BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Cancelli sbarrati: “Fermiamo il pignoramento Fema”

Il Tribunale di Bergamo ha nuovamente rigettata l’istanza della proprietà: giovedì il pignoramento. La Fim Cisl: “Cancelli sbarrati dai lavoratori”.

Più informazioni su

“È allucinante”. Massimo Lamera, della Fim Cisl non trova altri aggettivi per descrivere quanto sta vivendo perla vicenda Fema.
Oggi, il giudice del tribunale di Bergamo, nell’udienza tra azienda e Equitalia (l’Inps era assente) ha ancora una volta rigettata la richiesta di Fema di rateizzare le imposte e fermare il pignoramento dei macchinari, motivandola con il ritardo con cui la richiesta era giunta.
Giovedì mattina gli ufficiali di Equitalia si presenteranno così davanti alla ditta di Cortenuova per pignorare i macchinari.
Ci troveranno a sbarrare i cancelli – continua Lamera – dalla fabbrica non uscirà nulla, perché questa operazione mette in pericolo il lavoro di oltre 200 persone, in una fabbrica che non conosce crisi, e con una proprietà che ha già garantito di pagare quanto dovuto. Tutta la vicenda ha del paradossale: si discrimina, in un momento come questo un’azienda che ha e dà lavoro. Né alluvioni, né crisi ci mettono in ginocchio. Ci riesce lo Stato. Lo stesso Stato che poi dovrà intervenire per pagare gli ammortizzatori sociali”.
Lamera lamenta anche la lontananza delle Istituzioni. “Il Prefetto ancora non si è fatto sentire. Insisteremo comunque nella nostra lotta: qui i lavoratori chiedono solo la possibilità di lavorare”.

CORTENUOVA Macchinari pignorati alla Fema

LA PROTESTA Mobilitazione per Fema, Comital e Busetti

CORTENUOVA Prime ingiunzioni di pagamento per la Fema

CORTENUOVA Senza stipendio, la Fema in agitazione

 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da elle

    LARES e METALLI PREZIOSI A PADERNO DUGNANO…FEMA, RUBINI SINTERIZZATI, MEC SINTER E DIGIPAK A CORTENUOVA….la proprietà è sempre della stessa finanziaria, gli amministratori sempre gli stessi, le facce sono sempre le stesse…..non è forse ora di dire BASTA a questa sorta di “imprenditori”?
    Hanno messo in ginocchio migliaia di famiglie, che si dica la verità!

  2. Scritto da emme

    Perchè non chiediamo a questi “bravi imprenditori” a quanto ammontano i debiti che Fema ha accumulato (oltre naturalmente a quello di Equitalia) sia nei confronti dei fornitori che dei propri dipendenti?
    Non basta “dare lavoro a 200 persone”… Basta bugie e promesse non mantenute, questi bravi imprenditori hanno rovinato e, ancora, stanno rovinando la vita di troppe persone!

  3. Scritto da marinella

    Torciano ha rilevato la Fema da un concordato fallimentare, non ha pagato ancora l’azienda, non ha mai pagato i contributi e… altro!!!! si è impossessato di aziende con mezzi alquanto singolari , spacciandosi proprietario di immobili e altre aziende che non ha mai pagato, io lavoravo per un’azienda che grazie alle sue palle e cartacce è fallita….

  4. Scritto da mauro

    Torciano ha ingannato tutti , ha protestato tutte le aziende, ne ha fatte fallire altre , ha condanne di ogni genere, ha rovinato tante persone!!!

  5. Scritto da mario59

    Aziende malgestite come questa finiscono per tirare nel pantano anche aziende sane..causando un effetto domino…ormai in Italia di aziende che tirano bidoni c’è piena l’aria..i responsabili sanno perfettamente che alla fine, non gli succederà nulla..è mia convinzione che se i furbi disonesti, che spesso operano dietro a tali aziende, venissero arrestati e detenuti in carcere.. sarebbero molto meno le truffe e le prese in giro, purtroppo a scapito, di chi crede ancora nella correttezza e onestà.

  6. Scritto da MHA!

    Qesta gente crea solo danno.
    I soldi recuperati non bastano neanche a pagare i loro lauti stipendi.
    Andate a faticare che siamo stanchi di mantenervi.

  7. Scritto da m.b.

    > e allora che lo paghino, se 200 famiglie rimangono sulla strada l’ unica responsabilità è della FEMA, cosa vogliamo fare togliere il debito in modo da dare un precedente e rischiare che tutte le altre aziende non paghino più nessuna tassa ? E POI LA FIM SEMPRE LI PRONTA A DIFENDERE I PADRONI ma come mai non li presta lei i soldi alla FEMA per pagare le tasse, così risolve il problema, i soldi delle tessere dei suoi inscritti li metta a disposione

  8. Scritto da Alberto

    Davvero degli autentici fenomeni di intelligenza e sagacia, questi di Equitalia (ma ci metterei anche i signori del tribunale): uccidono la mucca che da loro il latte.
    Parassiti statali mantenuti.

  9. Scritto da BRUNA

    SAPPIATE CHE SI PARLA SOLAMENTE DEI DEBITI CHE LA FEMA HA NEI CONFRONTI DI EQUITALIA (E NON SONO POCHI SPICCIOLI)
    LA MIA AZIENDA E’ CREDITRICE DELLA FEMA E CI SONO DECINE DI FORNITORI DEI QUALI NESSUNO NE PARLA CHE VANTANO IMPORTI NOTEVOLISSIMI E CI SI CHIEDE COME FARA’ A PAGARE TUTTI COME CONTINUA A PROMETTERE LA PROPRIETA’ DA DUE ANNI . E IL SIG LAMERA -CISL CONOSCE LA REALE SITUAZIONE FINANZIARIA? COSA VUOLE SALVARE –
    i fornitori non pagati rischiano di chiudere x colpa della fema