BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Medici a convegno sulla terza et??

Sar?? la figura sociale dell???anziano a fare da protagonista al convegno dal titolo ???Un manifesto per la terza et?????, organizzato dall???Ordine dei Medici della Provincia di Bergamo.

Più informazioni su

Ogni anno la società registra un pensionamento di 270 mila anziani, un dato che cela diverse problematiche, spesso rimaste inascoltate di fronte all’indifferenza delle istituzioni. Sarà la figura sociale dell’anziano a fare da protagonista al convegno dal titolo “Un manifesto per la terza età”, organizzato dall’Ordine dei Medici Chirurghi e degli Odontoiatri della Provincia di Bergamo.
La finalità del convegno che venerdì 19 e sabato 20 novembre affronterà i temi rispettivamente della previdenza e degli aspetti sociologici della questione, sarà proprio quello di monitorare tutte le iniziative, associazioni e organizzazioni interessate a problemi che investono la terza età per giungere a soluzioni utili volte a ridefinire il ruolo dell’anziano nella società odierna.
Ma cosa si intende per terza età? Si tratta di un punto molto critico e controverso, difficile da definire, associato agli anni 60-65, anni in cui avviene il pensionamento. Per garantire un benessere fisico e mentale a questo strato sociale, è necessario tuttavia passare per una rieducazione sul tema per rimuovere stereotipi ed atteggiamenti radicati nella società che etichettano l’anziano come inutile, scomodo e vecchio ma che in realtà rappresenta un patrimonio per l’umanità. Ci si trova di fronte ad una evoluzione della società: la crescita della longevità, impone nuovi atteggiamenti che guardino agli anziani come una risorsa ancora utile e non come un peso economico che peraltro sarebbe deleterio non solo per lo Stato, ma anche per se stesso. La vecchiaia non deve più essere associata a solitudine, malattia, povertà e inutilità, ma a una categoria sociale di riferimento e allora anche gli stereotipi culturali del pensionamento a 60/65 anni devono essere rimossi perché a questo è inevitabilmente associato un diritto di sostentamento dello Stato che la povertà dello stesso non può sempre sostenere.
Un dato importante riguarda la professione dei medici: tra 3-4 anni inizierà un esodo di pensionamento forzato di circa il 30 % dei medici iscritti all’Ordine su un totale di 370.000 iscritti e dalla nazione con il maggiore numero di medici si passerà a una carenza (si pensi che negli Stati Uniti si registrano 600.000 medici). A Bergamo, di 5000 medici iscritti all’Ordine, quest’anno andranno in pensione circa 479 medici.
Il convegno si pone in questo modo come una prima fase per giungere, dopo l’analisi della situazione italiana, a soluzioni e proposte utili perché le Istituzioni e i cittadini collaborino per permettere a ogni individuo a costruirsi la vecchiaia giorno per giorno.
Il convegno, “Un manifesto per la terza età”, coordinato dal Presidente dell’Omceo Bergamo Emilio Pozzi, ospiterà i vertici della Federazione nazionale dell’Ordine dei medici. Si svolgerà al Palazzo dei contratti e delle manifestazioni ex borsa merci, via Petrarca, 10, Bergamo, dalle 14.30 di venerdì 19 e dalle 8.30 di sabato 20 alle 12.45. L’ingresso è libero
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.