BergamoNews.it - Bergamonews notizie in tempo reale da tutta Bergamo e provincia: cronaca, politica, eventi, sport ...

L’Atalanta dopo la disfatta di Empoli: La fiducia di Pedersoli, il pessimismo di Sulas

Dibattito più piccante che mai lunedì pomeriggio al bar sport in diretta di Bergamonews. Si parla ovviamente della disfatta empolese e del futuro dell’Atalanta dopo un inizio di campionato altalenante.

Più informazioni su

Il giornalista Giangavino Sulas e l’avvocato Federico Pedersoli sono stati i protagonisti del Bar Sport di Bergamonews.it, nella puntata in cui si è parlato della disfatta di Empoli. Che fare dopo la scoppola rimediata dagli undici di Aglietti? Sulas ha le idee chiare: “E’ arrivato l’ora di fare scelte nette e, a mio giudizio, è il momento di cambiare. Colantuono non ha più in pugno la situazione ma se si vuole confermare il tecnico allora gli si dà fiducia illimitata e incondizionata, cosa che non mi appare la società abbia viste le parole di Spagnolo”. Direttore generale che ha ripreso pubblicamente, nell’immediato post-partita in Toscana, squadra e allenatore parlando di “prestazione vergognosa”.
Più morbida la linea di Pedersoli che difende a spada tratta Colantuono. “E’ ovvio che siamo rimasti delusi nell’assistere alla trasferta di Empoli – le parole dell’avvocato -, una delusione aumentata dal fatto che venivamo da tre vittorie consecutive. Detto questo, Colantuono non si tocca perché siamo in linea con l’annata record di cinque anni fa e perché il tecnico dà il meglio di sé nella seconda parte della stagione”. Dunque, nonostante Piacenza ed Empoli bisogna stare tranquilli? “Assolutamente sì – la risposta di Pedersoli -, con questa rosa vinceremo il campionato, bisogna solamente stare tranquilli. Poi qualcosa bisogna aggiustare e qualcosa, secondo me, lo vedremo a gennaio: nel mercato di gennaio Percassi interverrà per dare un’ulteriore sistemata alla rosa magari con l’acquisto di una punta rapida e di un centrocampista di qualità”. Tranquillità che non alberga in Sulas. “La cosa che mi ha colpito – le parole del giornalista – è che la sconfitta di Empoli è diversa da quelle di Piacenza e Novara dove avevamo comunque disputato due buoni primi tempi. In Toscana noi non abbiamo giocato per novanta minuti ed è questo che mi preoccupa”.
Guarda la registrazione per scoprire gli altri temi trattati: Ardemagni, Pettinari ed il ritorno di Pinto.

Guarda il video

Più informazioni su

Commenti

L'email è richiesta ma non verrà mostrata ai visitatori. Il contenuto di questo commento esprime il pensiero dell'autore e non rappresenta la linea editoriale di BergamoNews.it, che rimane autonoma e indipendente. I messaggi inclusi nei commenti non sono testi giornalistici, ma post inviati dai singoli lettori che possono essere automaticamente pubblicati senza filtro preventivo. I commenti che includano uno o più link a siti esterni verranno rimossi in automatico dal sistema.

  1. Scritto da gibo 31

    Dubito che con questa rosa di giocatori si possa raggiungere la serie A, a meno che non facciano vedere qualità che al momento proprio non hanno .

  2. Scritto da Sergio-Svizzera

    x Stefano
    Lo conosco il tedesco, lo parlo e lo scrivo. è la mia lingua di lavoro. Infatti ho subito notato , chiamiamoli così , due errori di di battitura (si scrive böse, non “bose”, sein e non “seid”) e ho immediatamente realizzato che si trattava delle parole pronunciate da Hitler qualche anno prima dell’invasione della Polonia. Prendo atto della sua precisazione ma continuo a pensare che la frase, scritta per incitare la Dea, è fuori luogo. Nulla di personale, mi creda e cordialità.

  3. Scritto da stefano

    X Sergio-Svizzera
    ok capitolo chiuso
    la dieresi purtroppo non c’è sulla tastiera italiana, e un errore di battitura capita, ma non siamo a un corso di tedesco.
    Mi dispiace che la frase abbia dato fastidio (anche a me chi l’ha pronunciata non piace per nulla ripeto), ma è ovviamente limitata ed adattata ad un ambito sportivo e nulla più.
    Comunque è giusto che ognuno esprima le sue opinioni e forza Atalanta

  4. Scritto da Sergio-Svizzera

    x Stefano
    Sempre e comunque forza Atalanta. Ma mi lasci aggiungere ancora una cosa, caro Stefano: non ho mai dubitato della sua buonafede come non ho mai dubitato della correttezza di “Bergamoneuw” , che nel rispetto della libertà di opinione e senza usare le forbici del censore ha consentito a lei e a me di esprimere liberamente le nostre personali considerazioni. Cordialità.

  5. Scritto da Stefano

    X Sergio-Svizzera:
    infatti ho precisato parafrasando in senso positivo; sono consapevole che l’autore di quella frase è una persona esecrabile. E peraltro se conosci il tedesco ho eliminato senza pietà e la parte finale che sono le peggiori

  6. Scritto da doll

    d’accordo con mario 2.
    E d’accordo con Zapperi.
    Se la stoffa dei giocatori qualcosa vale, la trama la deve tessere il tecnico.

  7. Scritto da Stefano

    X l’ avvocato Pedersoli
    come dice scozia:
    wir mussen bose seid, bevor die anderen bose werden
    Parafrasando in senso positivi più determinazione, più grinta degli altri, perchè altrimenti ne prendiamo 3

  8. Scritto da mario

    la mia impressione e’ che le vittorie della squadra siano abbastanza casuali, le sconfitte invece seguono un filo logico

  9. Scritto da Luca

    Sottoscrivo il commento di Stefano, saluto Scozia e l’Avvocato! Ai giocatori ricordo solo quanto la gente di Bergamo ama l’Atalanta, quindi basta squallide figure in giro per l’Italia; grazie!

  10. Scritto da Sergio-Svizzera

    Non era necessario citare Adolf Hitler (” Wir mussen böse sein..ovvero ” Dobbiamo essere cattivi, senza pietà, prima che gli altri diventino cattivi. Per questo abbiamo creato i campi di concentramento…) per incitare la Dea