BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

Ed è ancora boom di ascolti

Il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano è stato visto da 9.031.000 spettatori, registrando oltre 20 milioni di contatti e una media di share del 30,21%.

Più informazioni su

Boom d’ascolto senza precedenti per la seconda puntata di "Vieni via con me" in prima serata su Raitre. Il programma di Fabio Fazio e Roberto Saviano è stato visto da 9.031.000 spettatori, registrando oltre 20 milioni di contatti e una media di share del 30,21%. Invece di subire il calo fisiologico che in molti si aspettavano dopo il boom della prima puntata con il lungo show di Roberto Benigni, il programma ha incrementato il suo ascolto, nonostante la concorrenza di "Grande Fratello 11" su Canale 5 e "Montalbano" su Raiuno.
Anche in questo caso, però, "Vieni via con me" ha suscitato forti critiche all’interno del mondo politico. «E’ un misto di settarismo e di mediocrità», ha infatti tuonato Fabrizio Cicchitto. «Fazio e Saviano – afferma il capogruppo del Pdl alla Camera – hanno fatto dei mediocri comizi senza contraddittorio. Saviano ha attaccato la Lega senza che venisse dato a nessuno la facoltà di risposta. Anche l’invito ristretto a Fini e a Bersani a parlar di destra e di sinistra è una manifestazione di faziosità; entrambi non sono certamente al di sopra delle parti e hanno offerto delle performance di per sé modeste, paradossamente però inferiori sul terreno della faziosità ai comizi dei due conduttori. A questo punto non ci resta che rivolgere un interrogativo al presidente della Rai, al suo direttore generale, sulla incredibile unilateralità di questo e di molti altri talk show. Che in un contesto del genere venga attaccato Minzolini dà il segno di una ottusa faziosità imperante nel mondo radiotelevisivo».
 

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da Manuela

    Passi Montalbano, ma che si dica che nonostante la concorrenza del
    “Grande Fratello 11” ..mi sembra un’offesa. Per favore, non confondiamo la seta con gli stracci….

  2. Scritto da verde per davvero

    propongo una moratoria della parola “faziosità”, non se ne può più!

  3. Scritto da orestolo

    I numeri dicono più di tante parole, Cicchitto a perso come al solito una buona occasione per stare zitto. Non si può imporre il contraddittorio per legge, ad un talk show per giunta. Come se la banda B. non avesse la possibilità di esternare una qualsivoglia S. nelle sue televisioni o, con la compiacenza di mediocri direttori, sulle televisioni pubbliche.
    Come diceva qualcuno … MA MI FACCIA IL PIACERE .

  4. Scritto da tuttialsugo

    Beh, c’e’ da capirlo cicchitto… vorrebbe su ogni canale dei Minzolini, dei Fede, dei Sallusti, dei Feltri, etc. etc. etc. Questa è per lui la vera liberta’ di informazione. Il rovescio (buffo) della medaglia, e’ che con questa trasmissione il suo padrone guadagna un sacco di soldi (visto che e’ proprietario di Endemol che la produce). Tutto quello che Silvio tocca sembra diventare oro… peccato non gli riesca con l’Italia, i rifiuti di napoli, la politica in genere.

  5. Scritto da Rino

    Proprio come al “grande fratello”.
    Quando c’è gossip l’italiano sguazza.

  6. Scritto da corti-novis

    ieri in famiglia in quattro funzionava solo un televisione, tutti attaccati alla trasmissione di Fazio. Di solito ci si divide in tre

  7. Scritto da marco

    Fazio può piacere o meno, ma le sue trasmissioni restano uno dei pochi spazi di civiltà rimasti in questa televisione

  8. Scritto da M. Belpietro

    A Maurizio Belpietro era stata proposto un programma di approfondimento alla RAI, l’ha confermato lui stesso, poi però quando i pubblicitari hanno capito che si trattava proprio di quel Belpietro sono scappati. Niente garanzie di copertura dei costi, niente soldi, niente programma. Semplice. Mesto mesto Belpietro se ne è tornato Libero.
    Anche Antonio Socci sostituì Annozero (ricordate Excalibur?), fece il 9% di share e lo cacciarono.
    Porta a Porta con Berlusconi (settembre 2009) fece il 13%.

  9. Scritto da mario59

    Cicchitto fa solo il suo mestiere, tiene la parte di colui che lo paga, pertanto si permette di fare dei discorsi, senza tenere conto del consenso che la trasmissione ha ricevuto dai cittadini…mi rendo conto che per certi personaggi, svolgere “il proprio dovere” non è sempre facile..ma del resto si sarà pure abituato a queste situazioni…dopo di che, credo che sarebbero in molti a essere capaci di fare il suo lavoro, magari pure meglio, oltre che a un costo inferiore.

  10. Scritto da cuìn

    cicchitto, un mediocre da sempre.

  11. Scritto da il giudice

    Degradante e moralmente oltraggioso.

  12. Scritto da cirmolo

    parliamo di soldi: Fazio è una miniera. Fa guadagnare alla RAI, cioè a me come cittadino, più di quanto mi costa. Basterebbe questo per far chiudere la bocca ai Belpietro-Feltri-boys. Perchè a loro non affiderei nemmeno un servizio sul “giorno dei morti”, saprebbereo essere ancora più funebri.