorio immobiliare l’appello contro il "doping urbanistico" di quei Comuni che cementificano progressivamente il territorio per ripianare le spese (anche quelle correnti) con gli oneri di urbanizzazione.
Siamo per la salvaguardia del territorio e il contenimento del consumo di suolo, perché come agenti immobiliari professionali sappiamo che le case si vendono meglio in quelle località dove si realizza un virtuoso equilibrio urbanistico tra verde ed edificato, evitando la colata di cemento stile periferia milanese anni Cinquanta, quella di "Rocco e i suoi fratelli".
Siamo intervenuti nel dibattito sul Pgt di Bergamo, Dalmine e Treviglio sempre difendendo il principio dello sviluppo sostenibile e non invasivo. Tra un brutto palazzone di periferia e un parco che valorizza il quartiere e il suo patrimonio immobiliare scegliamo il parco. Detto questo, non siamo nemmeno tra i "ragazzi della via Gluck", contrari al mattone a prescindere. La civiltà occidentale, piaccia o meno, si fonda sulla creazione degli spazi urbani. Non a caso un proverbio medievale dice che "l’aria della città rende liberi". Il problema quindi non è se costruire, ma dove, come e quanto costruire. Questo vale a maggior ragione per le seconde case, che si inseriscono in un tessuto delicato e irripetibile come quello delle nostre valli, colline e laghi, un territorio di una varietà e bellezza da non temere molti paragoni.
Evitando gli eccessi della cementificazione indiscriminata, le seconde case non vanno demonizzate facendo di ogni erba un fascio, ma considerate una risorsa economica del territorio. Restano sfitte e poco utilizzate? Incentiviamone la locazione, in modo che nei periodi in cui non le usa il proprietario possano ospitare altre famiglie, lungo una stagione estiva da giugno a settembre e nel periodo invernale delle settimane bianche, oltre alla settimana di Pasqua, al ponte dei Morti ecc. Per questo Fiaip intende fare rete, mettendo in internet le settimane di vacanza da affittare negli appartamenti affidati alle nostre agenzie immobiliari. Si vuole creare un portale web provinciale o regionale per portare quest’offerta turistica in tutto il mondo, approfittando dell’aeroporto internazionale di Orio? Siamo disponibili a collaborare con le istituzioni a tutti i livelli. E’ ora di rimboccarci le maniche come sanno fare i bergamaschi. Trasformiamo tutti insieme le seconde case da problema a risorsa economica per il territorio.

Giuliano Olivati
Presidente provinciale Fiaip Bergamo

IL CONVEGNO

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Fiaip Furbetti.

    FIAIP Immobiliaristi,da che Pulpito…:il Dito nella “Piaga” cela gia messo tanta Gente prima del sig Belotti,lui è uno degli ultimi,non è che voi Furbétti volete fare a “fatta la Legge,trovato l’Inganno né…!?

  2. Scritto da giorgio57

    Ma che bravi, che veri ecologisti. O forse ci sano tante di quelle seconde case non vendute che nessuno pensa nemmeno lontanamente a fare neanche i progetti per delle altre. Chissà come mai i nostri cari immobiliaristi non hanno detto queste cose negli ultimi vent’anni quando il mercato tirava e le case si vendevano come il pane…chissà, ma, proprio non me lo spiego….